Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Martedi` 27 Giugno 2017
Oggi si festeggiano:
S. Cirillo d'Alessandria
S.Maggiorino vesc.
S.Ladislao


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Ben venga ogni risata spontanea e scanzonata

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...Maurizio Nocera e le su "Tajate"
Le tajate - Le antiche miniere di pietra di Tuglie


Nel mio antico paese c'è un luogo della memoria che non si cancella mai. Le "Tagliate" (tajate in dialetto) della contrada "Li Monaci", sulla collina della strada provinciale che da Tughe porta a Collepasso. Questo luogo della memoria è ancora oggi sul confine tra l'agro tugliese e quello parabitano. Un luogo al cui interno, recentemente (anni '70) è stata fatta l'eccezionale scoperta della Grotta delle Veneri, che tanta rinomanza ha portato all'intero Salente. Ma non per ciò tale luogo è incancellabile dalla mia memoria, nonostante che in quella Grotta, anch'io, ancora giovanissimo, ci ho messo piede nel momento in cui gli archeologi salentini e toscani andavano scoprendo quel tesoro dell'umanità che sono le due Veneri paleolitiche. No, non per questo. La mia memoria è legata a quel luogo (non so se ancora oggi esistente), che si trovava tra le coordinate costituite dalla "Masseria vecchia" dal "Casino dei monaci" e dalla Discesa agricola che dall'agro di Tuglie porta verso Parabita al di là della strada ferrata. Un luogo magico, incantato, fatato. Un motivo, per me sicuramente ancestrale: mia madre mi confessò che lì, nella Tagliata, mi aveva concepito un inizio d'estate di tanto tempo fa. Sarà forse per questo, forse anche per altro, che sono rimasto ad esso legato. Comunque, in questo straordinario luogo della memoria, mia nonna mi ha pure cresciuto, forse un po' come un gufo di alta parete di cava. Nella grande Tagliata, finché c'è stata la necessità, ha vissuto tutte le buone stagioni di ogni anno la mia famiglia.
-"Vai a prendere l'acqua dalla cisterna", mi comandava la nonna. Ed io, spaventato come un passerotto appena uscito dal nido, mi recavo con le gambe tremanti verso la capiente cisterna che si trovava al di fuori del recinto della tajata. Non riesco a ricordare il numero degli alberi di fico che crescevano in quel luogo. Ma nella mia mente li rivedo oggi come tantissimi. Grandi, medi, alcuni anche nani. Tutti però abbondantissimi di straordinari frutti di ogni grandezza e di multiformi colori. Erano questi splendidi alberi che facevano da cornice alla spelonca nella quale vivevamo, nel senso che mangiavamo quando c'era da mangiare, e dormivamo quando c'era da dormire; e questo perché l'intera famiglia di mia nonna consisteva, tra mariti, zie e nipoti più di 15 persone. La spelonca infatti non era più grande di tre metri per tre, ed era ricavata da un grande sperone di parete inclinatosi su di un fianco con tre muri a secco che la richiudevano e che mio padre aveva tirato su alla meglio. Eppure in questo angusto luogo tutta la famiglia riusciva a stare. Bisognava stare. Perché c'era un compito primario da assolvere: raccogliere i fichi, spaccarli e quindi distenderli al sole per la seccatura.

Solo recentemente mi hanno detto in paese che i fichi secchi provenienti dalla Tajata dell'Antonietta, detta La Mìlòrdana, erano tra i migliori. Ciò non era dovuto, almeno credo, alla bravura di mia nonna nel tagliarli e seccarli, e neanche alle buone cure della scelta dei frutti fatta da mia madre e dalle sue tre sorelle; piuttosto credo che il giudizio positivo provenisse dal fatto che i fichi crescevano e venivano essiccati in un luogo composto essenzialmente da polveri di tufo, a loro volta fortemente profaniate da moltissime erbe aromatiche che lì crescevano spontaneamente, come il timo, la salvia selvatica, le differenti specie di origani, la mentuccia, gli spessi e verdissimi uluzzi, altre erbe e arbusti ancora. Sarà stato sicuramente questo intreccio di terre, odori, condizioni climatiche a dare loro quel caratteristico sapore ai fichi secchi di quei posto. I lavoratori della Tajata (i famosi zzoccaturi) andavano matti per questi fichi,della mia nonna e, al mattino presto, spesso all'alba, si calavano nei punti meno controllati e facevano delle grandi scorpacciate.


foto Caputo

 Non so quale straordinario senso visivo o di calcolo percettivo avesse mia nonna, però era inevitabile che subito si accorgesse dell'ammanco, per cui per tutto il giorno se ne andava girando per la Tajata lamentandosi per quell'innocuo, tutto sommato, furto. Bambino com'ero, non comprendevo la natura profonda del danno che quei giovani zzoccaturi arrecavano a quella povera vedova della mia nonna, per cui, quando ciò accadeva, me ne stavo nascosto sotto il grande fico accanto alla spelonca nell'attesa di vedere ritornare il sorriso sulla sua faccia. Cosa potevo capire allora? Solo molto tempo dopo, un grande vecchio del paese mi fece sapere che quella buona donna si portava dentro un dolore immenso: il marito, ancora giovanissimo, era stato "precipitato" da mano fascista proprio in una di quelle Tajate, e per ironia della sorte, quel qualcuno che aveva commesso il delitto si era poi prodigato per far sì che alla vedova, rimasta sola con quattro figlie femmine, delle quali la più grande, mia madre, aveva solo nove anni, fosse data in affitto (ma è meglio dire un affitto quasi per niente) una di quelle immense cave, all'interno della quale piantare gli alberi di fico e dei loro frutti cibarsene e lavorarli per poi meglio venderli.   "Il cielo si sta oscurando a temporale. Corri Maurizio, corri, corri a prendere le coperte che copriamo i fichi messi a seccare. Corri, altrimenti questo inverno non mangeremo nulla", mi implorava la nonna. Ed io, come un puledro che trotterella, correvo a prendere ogni sorta di copertura che potesse servire al salvataggio dei preziosi frutti. Il temporale poi arrivava per davvero, ed erano fulmini e tuoni impressionanti lungo tutta la Tagliata. Io tremavo assieme alle foglie di quegli alberi di fico sotto la pioggia d'estate. La mia nonna allora, metteva tutta intera la sua famiglia in piedi sui pagliericci della spelonca e li ci faceva pregare a voce alta:

"Alzati San Giovanni e non dormire
che vedo tre nuvole camminare:
una d'acqua
una di vento
una di forte maletempo
Alzati San Giovanni e non dormire
e portale presso una riva di mare
là dove non canta gallo
là dove non luce luna
là dove non nasce anima creatura".

Io però continuavo ugualmente a tremare.
 

Maurizio Nocera         


 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top