Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Sabato 29 Aprile 2017
Oggi si festeggiano:
S. Caterina da Siena
S.Roberto
S.Ugo di Cluny ab.
S.Pietro di Verona


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Per S. Caterina il gregge alla collina

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Virgilio Notizie
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Troppo rumore fa troppo SENTIRE…

Questo report nasce, dopo un intervento di psicologia dell’emergenza fatto da me in uno dei luoghi colpiti dal terremoto del 6 Aprile 2009 in Abruzzo.
E’ il punto di vista di uno psicologo dell’emergenza che arriva in un territorio “in rovina”; un punto di vista personale e privato, non giornalistico ma vissuto e sentito. E’ una pagina di un diario personale da condividere,affinché chiunque pensi a quel territorio distrutto, possa percepire ciò che veramente accade.
Una volta un mio caro amico mi disse "l’emergenza è la dimensione in cui ti muovi bene...forse lì è la tua strada".....
credo che nessuno abbia avuto così tanta ragione....
e così mi sono iscritta ad un master di psicologia dell’emergenza.
Da sempre sento dentro...
l'impellenza del soccorso....
riesco a dare il meglio di me nel QUI ed ORA -e dunque in una dimensione che si svolge- di un'emergenza ...
Quando accadde il crollo delle torri gemelle un senso di profondo vuoto mi accompagnò per giorni e tutt’ora ogni volta che guardo anche solo un'immagine di quella catastrofe mi sento svuotata da un'esperienza che ho dovuto solo subire....
senza esserne parte... senza almeno aver avuto la possibilità
di raccogliere così tante lacrime e così tanto dolore...
Quell'evento ha cambiato la percezione del mio essere e del mio vivere...
e così ho fatto in modo che questo diventasse una professione!!!
Appena ho saputo del terremoto...
sarei partita subito..
ho smosso mari e monti per poter andare..
ma i giochi politici e gli interessi di potere
sono a volte invalicabili...
e ho dovuto attendere una chiamata ufficiale...
e così arrivo a San Vittorino...
piccola cittadina a 7 km da L'Aquila
soltanto il 10 aprile…
ci arrivo a mezzogiorno durante i funerali di stato...
vedo le tende
e mi ritrovo in una dimensione quasi ovattata
senza rumori...
tutti si muovevano quasi senza fare rumore...



Arrivo… felice della mia compagna di viaggio
una splendida psicologa alta un 1,80
che si muove come se fosse una farfalla o come le ballerine eteree
che si vedono alla Scala….
È fluente…morbida…. quasi impalpabile…
Sento che c è lei con me…
Mi viene in mente una splendida frase del film Speed…
Sandra B. dice a Keanu R. dopo averla salvata innumerevoli volte
IO SO CHE LE STORIE BASATE SU AVVENIMENTI ECCEZIONALI NON DURANO MAI….
È l’epilogo però di una dimensione relazionale che bisogna osservare e vivere…
Mi rigira nella mente per tutti i giorni che vivo lì nel campo….
Perché lì…in quella dimensione di emergenza le storie…non sono mai le storie banali… no… sono storie eccezionali…
Sono storie relazionali che si intrecciano ad un livello così profondo che poi sai forse non potranno durare..perché nella pancia(la sede delle emozioni) non si può stare per troppo tempo in quella dimensione…
Arriviamo e osserviamo ciò che c’è intorno a noi!!!
Guardo le case… e mi stupisco perché sono tutte integre
…lì in quel “luogo” all’apparenza è esattamente tutto integro…
Anna è con me… silenziosa… mentre il caposquadra parla…
E la sua voce fa troppo rumore nei miei pensieri!!!
Entriamo nel campo ed è ora di pranzo..
Tutti quanti sono affaccendati…
I volontari stanno consegnando i pasti..e le persone invece sono sedute a mangiare….
Ci accoglie MT, la psicologa a cui dovremo dare il cambio…ci racconta tutto camminando…
E poi ci sediamo a mangiare con tutte le persone…
Inizio ad osservare… mi colpisce G.. una ragazzina silenziosa e taciturna…
E poi inizio a guadare tutti negli occhi…
C’è tanto dolore… lo sento nella pelle…..e nel cuore…
Anna è sempre con me…
E il mio caposquadra mi dice che devo mangiare anch’ io (è un rito)…
Ma il mio stomaco è sottosopra
Per tutta la notte e tutto il giorno sono stata INCONTINENTE (non contenevo ciò che provavo).
Inizia a dirci che dobbiamo portare giocattoli e libri sui tavoli “il cibo per la mente”…
Ma le mie impellenze sono altre…
Sbircio i bambini… alcuni corrono..
Altri camminano con le biciclettine…e percepisco la fatica dei genitori di stargli dietro
Quando vorrebbero stare per conto loro…
Decido di ”diventare operativa”…
E così me ne vado alla tenda dei bimbi…e un’intuizione folgorante mi arriva nella mente…
Capirò dopo che ho fatto un intervento simbolicamente significante!!!
Chiedo ai bimbi di aiutami a costruire la mappa della tendopoli,dando i nomi alle strade e alle piazzette… lo faccio perché volevamo fare una caccia al tesoro,ma in realtà il giorno dopo mi rendo conto che in qualche modo avevo anch’ io bisogno di riferimenti…
Di mappare un posto… di dargli un nome…di capire dov’ ero….e come potevo muovermi!!!e se avevo sentito questo.. probabilmente era un movimento controtransferale[1] sotterraneo che mi coinvolgeva!
Mi ritrovo poi tra i tavoli a scherzare con i nonni della tendopoli e con i bambini….
Anna la sento vicina… e confusa…
Risvegliate da chissà cosa abbiamo capito … e così insieme abbiamo iniziato a VIVERE IL CAMPO…
Iniziavamo a dare un nome alle persone…iniziavamo ad avere punti di riferimenti chiari…forti e contenitivi…
E un solo giorno era pari a tre per la mole di emozioni travolgenti che imperversavano dentro di me!!!
Sentivo che ero giunta a parti molto nascoste di me…
Belle… e in ombra…
In quelle relazioni la paura non esiste….il giudizio non esiste…
Esiste una comunanza profonda…un obiettivo comune che non ti fa vedere il mondo con gli occhi banali… ma c è qualcosa di più…
In una madre terra che si è ribellata e ha tremato….distruggendo senza avviso….
Tante piccole madri.. tanti piccoli figli erano senza nulla ..senza punti di riferimento…
Soli….in un vuoto coperto da rumori!!!!
Il terremoto non è solo al di fuori… non distrugge solo le case..ma crepa e sotterra anche l’anima…
Distrugge ciò che siamo stati fino a quel giorno… per essere chi e cosa???
Guardi le lacrime.. che diventano tue…
Senti quegli abbracci dettati dalla disperazione come mai hai sentito…
E tutti i lutti interni ti si riaprono.. e tutti gli abbandoni subiti…. le perdite laceranti si fanno strada dentro te…
Ma non te ne accorgi subito…
No…
Ti scavano… a e il voler fare ti impediscono di fermarti a SENTIRE…
Lo farai soltanto poi.. quando sarai lontano da tutto ciò…
I nonni erano i più fragili…seppur i più forti…..consapevoli che avevano attraversato altre grandi tragedie nella loro lunga vita…
I bimbi hanno risorse eccezionali…..trovano il modo di giocare con il loro dolore….
Di “mappare” un nuovo territorio…
Di darsi punti di riferimento..
Di trovare la piazzetta delle coccinelle…..e delle mimose…
Di far spuntare quindi fiori gialli dove non ce ne sono o se ne intravedono pochi..e di trovare punti di aggregazione con altre coccinelle…



E i soccorritori???
I soccorritori… sono come i moschettieri…
Tutti per uno e uno per tutti…
Non esiste stanchezza… non esiste egoismo.. ognuno cerca di sollevare l'altro dalla fatica e dal dolore…. dalla stanchezza e dall’irritabilità..
Per poi sciogliersi in calde lacrime…. e chiederti un abbraccio…
Anna sempre con me…
Nei silenzi e nelle battute sapevamo che c’era un SENTIRE COMUNE straordinario…. che forse non sarebbe durato… con il quale poi avremmo dovuto rapportarci!!
Tornata a casa io sono crollata.. per due giorni sono stata a letto… in lacrime…
C era una tristezza profonda che non mi lasciava…
La mia casa non era la mia
Avevo lasciato le persone che avevo amato in modo così intenso e straordinario…..
Avevo lasciato la mia camera (chiamavo così la tenda che mi era stata assegnata)…
Avevo lasciato tutto e tutti…
Rendendomi conto che quella frase che mi rigirava nella mente era reale…
IO SO CHE LE STORIE BASATE SU AVVENIMENTI ECCEZIONALI NON DURANO MAI….
…………questo è il duro compito di uno psicologo dell’emergenza….
Stare nel qui ed ora di un avvenimento eccezionale… in un lasso di tempo così breve che fa in modo che le storie non durino mai…
Sarà giusto un intervento del genere???
Sarà giusto rispettare il protocollo che prevede un nostro intervento di appena 72 ore?
Sarà giusto andarcene via da tante di quelle storie che ci hanno scavato???
Sarà sano???… sarà salvifico realmente???
Non produce altri lutti? non produce forse altre distruzioni???
Io a casa un po’ di storie me le son portate…
Sperando che durino…
Il campo simbolicamente mi fa venire in mente la RI-COSTRUZIONE….
Vengono costruite le tende, la cucina… vengono ricostruite le anime rotte,frantumate. ferite…
A volte le persone che mi passavano accanto erano come sospese..senza direzione….era tutto così ovattato..come se il terremoto avesse fatto fin troppo rumore tanto da non desiderarne altro…
Il rumore ha a che fare con l’udito…IL SENTIRE…
Troppo rumore fa troppo SENTIRE…
 

[1] Il controtransfert è una reazione dello psicoanalista al transfert (l’insieme dei sentimenti antichi del paziente che mette in atto nelle relazioni e in particolare in quella terapeutica)del paziente.. Grazie ad una corretta interpretazione del sentimento di "controtransfert" è possibile recuperare informazioni sulle dinamiche profonde del paziente, altrimenti, difficilmente reperibili.


 
Sara Nocera




 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top