Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Sabato 21 Maggio 2022
Oggi si festeggiano:
SS. Vittorio,Donato e Poliento mart.
S.costantino
B.Ludovico


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
L'insalata non ha sapore, se manca il primo fiore

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


TUGLIE
Borgo della Civiltà Contadina del Salento
I frantoi ipogei
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale

L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
Il Giornale
Libero
La Stampa
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il mercato in piazza
La grotta dei cervi
I dolci di Natale
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...
Uno Sport solo per Donne, il Mamanet

Altrevoci
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello

Salvatore Malorgio
L'artista...le opere
La mammana

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
FRANTOIO IPOGEO DI VIA TRIESTE – MUSEO DELL’ULIVO
Ricostruito dall’Associazione Rotaie di Puglia nell’ambito del programma regionale “Luoghi Comuni”



Il Frantoio Ipogeo di Via Trieste a Tuglie è una struttura costruita nel 1700 per consentire la produzione dell’olio d’oliva, soprattutto di qualità lampante. È stato totalmente scavato a mano nella roccia e a testimonianza di ciò è possibile vedere sul soffitto i numerosi segni dei copi di piccone dati dagli “zoccatori”. La pietra nella quale il frantoio ipogeo è stato ricavato è la caratteristica “Pietra di Tuglie”, un carparo simile a quello ben più noto gallipolino ma dalla consistenza più compatta e per questo più difficoltoso da scavare e lavorare.
Il Frantoio è detto ipogeo (dal latino ipo-geo = sotto-terra) perché è una struttura scavata nel sottosuolo e ciò veniva fatto poiché l’ambiente sotterraneo si prestava benissimo nella conservazione delle olive e dell’olio grazie alla sua temperatura umida e costante. La struttura originale di questo frantoio non era quella che vediamo oggi. Essa ha subito infatti negli anni ‘60 una profonda ristrutturazione in quanto all’epoca i Frantoi Ipogei erano oramai considerati un ambiente malsano e quindi da chiudere, smantellare o cancellare; erano diventati quasi una vergogna. Sopra al Frantoio l’amministrazione comunale dell’epoca decise di realizzare il Mercato Coperto e di dotare quest’ultimo di servizi igienici pubblici (un vanto per l’epoca) che furono realizzati in sostituzione della camera che nel Frantoio ospitava la macina per la molitura delle olive. Fortunatamente per salvare la memoria, la grande macina fu portata in superficie e posta come monumento all’entrata del Mercato Coperto laddove è possibile vederla ancora oggi. Gli ambienti retrostanti furono invece chiusi a chiave per decenni e videro la luce solo in rare occasioni di manutenzione dei wc.



LA RINASCITA
Nel 2014 l’Amministrazione Comunale al fine di recuperare la memoria storica di Tuglie, decise di smantellare i servizi igienici realizzati negli anni ‘60 divenuti loro nel frattempo ambienti malsani e degradanti e di recuperare ciò che era rimasto di quello che era il Frantoio Ipogeo. Al posto dei vespasiani venne creata una reception e i locali del frantoio che erano scampati alla ristrutturazione furono recuperati e dotati di totem con un impianto di illuminazione a luce fredda. Il frantoio, seppur privo di qualsiasi strumentazione storica, rivide così nuova luce come contenitore culturale per ospitare mostre ed incontri pubblici. Tuttavia persisteva l’annoso problema dell’umidità che di fatto ne ha decretato una seconda chiusura.
Candidato successivamente al programma regionale “Luoghi Comuni”, è stato assegnato all’associazione giovanile Rotaie di Puglia che, grazie ad un finanziamento di 40.000 € ha restituito al frantoio la sua originale funzione e bellezza. Per non alterare gli ambienti e nel rispetto del luogo, sono state create e posizionate le copie delle antiche strumentazioni con materiali semplici quali polistirolo e legno, l’illuminazione a luce fredda è stata sostituita con un’illuminazione a luce calda e il sito è stato dotato di deumidificatori mobili che hanno reso l’ambiente fruibile e quindi visitabile.

Clicca qui per la visita virtuale del Frantoio Ipogeo

COME FUNZIONAVA IL FRANTOIO IPOGEO?
Tramite delle apposite botole (una è ben visibile nella cavità scavata alla sinistra del torchio frantale) le olive venivano calate giù nel frantoio e stipate in vista della successiva molitura. La molitura avveniva posizionando le olive nella vasca della grande macina (posta al centro del frantoio) e al di sopra delle stesse veniva fatta ruotare una grande ruota in pietra (generalmente granito) che veniva spinta da asini o muli ai quali venivano bendati gli occhi per evitare che girasse loro la testa. La poltiglia ottenuta dalla molitura veniva poi raccolta e posizionata sopra appositi recipienti filtranti circolari detti “Fiscoli”; i fiscoli a loro volta venivano posizionati sotto ad appositi torchi “alla calabrese” (a due vitoni) che avevano il compito di pressare la colonna di fiscoli e di conseguenza dalla loro pressatura far fuoriuscire l’olio che per gravità cadeva alla base dei torchi dove erano posizionati dei pozzetti di raccolta (in questo frantoio sono andati perduti). Dai pozzetti l’olio veniva poi raccolto e messo in appositi recipienti, giare o vasche dette pile, per poi essere portato in superficie e commercializzato.



L’IMPORTANZA DELL’OLIO NEL SALENTO
L’olio nel Salento ha per secoli rappresentato una fonte di ricchezza, oltre che essere un elemento nutritivo. Migliaia di alberi di ulivo nella stagione autunnale producevano tonnellate e tonnellate di olive che a seconda del periodo di raccolta davano una diversa resa di olio; se raccolte presto davano bassa resa e bassa acidità, se raccolte tardi davano alta resa e alta acidità (l’olio a bassa acidità è quello extravergine). Nel ‘700 si afferma nella Terra d’Otranto il commercio dell’olio “lampante” ovvero quell’olio dalla alta acidità che non essendo idoneo all’alimentazione, si prestava invece benissimo per alimentare i lumi delle strade delle grandi città del nord Europa. L’olio lampante, dato dalle olive raccolte tardivamente dalla alta resa e dalla alta acidità, generò quindi notevole ricchezza economica a tutta la Terra d’Otranto e ogni giorno decine di navi partivano dal porto di Gallipoli cariche di olio verso le grandi città dei mari del nord. Per la grande quantità di navi e merci legate al commercio dell’olio lampante, il porto di Gallipoli fu il secondo porto più importante del Mediterraneo fino alle metà del 1800. Ciò spiegava la presenza massiccia di frantoi ipogei nei comuni dell’entroterra gallipolino e a tal proposito va detto che Tuglie ne contava ben 13.

IL MUSEO DELL’ULIVO
Proprio per l’importanza che la pianta dell’ulivo ha rivestito nel corso dei secoli per tutto il Salento e per la ricchezza che le sue olive hanno portato a chi negli anni ha vissuto questa terra, l’Associazione Rotaie di Puglia nell’ambito del progetto “Trappitu Express” finanziato dal programma regionale “Luoghi Comuni” ha deciso di realizzare all’interno del Frantoio Ipogeo quello che è il primo Museo dell’Ulivo del centro sud Italia. Il Frantoio Ipogeo di Via Trieste, dopo essere rinato, diviene quindi la culla ideale ad ospitare le testimonianze di quegli alberi che producevano le olive qui macinate e che purtroppo oggi un batterio venuto da lontano (la Xylella Fastidiosa), ne sta cancellando le tracce, la bellezza e la memoria.



Per informazioni
FRANTOIO IPOGEO DI VIA TRIESTE – TUGLIE (LE)
Sede del Museo dell’Ulivo
Via Trieste, accanto al Mercato Coperto
www.museoulivotuglie.it
Mail. info@museoulivotuglie.it
Cell. 3471225188
Facebook: Museo dell’Ulivo – Tuglie
Instagram: museoulivotuglie
Associazione Rotaie di Puglia
www.rotaiedipuglia.it
Mail: rotaiedipuglia@gmail.com
Cell. 3471225188
Facebook: Rotaie di Puglia
Instagram: rotaiedipuglia


 



Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio Imperiale
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Livio Calò recensione
Otello Petruzzi recensione
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top