Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Mercoledi` 23 Agosto 2017
Oggi si festeggiano:
S. Rosa da Lima vergine
SS.Ciriaco e Archelao m.ri
S.Flaviano vesc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Se lampa la scampa, se tuona la manda

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Il Salento che vorrei
Ieri sera, terminata l'horribis partita mondiale con l'Uruguay, per combattere il caldo nonchè l'amarezza della sconfitta della truppa di Prandelli, con un bel gruppo di amici abbiamo affogato la serata tra chiacchiere, birra, vino ed un enorme piatto di spaghetti alle cozze ed altre prelibatezze e dolcezze, ma a un certo punto qualcuno mi ha accusato di essere il solito ambientalista pronto a dire di NO al progresso dei campi fotovoltaici, dell'enorme opera meritoria del gasdotto TAP che ci porterà il gas nelle nostre case. A voglia a spiegare le ragioni di uno sviluppo diverso da quello che ci stanno regalando i nostri politici e i tanti avvoltoi che stanno finendo il nostro territorio.



Un Salento che se non ritrova presto la sua bussola ideale, lo sviluppo del turismo non massificato e l'agricoltura biologica non può resistere e verrà dimenticato. Un Salento adagiato sul cobalto e sullo smeraldo del mare. Questa l’immagine del nostro territorio, con le macchie bianche costituite dai centri abitati che tempestano quasi uniformemente il territorio, tranne vaste aree di campagna pura, un tavolato giallo punteggiato di uliveti. Le credevamo messe male le nostre coste; le pensavamo ormai irreversibilmente offese dalla smania edificatoria. E lo sono, anche se questa terra è ancora in gran parte bellissima nonostante le ferite profonde inferte a colpi di tondino di ferro e mattoni forati. Questa terra seduce ancora nonostante l'uomo. In alcuni tratti scempio e vergogna di un piccolo mondo antico che fino alla furia edilizia degli anni ’70 aveva avuto un suo modello intenso ma equilibrato di antropizzazione. All’improvviso, l’allegria cede all’amarezza, perché un abuso ben più grave appare all’orizzonte e si ingigantisce di minuto in minuto. Tutto il tratto di costa da Casalabate a San Cataldo è una lunga, immensa colata di cemento; una schiera beffarda e volgare di case ammassate senza criterio, di strade asfaltate che vanno a perdersi sterrate in una campagna retrostante dove altre decine, centinaia di monolocali originariamente concepiti per uso agricolo attendono l’occasione per un ampliamento e per un condono.



L’orrore è dato dall’ostinata ipertrofia volumetrica che non arretra nemmeno di fronte all’erosione inesorabile degli arenili. Qualcuno lo chiama “Casbalabate” il pugno nell’occhio delle marine leccesi, la township delle vacanze caserecce che se ne infischia del mare che le divora la battigia di un metro all’anno. Un dedalo di edifici venuti su dal nulla e puntualmente risanati in barba agli appelli degli intellettuali, alle mobilitazioni degli ambientalisti, ai moniti dei geologi. Tutto questo di volta in volta ignorato, blandito, ipocritamente diffidato, e poi ancora coccolato, indultato e finalmente legalizzato, fino a Frigole si indovina il desolante retroterra civile di questa muraglia d’intonaci plastificati dai colori più assurdi, gloria e miseria di progetti “fai da te” e di silenzi ed assensi è l’hinterland leccese dei luccicanti centri commerciali che convivono con il degrado sociale. A questo punto tagliamo dritto per il cuore greco del Salento. Scavalchiamo il lieve costone delle Serre Salentine dall'alto il campanile di Montegrappa, il verde della pineta intorno, il bianco luccicante delle case abbarbicate intorno alla chiesa matrice ed al rosso pompeiano della casa baronale e sorvoliamo, ville. vigneti, agrumeti, olivi e stoppie. Ciascun paese è una casba abbarbicata intorno alla propria chiesa e al proprio campanile; ciascuna ha una sua geometria di curve, di giravolte, di cardi e decumani modificati nei secoli. Ma sono queste topografie pittoresche la vera fisionomia della nostra provincia. Un codice visivo che per fortuna i grandi assi viari non sono riusciti né a stravolgere né a marginalizzare, come invece è avvenuto in Calabria o in Sicilia. E’ un Salento, questo interno, la cui bellezza salta agli occhi meno immediata di quella delle insenature . Non così, però, la costa di Porto Cesareo, l'incanto appena assaporato alla vista del piccolo arcipelago, con in evidenza l’Isola dei Conigli e i fondali cangianti di una limpidezza indescrivibile, svanisce di fronte allo scandaloso caos di villette che schiaccia le dune e assedia quello che fino a trent’anni fa era uno dei più bei lidi d’Italia. La speculazione edilizia preme persino sui bacini costieri. Manca a questi luoghi, ormai, quella patina di vissuto e di verace che hanno i vecchi borghi marinari.



Davvero ci si chiede quanto ancora potranno durare queste acque trasparenti sotto la pressione di un turismo invasivo e massificato. Alcune località marine con le loro opere di viabilità non sono riuscite a tenerle il passo, a malapena il lungomare e qualche altro tratto sono asfaltati. Il resto è un tratturo sterrato di fango, polvere e, laddove brandelli di dignità umana e scampoli di autosufficienza civica sopravvivono, colate di cemento stese alla meglio direttamente su quello che prima era uno dei suoli agricoli più fertili del Mezzogiorno. Il paradigma dello scempio rivierasco, le località balneari salentine prive di opere fondamentali di urbanizzazione come le fognature. Qui la legge “Galasso” è stata a lungo un’opinione, un’omissione che ha legato in un patto scellerato imprese, proprietari e amministratori. Ma forse il resto del Salento è per fortuna ancora da salvare e questi mostri costieri si ergono come monito a non inseguire più l’incubo di una Rimini 2 sulla riviera dei Pelasgi. Lo scempio non è solo per le colate di cemento sulla costa oppure all’interno . Alle volte può avere anche il colore rassicurante del prato inglese, come ad esempio il grande campo da golf che si estende dalla struggente fortezza di Acaya primo borgo fortificato in Italia nel 1535 da parte dell’architetto militare Gian Giacomo Dell’Acaya fino alle acque turchesi dell’Adriatico. Il golf ha avuto la meglio sulla macchia mediterranea, ma i geologi dicono che il danno ambientale causato da questo sport forse inadatto ai nostri climi è considerevole.



L’emungimento di migliaia di metri cubi d’acqua per assicurare la sopravvivenza dell’erbetta accelera l’esaurimento delle falde freatiche che ogni anno si ritrovano con percentuali di salinità sempre maggiori. Stesso scempio che toccò hai laghi Alimini negli anni 50′ del XX secolo con la riforma fondiaria. Un ritorno al passato per avere un futuro, ecco il Salento che vorrei.


 
  Raimondo Rodia
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top