Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Martedi` 24 Ottobre 2017
Oggi si festeggiano:
S. Marco solitario
S.Antoni Maria Claret
S.Bernardo Calvò
S.Proclo arc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
La suocera signora, ricordi che fù nuora

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...Giuseppe Piccioli
Giuseppe Piccioli  -  Pianista nato a Tuglie


Si riporta integralmente quanto scritto su un libretto edito
dall' Ufficio Concerti -Bologna- nel 1926

      



GIUSEPPE PICCIOLI


.... " va annoverato fra i migliori giovani pianisti del nostro tempo " così scrive un autorevole giornale italiano. E invero le doti di concertista di questo figlio di Bologna sono di quelle che si riscontrano soltanto nei temperamenti che sanno raggiungere le più eccelse vette dell'arte.
Giuseppe Piccioli fu iniziato allo studio del pianoforte all'età di 6 anni dimostrando fin da principio per questo studio e per la musica in genere particolari disposizioni e qualità fuor del comune. Pur senza applicarsi a quest'arte colla passione che più tardi doveva interamente conquistarlo egli si produsse in pubblico dopo qualche tempo venendo preconizzato pianista da cui molto si poteva e si doveva aspettare.
Si vedrà in seguito come la facile profezia doveva avere la più completa conferma. Contemporaneamente allo studio della musica il Piccioli si dedicava anche agli studi letterari.   Entrato nel 1917 dodicenne nel glorioso Liceo Musicale della sua città natale venne posto sotto la guida sicura e illuminata di uno dei più coscienziosi e valenti insegnanti di pianoforte : il Maestro Giovanni Minguzzi.    

 Qui ha inizio per il Piccioli il periodo dello studio severo e costante nel quale l'anima d'artista del giovinetto viene grado a grado a plasmarsi e a completarsi per assumere infine i peculiari caratteri della sua individualità.
L'insegnamento del Minguzzi gli conquista altresì una tecnica sicura e agguerrita che prende a svilupparsi sempre maggiormente.
Dopo un anno dal suo ingresso al Liceo egli è già in grado di presentarsi ad un saggio di allievi di questo Istituto suonando il concerto in Re Minore di Mendelsshon per pianoforte e orchestra e nell'anno seguente la Leggenda di S. Francesco ohe cammina sulle onde di Liszt. Al terzo saggio eseguisce la seconda rapsodia di Liszt e il Concerto per pianoforte e orchestra composto dal suo maestro conseguendo nel frattempo a pieni voti il diploma di pianoforte e compiendo ancora i corsi di armonia e musicologia nonché, privatamente, quelli ginnasiali e liceali. La stampa in quell'occasione fu concorde nel riconoscere i rari pregi del giovanissimo pianista riconfermandogli la liete speranze di un sicuro e luminoso avvenire.

Conscio dei propri mezzi e perciò persuaso di poter raggiungere un grado di perfezione ancora maggiore il Piccioli non dorme sugli allori e inizia un nuovo periodo di studio tenace e si prepara ad affrontare il giudizio del pubblico in una regolare e numerosa serie di concerti.
Il suo debutto ha inizio nel 1923 suonando prima a Forlì poi a Reggio Emilia, a Bologna ecc. suscitando viva ammirazione. Nell'estate di quello stesso anno il Piccioli ha occasione di conoscere un impresario straniero che avendolo udito suonare lo invita a voler dare due concerti all'estero : uno a Vienna e l'altro a Budapest. Il successo riportato in questi due grandi centri musicali è talmente clamoroso che il Piccioli viene immediatamente scritturato per nuovi concerti da tenersi nell'anno successivo (1924). Coi nuovi concerti si ripetono le dimostrazioni entusiastiche del pubblico, di quel pubblico così severo e difficile con tutti.

Vi assiste anche S. E. l' Ambasciatore italiano a Vienna.
Ritornato in Italia suona ancora acclamato e ammirato a Lugo, Ravenna, Cesena, Milano ecc. Nel luglio 1924 viene chiamato a far parte come pianista solista nella tournée del celebre tenore Giuseppe Borgatti. Ha inizio così una nuova serie di successi trionfali : al Comunale di Bologna, al Politeama di Genova, alla Sala Gaveau di Parigi. Nel gennaio 1925 si toglie dalla tournée Borgatti e inizia un nuovo grande giro di concerti nelle città italiane e straniere.
Ne seguono altri con successi grandiosi a Bologna, Parma, Venezia ecc.Dopo quanto è stato più sopra esposto non parrà molto diversa dalla realtà l'affermazione dell'autorevole giornale italiano di cui all'inizio di queste righe e secondo il quale nel Piccioli è da vedersi : " uno fra i migliori giovani pianisti del nostro tempo ".
 

ALCUNI GIUDIZI DELLA STAMPA ITALIANA ED ESTERA

MILANO
L'Ambrosiano del 17 Aprile 1924.
Il pianista Giuseppe Piccioli possiede capacità notevoli nel campo della tecnica, nell'arte del tocco - ricco di sfumature e di garbato vigore - come nel buon uso del pedale.
La Giustìzia del 17 Aprile 1924.
Molto applaudito fu ieri sera all' Istituto d' Arte e d' Alta Coltura il pianista Giuseppe Piccioli già distintosi a Vienna in alcuni recenti concerti.
Brani di Mozart, Beethowen, Rubinstein, Spendiarow, Levine, Scriabine, Rachmaninoff, Bach-Busoni diedero modo al Piccioli di manifestare la sua ricca sensibilità di pianista sicuro.

BOLOGNA
L'Avvenire d'Italia del 23 Aprile 1925.
Il successo ottenuto sabato dal valoroso pianista concittadino Giuseppe Piccioli fu conquistato da una serie di interprefazioni nelle quali l'arte dell'esecutore si affermò magnificamente. Giuseppe Piccioli si è classificato ieri sera, davanti al severo pubblico bolognese, come una dei migliori giovani pianisti del nostro tempo destinato a salire alle più alte vette. Gli applausi scroscianti tributati dal foltissimo ed intelligente uditorio non erano indirizzati soltanto al concittadino che ritorna a noi carico degli allori riscossi dai pubblici più esigenti d'Italia e dell'estero, ma anche e sopratutto al concertista che si è dimostrato provvisto di tutte le migliori qualità. Piccioli ha eseguito un programma vastissimo e 'multiforme : è passato da Vivaldi a Chopin e a Liszt ; da Albeniz a Rosa e a Guerrini rivelando chiarezza di tocco, forza, sicurezza e nel tempo stesso una considerevole capacità a rendere con leggerezza e con molta delicatezza tutte le sfumature. Tecnico dunque di primo ordine e facoltà interpretative squisitissime. Come già si disse, il successo fu grandioso. I a bis " chiesti ed ottenuti non si possono numerare. Particolarmente fu accolta con entusiasmo la <la Morte d' Isotta " di Wagner-Liszt - dove le qualità tecniche del Piccioli rifulsero in tutta la loro pienezza - che fu bissata e sarebbe stata anche trissata se l'esecutore avesse acconsentito.
L'Avvenire d'Italia del 29 Maggio 1924.
Giuseppe Piccioli, il giovane e tanto reputato pianista, una delle giovani più interessanti forze del pianismo italiano, rivelò nuovamente in questo concerto la sua .magnifica personalità e le sue eccellenti qualità di tecnica e di intelletto.

PARMA
Il Corriere Emiliano del 17 Marzo 1925.
Il pianista Giuseppe Piccioli, esecutore ed interprete finissimo, svolse un programma serio dimostrando di seguire in arte quella via che percorrono ben pochi. Il Piccioli sfugge l'effetto banale che tanto presa ha sul pubblico e riesce a tener avvinto l'uditorio col solo ausilio delle sue qualità spirituali. Raramente avviene di riscontrare in un pianista tanta nobiltà d'intenti. Gli applausi del pubblico furono molti e obbligarono il pianista a suonare un pezzo fuori programma.
La Cassetta di Parma del 17 Marzo 1925.
Il giovane pianista bolognese Giuseppe Piccioli che si è presentato l'altra sera alla Sala del Ridotto ha esaurientemente dimostrato di appartenere alla ristrettissima categoria degli artisti che alla meccanica accoppiano uno squisito sentimento. Un artista serio, non comune. Egli dispone di una mano agilissima e di una grande flessibilità di polso. Ritrae potenti effetti dinamici e da questi passa di un subito alle più vaporose sfumature con sorprendente facilità e naturalezza. Grande presa hanno fatto sul pubblico la bellissima e tanto difficile opera del Vivaldi interpretata con alto senso d'arte; del Chopin la Polonese op. 53 del Wagner-Liszt " Morte d'Isotta " e del Liszt la Rapsodia VI. La riproduzione della morte d'Isotta è riuscita, oltre che dal lato tecnico, così artistica che il pianoforte pareva sostituito da una piccola orchestra. Ogni parte risaltava per un accento speciale. Direi, quasi, pareva avesse un timbro differente di suono. Una cosa semplicemente meravigliosa.
Le ottave ribattute della Rapsodia furono superate con grande bravura come ha impressionato il crescendo della Polonese. Del deliziosissimo Preludio in Re bem. di Chopin ne mise in evidenza tutta la soavità della poesia e fece una superba cesellatura di Arabeske di Schumann e della Serenata d' Albeniz.

 Il pianista venne ad ogni numero fatto segno ai più vivi e calorosi applausi. E le manifestazioni assunsero a maggiore intensità e grandiosità dopo la Polonese, la Morte d'Isotta e la Rapsodia. Con insistenza richiesto di replica espresse con rara morbidezza di suono la Berceuse di Spendiarow accolta con grande favore.
Giuseppe Piccioli ha conseguito un successo pieno, completo.
E ne siamo lieti. Non potremo facilmente dimenticare nell'arte sua magnifica, preziosissima, né la persona modesta, senza pose ed artifizii di sorta.
Giuseppe Passerini

VENEZIA
La Gazzetta di Venezia del 14 Aprile 1925.
Il pianista Giuseppe Piccioli raccolse per ogni brano larga messe di applausi ; applausi meritati per il nitore del tocco, per la chiarezza del fraseggio e per certe eleganze di stile che rivelano in lui uno squisito temperamento d'artista. Questo apparve specialmente nei tre tempi del Concerto in re min. di Vivaldi, nella Toccata e Fuga di Frescobaldi, nel Preludio e nella Polonaise in la bem. op. 53 di Chopin dove il Piccioli ebbe momenti felicissimi come interprete e come esecutore.

RAVENNA
II Resto del Carlino del 29 Aprile 1924.
Ha avuto luogo al Teatro Rasi l'annunciato concerto del violoncellista Dante Serra e del pianista 'Giuseppe Piccioli, reduce dai trionfi di Budapest. Il Piccioli ha svolto un scelto programma rivelando qualità singolari di esecutore e di interprete ed alla fine è stato vivamente applaudito.

GENOVA
Il Caffaro del 26 Ottobre 1924.
Il pianista Giuseppe Piccioli eseguì sul pianoforte con sicurezza di tecnica e di espressione la Rapsodia di Liszt di cui si volle il bis.
Il Lavoro del 26 Ottobre 1924.
Giuseppe Piccioli rilevò al pianoforte notevoli doti di tecnica, di temperamento, di interpretazione nella Polonaise in La bem. op. 53 di Chopin e nella VI Repsodia di Liszt, eseguite con buoni effetti coloristici, e con calore di espressione.
Il Secolo XIX del 26 Ottobre 1924.
.... Il bravo pianista Giuseppe Piccioli che, specie nella VI Rapsodia di Liszt, ha riaffermato la sua fama di virtuoso d'eccezione

VIENNA
Illustrierts Wiener Extrablatt del 14 Novembre 1923.
Tra i pianisti delle ultime settimane si deve notare il bo
lognese Giuseppe Piccioli, un bravissimo pianista di fondamento serio e che sa rilevare e seguire tutti i particolari.  K.
Wiener Morgenzeitung del 15 Novembre 1923.
Nel gruppo dei pianisti si è fatto notare per la sua virtuosità il giovane italiano Giuseppe Piccioli.   f. l. d.
Deutschòsterreichische Tages-Zeitung del 20 Febbraio 1924.
Di nuovo abbiamo avuto ottime impressioni di Giuseppe Piccioli. Il tocco coltivato e la moderazione nell'uso del pedale formano le sue esecuzioni chiarissime e pulite.

BUDAPEST
Budapesti Hirlap del 19 Febbraio 1924.
Giuseppe Piccioli ha dato un secondo concerto a Budapest. Oltre ad aver suonato opere dei romantici (Grieg - Schumann - Chopin - Liszt) ha eseguito con un successo colossale composizioni di Respighi e Alfano. Egli ringraziò il suo numerosissimo pubblico delle ovazioni che non volevano cessare con la ripetizione di queste due composizioni.
Neues Pester Journal del 13 Novembre 1923.
.... Il giovane artista eseguì un programma molto variato con solidi mezzi tecnici e con una sana musicalità.
Esti Kurir del 17 Febbraio 1924.
Giovedì sera alla Sala " Vigado " un giovane pianista italiano, Giuseppe Piccioli ha dato un concerto di pianoforte. Nel suo programma prevalevano le opere romantiche. Gli si deve la massima approvazione per la sua interpretazione personale e nella quale egli seppe immedesimarsi.
 Z. D.

PARIGI
Le Journal des débats del 7 Gennaio 1925. Il pianista Giuseppe Piccioli possessore di una tecnica formidabile, ha ottenuto un successo entusiastico ed ha dovuto concedere vari bis.


 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top