Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Domenica 25 Giugno 2017
Oggi si festeggiano:
S. Massimo conf.
S.Guglielmo ab.
S.Gallicano vesc.
B.Isabella


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Lampo improvviso, di tempesta è avviso

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
IL MOSAICO DELLA PARROCCHIA “MARIA SS. ANNUNZIATA” TUGLIE

  Per il download del libro in formato pdf clicca qui.

Cinquant’anni fa l’ufficio postale di Tuglie, di cui ero il responsabile, si trovava in Piazza Garibaldi, nei locali dove ora c’è la cartolibreria di Massimo Merenda..Era una fredda giornata invernale, nei primi giorni di gennaio dell’anno 1961, quando venne a trovarmi l’indimenticabile Don Nicola Tramacere, all’epoca arciprete della Parrocchia Maria SS. Annunziata di Tuglie.Chiamatomi in disparte, mi propose di fare il Presidente della Commissione per i festeggiamenti in onore della protettrice, Maria SS. Annunziata. All’epoca la carica di Presidente era considerata di alto prestigio e veniva svolta dalle persone del paese più in vista. La proposta mi sorprese molto e non poco. Non avevo nessuna esperienza e mi consideravo impreparato per un compito tanto importante. Manifestai le mie perplessità e declinai l’invito. Don Nicola, però, non fu contento della risposta. Ribadì la proposta e le argomentazioni addotte furono molte e convincenti. Poiché non era facile resistere al beneamato Parroco, chiesi un po’ di tempo per riflettere e per parlarne con i miei familiari. Dopo alcuni giorni, comunicai l’accettazione dell’incarico. Chiamai a raccolta per primi i miei amici. Poi, quelle persone che conoscevo come appassionati delle feste, della musica, delle luminarie, dei fuochi d’artificio. Le adesioni furono totali ed entusiastiche. Si formò una numerosa Commissione, con prevalenza di giovani senza alcuna esperienza, ma pieni di buona volontà. Ricordare tutti i nomi è arduo. Non posso dimenticare quelle persone che mi furono più vicine: Cosimo Giorgino, Carmine Longo, Cosimo Malorgio, Uccio Quintana, Raffaele Epifani, i fratelli Antonaci Pietro, Silvio e Giuseppe, Cosimo, Franco ed Ennio Minerba, Salvatore Palumbo, Raffaele Toma, Ruggero Cataldi, Pompeo Cataldi, Benvenuto Moscatello, Salvatore Calò, Rosario Malorgio, Pietro Stamerra , Palumbo Luigi, Antonio Gianfreda, i fratelli Luigi e Antonio Greco, Damiano e Pippi Maggio, Giuseppe Toma, Dario Rocca, Notaro Francesco, Vincenzo Lotti, Gaetano Fracasso, Calò Antonio, Tommaso Cataldi, Michele Stamerra, Donato Serini, Nicola Bacile, CosimoCalò, Vito Vergine, Saccomanno Salvatore, Pisanello Fernando, Tonino Greco, GiuseppeLongo, Nicoletti Santo, Tommaso Stefanelli, Zezza Salvatore, Cesare Gianfreda, Raffaele Stefanelli, Panico Santo, Giuseppe Provenzano, Cosimo Fedele, Romano Cosimo, Annino Luigi, Mellone Antonio e tanti altri. Per preparare il programma dei festeggiamenti e per avere un’idea delle somme necessarie,chiesi i documenti contabili, i quaderni delle sottoscrizioni e tutto il carteggio in possesso della precedente Commissione. Cominciarono i guai. Inspiegabilmente, il precedente Presidente, il cavaliere Uccio Saccomanno, mi comunicò che i documenti non li aveva e non sapeva dove fossero finiti. Per caso, trovai il resoconto economico dei festeggiamenti dell’anno 1960. La risposta mi scoraggiò. Mi prese il panico. Riferii a Don Nicola quanto stava accadendo,insieme alla decisione di abbandonare l’incarico. Resta al tuo posto, fu la risposta del Parroco. Farai solo il possibile. La Madonna si compiace delle preghiere, non cerca concerti bandistici e fuochi d’artificio. La consultazione degli altri componenti della Commissione portò alla decisione di continuare ad operare. Debbo confessare che la mancata consegna dei registri alla fin fine fu un gran bene,anzi, fu la chiave del successo dei festeggiamenti. Riportare qualche episodio di quella piacevole esperienza non guasta. Insieme a Raffaele Quintana ( Uccio per gli amici ), con la sua bianchina, andammo a Nardò per parlare con il Vescovo dell’epoca, S. E. Mons. Corrado Ursi.Fummo ricevuti con gentilezza. Partecipai la decisione del Parroco di affidarmi l’incarico di Presidente dei festeggiamenti in onore della Protettrice di Tuglie e le difficoltà che avevo incontrato. Poiché, non disponevo di molte risorse, chiesi l’autorizzazione a includere nel programma dei festeggiamenti qualche cantante con il proprio complesso. La reazione non riesco a dimenticarla, nemmeno a distanza di tanti anni. Le luci, il ritmo della musica potevano scatenare nei giovani e nei presenti desideri,reazioni in contrasto con gli scopi, con le finalità dei festeggiamenti. Pertanto, la risposta fu un NO assoluto e indiscutibile. In compenso, disse: “ Verrò a Tuglie il giorno della festa, celebrerò la Santa Messa e parteciperò alla processione. Riferitelo al Parroco “. Ci salutò, consegnandoci una sua foto con dedica. Nel ringraziarlo per il dono, aggiunsi: “Grazie Eccellenza, però la presenza di un complessino ai festeggiamenti non guasterebbe “.Non riferisco la risposta che mi diede, fu molto piccante. Tornato a Tuglie, il giorno dopo riferii al Parroco quanto era stato deciso a Nardò.Don Nicola, ovviamente, non gradì. Mi rimproverò dicendomi: “ lo sapevo che mi dovevi combinare qualche guaio”. Aveva ragione. All’epoca, durante la processione, c’era lo sparo delle famose “batterie di Tuglie”. Nei luoghi stabiliti, la processione si fermava. La statua della Madonna si posizionava, come se si dovesse vedere lo spettacolo. Che fare? Ciò non sarebbe stato possibile farlo alla presenza del Vescovo. Bisognava trovare una soluzione per non scontentare il pubblico. Per evitare complicazioni, si convenne di operare come segue:La prima batteria veniva accesa in contrada Aragona. La processione, arrivata all’altezza di via Piave, confine delle due Diocesi, Nardò/Gallipoli , esistenti all’epoca, si doveva fermare. Il Vescovo, dopo aver benedetto i partecipanti, sarebbe andato via. Così, sarebbe stato possibile l’accensione della prima batteria, continuando la tradizione di fare assistere la Madonna allo spettacolo pirotecnico. I preparativi dei festeggiamenti furono intensi e laboriosi. Non immaginavo che ci fossero tanti interessi: i rappresentanti dei concerti bandistici, dei complessi di musica leggera,delle luminarie, dei fuochi d’artificio. Con l’aiuto degli amici, principalmente di Raffaele Epifani, imparai a mercanteggiare,a tirare, sempre e comunque, sul prezzo. Bellissima l’esperienza con il titolare della Ditta dei palloni aerostatici, il Cav. Donadei di Parabita. Pur di essere presente con i suoi “palloni”, propose di fare il serviziogratis, se non avessi avuto i soldi per pagarlo. Allucinante l’assegnazione dei posti ai venditori dei vari prodotti. Tutti bravissimi nello scegliere i posti migliori, ma altrettanto bravi nell’evitare di pagare il posteggio. Le tecniche usate sono innumerevoli, per esempio quella di giungere a festeggiamenti iniziati,quando c’è la massima confusione.
Giunse così il fatidico giorno dei festeggiamenti. Mai, nella mia vita, avevo guardato tante volte in cielo. Non avevo mai pensato che, se ci fosse stata della pioggia, non solo sarebbero falliti i festeggiamenti, ma si sarebbe creata anche una situazione debitoria. All’epoca, i sottoscrittori non davano subito il proprio obolo, ma aspettavano il giorno dei festeggiamenti per farlo. La eventuale pioggia avrebbe scombinato tutto. Capii, in tale occasione, il significato del detto “passata la festa gabbatu lu Santu”. Per fortuna, il sole ci fu amico; illuminò tutti i tre giorni di festa. Le serate furono serene e consentirono il passeggio e l’ascolto della musica. Alla fine, i festeggiamenti ebbero un grande successo, non solo per la spettacolarità,per la partecipazione del pubblico tugliese e dei paesi vicini, ma anche dal punto di vista economico. Dopo avere pagato tutte le spese, rimase un bel gruzzoletto,585.500 lire. La stanchezza accumulata era tantissima. Il desiderio di abbandonare non era da meno. Durante il periodo dei preparativi avevo trascurato tutto il resto, anche quello affettivo . . . all’epoca ero fidanzato. Il plauso della gente, la soddisfazione da parte di tutti i Componenti della Commissione fecero, comunque, dimenticare tutto. Il tempo a disposizione fu maggiore e ciò consentì di programmare i preparativi per l’anno successivo in maniera più organica e capillare. Ogni Componente assunse l’impegno di “girare con la cassetta” una domenica o giorno festivo. Fra gli stessi ebbe inizio una gara: chi raccoglieva più soldi. L’obolo che si “metteva nella cassetta” all’epoca era di 10 lire. Ebbene, nelle giornate di Natale, Capodanno, Epifania e Pasqua la raccolta superava quindicimila lire. I migliori risultarono Giuseppe Antonaci e Salvatore Palumbo. Fu organizzata la raccolta del grano, dei fichi, delle patate, dell’uva e del mosto. Particolare attenzione fu riservata alla raccolta dell’olio. Il dono di un pacchetto di sigarette alfa, accompagnato da una figurina della Madonna, a tutti “li trappitari” fu la chiave di volta; il risultato superò ogni più rosea previsione. Le offerte erano un flusso continuo, dall’Italia e dall’estero. Il programma dei festeggiamenti dell’anno 1962 fu favoloso. Il fronte della chiesa fu illuminato, così come la maggior parte delle vie del paese. I concerti bandistici eseguirono “un concertone”. Per la circostanza fu necessario ampliare “la cassa armonica”, in modo da consentire la contemporanea presenza di oltre cento “bandisti”che, sotto la direzione di un unico direttore d’orchestra, eseguivano le varie opere. Furono accese ben sei batterie a mezzogiorno e tre fuochi d’artificio la sera, oltre a quelli della sera delle Nunziateddha. In tutto furono impegnati 9 pirotecnici. Il programma religioso fu particolarmente curato. L’interno della chiesa fu interamente addobbato. La statua della Madonna fu collocata in cima all’altare maggiore e circondata da una nuvola di fiori. Artisti vari eseguirono canti religiosi. Mons. Pollio, Arcivescovo di Otranto, celebrò la santa Messa e prese parte alla processione. Alla fine dei festeggiamenti furono convocati tutti i Componenti la Commissione per esaminare il consuntivo economico. Con l’animo sospeso attendevano il risultato finale, sperando che non ci fossero debiti. La cifra finale era addirittura positiva: 1.420.025 di lire di attivo. Che fare? Come utilizzare detto importo? In tutti vi era il desiderio di porre fine all’esperienza. La fatica era stata veramente tanta, stressante. Emerse la volontà di realizzare un’opera che restasse nel tempo. Dove attualmente è allocato il mosaico, c’era un quadro. Si pensò di sostituirlo con un mosaico raffigurante la scena dell’Annunciazione. Iniziò subito la ricerca dell’artista per la realizzazione dell’opera. Il primo pensiero fu rivolto alla Scuola dei Mosaicisti del Vaticano. Nel contempo,appresi che presso la chiesa di San Guido, a Lecce, erano stati realizzati dei mosaici. Insieme ad un nutrito gruppo di amici della Commissione, ci recammo a Lecce, presso l’anzidetta chiesa. I mosaici erano bellissimi. Rimanemmo incantati. La decisione fu immediata e corale; contattiamo l’artista che aveva eseguito i lavori per affidargli l’incarico. Chiesi al Parroco di quella chiesa il nome e l’indirizzo dell’artista. Mi fu dato seduta stante: Bruno Ortes della Scuola dei Mosaicisti di Venezia. Presi subito contatto con quell’artista che, dopo un po’ di tempo, mi fornì un bozzetto ed il preventivo di spesa. La cifra era abbordabile: duemilioni e centomila lire, oltre alle spese di soggiorno e posa in opera. Il bozzetto era bellino, ma non entusiasmava. Un giorno ero andato a trovare a casa sua don Vito Bacile, padre spirituale della Chiesa delle Anime. Dietro la porta d’ingresso era appeso un calendario. Sulla pagina esposta c’era disegnata la scena dell’Annunciazione. Mi attrasse per la sua bellezza. Pensai subito di far eseguire il mosaico, riportando quel disegno. Chiesi a don Vito se poteva darmelo, dicendogli anche la ragione della richiesta. Acconsentì di buon grado. Tolse la pagina interessata e me la consegnò. La inviai all’Ortes, con la richiesta di rifare il bozzetto con quella scena. Appena mi fu fornito, chiesi il benestare alla Curia vescovile di Nardò, così come previsto dalle norme dell’epoca. L’autorizzazione fu concessa dopo poco tempo, con alcuni suggerimenti. Per fortuna, quel documento mi evitò guai giudiziari, di cui riferirò dopo. Ebbe inizio la fase esecutiva. Perciò, si rese necessario un sopralluogo da parte di Ortes, per prendere visione dello stato dei luoghi, per rilevare le misure precise e per la firma del contratto. Il prezzo definitivo concordato fu di lire 1.700.000, oltre alle altre spese innanzi descritte. Il buon Don Nicola si fece carico delle somme mancanti, circa trecentomila lire, oltre alle spese di soggiorno e di quant’altro. Dopo le feste natalizie, giunse la notizia che l’opera era già pronta e poteva essere installata. Secondo le istruzioni fornite, fu preparato il sottofondo del muro su cui doveva essere collocato il mosaico. Arrivò il momento tanto atteso. Iniziò la posa in opera. Dopo alcuni giorni di lavoro, il disegno apparve in tutta la sua bellezza e la sua imponenza. Tanti gli apprezzamenti, i complimenti, le congratulazioni. Non mancarono tuttavia le critiche, qualcuna molto pungente. Un tale, guardando l’angelo, rilevò che non aveva il solito viso dolce, con i capelli biondi e ricci. Perciò, così commentò: “ me pare n’angiulu caddhripulinu “. Ortes, venuto a conoscenza del commento, ci impartì una lezione, difficile da dimenticare. Disse. “quell’angelo porta un messaggio da parte del Padre Eterno. Rappresentala potenza divina. E’ giusto, dunque, che abbia quel volto e quell’espressione”. Don Nicola, per ricordare chi aveva contribuito alla realizzazione del mosaico, fece apporre in calce al mosaico la scritta:” Comitato Festa Maria SS. Annunziata 1962 “, senza alcun riferimento a lui, che come detto, aveva contribuito in modo sostanzioso. Apriti cielo. Quella scritta non doveva esserci perché l’opera era stata realizzata con i soldi dei Tugliesi e non del Comitato. Fu necessario chiarire che per Comitato si intendevano tutti coloro che avevano contribuito. La Commissione che aveva organizzato i festeggiamenti era un’altra cosa. All’epoca, donando una certa cifra, si faceva parte del Comitato Donne e Uomini. Sarebbe stato sbagliato se si fosse scritto “Tugliesi” perché non tutti i Tugliesi avevano contribuito. Inoltre, c’erano pure i contributi di tanti emigranti e di persone che vivevano fuori. Superata questa critica, ne venne fuori un’altra molto più pesante e pericolosa, addirittura con probabili risvolti penali. Il sig. Vincenzo Provenzano, a capo di un gruppo di altre persone, non solo non condivideva l’opera, ma ipotizzò che si fosse commesso un reato. A suo parere, i contributi dati erano destinati alla realizzazione dei festeggiamenti e non ad altro scopo. Pertanto, chi aveva assunto l’iniziativa di far fare il mosaico si era reso colpevole di un reato e doveva rispondere davanti al magistrato. Lui e gli altri erano pronti a fare la denuncia. Per fortuna, chi protestava aveva imboccato una strada sbagliata. Ignorava che l’autorizzazione per questuare, concessa dalla Curia Vescovile, era subordinata alla realizzazione di opere da eseguire nella chiesa e non per i festeggiamenti. Inoltre, la Commissione aveva redatto il bilancio consuntivo dei festeggiamenti e lo aveva inviato alla anzidetta Curia vescovile, oltre ad averlo consegnato al Parroco. Infine, come detto innanzi, i Responsabili diocesani avevano approvato il progetto ed il quadro economico. Terminata la fase esecutiva dei lavori, rimanevano alcuni dettagli. Il più importante era la realizzazione dell’illuminazione dell’opera. Occorreva l’acquisto e la posa in opera di un tubo di neon, lungo tutto il perimetro della stessa. Si offrì una persona che assicurò che avrebbe pagato tutto l’occorrente. Un piccolo dettaglio:tutto fu pagato da don Nicola, perché “il devoto” non onorò mai l’impegno assunto. Giunse, finalmente, il giorno dell’inaugurazione, che coincideva con i festeggiamenti della Protettrice. Erano presenti il Sindaco, dott. Cesare Vergine, la Giunta ed il Consiglio comunale al completo, altre Autorità civili e militari, tutte le Associazioni religiose ed una folla di fedeli. Don Nicola faceva gli onori di casa, S. E. Mons. Antonio Rosario Mennonna, vescovo di Nardò, subentrato a Mons. Corrado Ursi, nominato arcivescovo di Acerenza, benedisse il mosaico e lo consegnò alla Popolazione tugliese.



Dei fastosi festeggiamenti, costati £ 2.571.351, è l’unica cosa che resta. Sono passati50 anni e sopravvivrà altri 50 anni ed oltre. Resta un solo rammarico: era desiderio di Don Nicola e mio, realizzare alcuni lavori,per completare l’opera. Volevamo:Coprire con altri mosaici i due riquadri laterali. I soggetti potevano essere la Natività e l’Assunzione;Sostituire le tre porte d’ingresso alla chiesa, con altre di bronzo; Fare una nuova Via Crucis. Quest’ultima fu realizzata qualche anno dopo, in mosaico, dallo stesso Bruno Ortes. Avemmo una grande delusione per la mancata realizzazione delle porte di bronzo. Il prof. Marcello Gennari fu incaricato per la progettazione e realizzazione delle tre porte. Insieme a Don Nicola ed al prof. Enzo Pagliara raccogliemmo da alcune famiglie le offerte, oltre 60 milioni. Il progetto fu approvato dalla Commissione Diocesana, con la clausola di dover acquisire il parere della Sopraintendenza delle Belle Arti. Qualcuno ci assicurò che era stato espresso parere favorevole. Purtroppo, così non fu. Quella Commissione ritenne che l’opera era sproporzionata rispetto alla modesta facciata della chiesa. Don Nicola, deluso ed amareggiato, cominciò a restituire i soldi ai sottoscrittori. Avuta notizia di ciò, io ed Enzo Pagliara convincemmo il Parroco a sospendere la restituzione. Contattammo tutti coloro che non avevano ancora ricevuto in restituzione i soldi, prospettando loro l’idea di realizzare qualche altra opera. Il consenso fu unanime, tutti accettarono di buon grado la proposta. Rimasero in cassa circa 30 milioni di lire. Nel frattempo, a Don Tramacere subentrò Mons. Emanuele Pasanisi, l’attuale nostro Parroco.



Si pensò di fare qualcosa che ricordasse i 45 anni di permanenza a Tuglie di Don Nicola. Con Enzo Pagliara mi recai a Nardò per incontrare Mons. Fusco, all’epoca Vescovo di Nardò. Esponemmo il nostro desiderio. Il Prelato, inizialmente era contrario all’idea. Dopo, in considerazione che si trattava di una persona da lui molto stimata e meritevole,diede il consenso. Affidammo al prof. Marcello Gennari, che aveva rimesso tutto il lavoro per progettare le porte in bronzo, l’incarico di realizzare una targa con un medaglione in bronzo. Dopo aver pagato l’artista, consegnammo la restante somma a Don Emanuele. La utilizzò per la pitturazione dell’interno della chiesa e per altri lavori.



L’aspirazione di fare gli altri due mosaici, purtroppo, sino ad oggi non è stata appagata. L’attuale Commissione per i festeggiamenti in onore di Maria SS. Annunziata è composta da tante brave persone, molto fattive e capaci. A loro l’appello di lasciare un segno della loro attività. Con questa speranza nel cuore, auguro loro che fra 50 anni possano essere presenti per festeggiare gli altri due mosaici, così come è capitato a me di avere avuto la fortuna di godere di questa felice ricorrenza.

 

  Otello Petruzzi

 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top