Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Lunedi` 24 Aprile 2017
Oggi si festeggiano:
S. Saba martire
S.Fedele da Sigmaringen mart.
S.Erminio vesc.
S.Gerardo vesc.
S.Onorio vesc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Donna iraconda, mare senza sponda

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Virgilio Notizie
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
LA MADONNA DELL’ANNUNZIATA CULTO, TRADIZIONE E LEGGENDA
Sulmona, bellissima città situata al centro della Valle Peligna, in Abruzzo, circondata da vette maestose, da epoca antichissima conserva il culto e la devozione per la Madonna dell’Annunziata. Anche a Sulmona, il 25 marzo, si festeggia l’Annunziata, patrona della città. Due comunità, quelle di Sulmona e di Tuglie, che, pur essendo distanti centinaia di chilometri, sono legate dal culto della Madonna dell’Annunziata.
A Tuglie la devozione è antichissima perché risale a più di sette secoli fa per mano di Almerico da Montedragone, nobile cavaliere di Sulmona, che da giovane era stato messo sotto la protezione dell’Annunziata, della quale era diventato un fervente devoto. Almerico, appena ottenne le insegne di cavaliere, fece effigiare la Madonna sul suo scudo e partì per le crociate al servizio di Carlo d’Angiò, combattendo valorosamente sotto le mura di Gerusalemme, insieme a Riccardo Cuor di Leone. Nel 1270, Carlo d’Angiò, per i meriti conseguiti in combattimento, donò al cavaliere il piccolo nucleo abitato, sorto spontaneamente a ridosso della collina, denominato “Casale Tulli”. In verità, pare che il sovrano donò il casale salentino al nobile cavaliere in cambio di alcuni beni posti nel territorio di Sulmona, città natale di Almerico. Il Signore del “Casale Tulli” accettò di buon grado la nomina di “visore” di tutte le Puglie e la donazione del piccolo casale, perché voleva diffondere la magnificenza della Madonna e farla venerare in una terra lontana dalla sua città. Egli giunse al casale senza soldati, senza armi e senza ricchezza, ma con tanto amore, facendo accettare agli abitanti la devozione per l’Assunta che da quel momento divenne protettrice di Tuglie. Gli anni passarono e quel piccolo casale divenne sempre più grande facendo aumentare anche la venerazione per la Madonna dell’Annunziata che finalmente si concretizzò in una grande festa patronale, la cui origine viene datata intorno al 1750, anno in cui terminarono i lavori di costruzione della chiesa matrice a lei dedicata. Con Carlo III di Borbone, fu istituita nell’ambito dei festeggiamenti anche la fiera, classificata di notevole importanza, soprattutto per la vendita degli attrezzi agricoli e degli animali domestici. Questa è la storia (o leggenda?) del “Casale Tulli” ed è evidente come il culto e la devozione dell’Assunta si siano col tempo rinnovati e rinforzati nelle comunità di Tuglie e di Sulmona, dove sorgono due bellissime chiese matrici ricche di storia, di arte e di devozione.
Della città abruzzese non si conosce l’epoca di fondazione della chiesa dedicata alla Madonna dell’Annunziata, ma un antico documento attesta che nel 1320 questa chiesa già esisteva e veniva chiamata Casa Santa. Nel 1423 la Regina Giovanna donò alla Casa Santa i beni dell’ospedale di S. Eligio, con diritto di patronato, e dette agli amministratori il compito di nutrire gli orfani, curare gli infermi ed educare le giovani al maritaggio. Dall’unione del Palazzo dell’Annunziata, fondato dalla Confraternita della Penitenza, con l’adiacente chiesa dell’Annunziata sorse uno storico complesso assistenziale che ancora oggi si chiama il Complesso dell’Annunziata. La chiesa della protettrice di Sulmona fu distrutta dal terremoto del 1456, rifatta agli inizi del 1500 fu nuovamente abbattuta dal terremoto del 1706, venne ricostruita per volontà dei cittadini e della Madonna, che tanto si prodigò per la sua chiesa che oggi costituisce il simbolo della città.
Nel Salento, il culto per la Vergine Annunziata è molto sentito in diversi paesi della nostra provincia. A Castro la festa dell’Annunziata si celebra il 25 aprile, quest’anno sarà celebrata nella seconda domenica di agosto con una bellissima processione a mare e fuochi d’artificio sparati dall’acqua. Con la festa si svolge anche una fiera molto importante in onore della Madonna.
A Squinzano, la festa si svolge il 24 e 25 marzo ed è molto sentita dalla città, la quale ha dedicato alla Vergine Annunziata un Santuario fuori del centro abitato, costruito nel 1627. Il Santuario fu eretto per volere di Maria Manca, donna molto devota, che, un giorno, mentre era nei campi, vide l’immagine della Madonna Annunziata che la esortò ad andare a Galatone, al Santuario del Crocefisso. Maria ascoltò la Madonna la quale, oltre a guarirla, le regalò un garofano che le dette dei poteri per salvare altre donne possedute dal demonio. Maria alla sua morte, avvenuta nel 1668, fu sepolta nella chiesa dedicata alla Vergine Annunziata. Squinzano, vestendosi di festa con meravigliose luminarie, allestisce una grande fiera mercato di animali domestici in onore dell’Assunta.
Particolari festeggiamenti sono dedicati alla Madonna dell’Annunziata - con messe, processioni, concerti bandistici e fuochi d’artificio – nei Comuni di Aradeo (25 marzo), Lizzanello (festa e fiera il 25 marzo), Sanarica (festa e fiera della SS. Annunziata la prima domenica dopo Pasqua). A Diso, il 25 aprile, si celebra la festa patronale dell’Annunziata con l’asta delle stanghe, manifestazione che attrae i fedeli facendoli accorrere numerosi per devozione e per assistere alla celebre asta.
Culto e devozione per Maria SS. Annunziata anche nella bellissima terra di Sicilia. A Bronte, città in provincia di Catania, nota per la produzione del pistacchio, il culto verso l’Annunziata è antico quanto lo stesso paese. Se ne ha notizia sin dall’unione dei 24 casali disposta da re Carlo, che vide dal 1535 al 1548 tutti gli abitanti sparsi nel territorio ai piedi dell’Etna, trasferirsi nel Casale Bronte per formare un solo popolo. L’unificazione dei casali fu dovuta alla comune devozione verso la Vergine Annunziata che fece unire e creare una nuova identità negli abitanti. Nel 1540, a Palermo, lo scultore Antonio Gagini dette inizio alla lavorazione del gruppo marmoreo dell’Annunziata conservato nella chiesa rinascimentale dedicata alla Madonna. La SS. Annunziata venne dichiarata Patrona e Protettrice principale di Bronte il 2 dicembre 1832. La data non è casuale perché in quel giorno era ancora vivo lo spavento della popolazione che stava per essere sommersa dalla devastante eruzione dell’Etna. La lava, sgorgata il 31 ottobre, aveva raggiunto Bronte lambendo la zona di Salice. L’eruzione il 22 novembre gradatamente si estinse, ma pochi giorni prima, il Cappellano dell’Annunziata portò in processione i capelli della Vergine e le reliquie della Croce ripetendo le preghiere e le litanie dell’epoca. Al calar del sole il fuoco si fermò all’ordine della Vergine. Mentre gli uomini uscivano dalla chiesa, il fuoco cominciò a trattenere la propria violenza e Bronte fu salva. Così recita la leggenda e la lapide murata nella chiesa dedicata all’Annunziata. La festa si celebra il 25 marzo con una solenne processione storica che inizia con l’ingresso della Madonna in città sul carro bronzeo trainato dai buoi. La chiusura dei festeggiamenti avviene in piazza Gagini, dove la statua della Madonna Annunziata, accompagnata da canti e sventolio di fazzoletti bianchi, risale la chiesa per essere ricollocata nella nicchia posta sull’altare maggiore per proteggere e benedire il popolo e la città di Bronte. L’origine delle celebrazioni in onore della Vergine Annunziata (che si svolgono ogni tre anni), si fa risalire al 6 settembre 1821, dopo la “rivolta” di Bronte che vide la popolazione scontrarsi violentemente con le forze governative inviate da Catania ad Adrano per sedare i tumulti scoppiati a Bronte. I soldati furono costretti alla fuga dalla furia popolare e soprattutto dall’immagine dell’Annunziata, che “in veste bianca e la bandiera in mano, sul campo di battaglia, incoraggiava i brontesi e coi suoi occhi ed il suo grido fulminava e spaventava i soldati”, come narra la leggenda.



La festa dell’Annunziata è la prima festa che si celebra nel Meridione. Quest’anno Tuglie ha aperto i festeggiamenti con un ricco programma civile e religioso allestito dal Comitato Festa costituito da baldanzosi giovani. L’apertura ufficiale è avvenuta la mattina del 26 marzo con lo sparo delle salve che hanno dato il via alla festa e alla tradizionale fiera. La sera è sfilata per le vie del paese la processione con la solenne “intorciata” di antica tradizione. La bellissima statua della Madonna è stata accolta dallo sparo di bengalate pirotecniche, dal suono delle trombe egiziane e dal lancio di palloni aerostatici. Domenica 27 marzo si è svolta la festa “te li forastieri” con fragorose salve pirotecniche e la fiera dell’Annunziata. Per tutta la giornata si sono esibiti rinomati concerti bandistici. Spettacolare la gara pirotecnica delle “batterie te la Nunziata”. Lunedì 28 marzo si è svolta la festa “te li paesani”, con il caratteristico mercato”te la Nunziateddha” nel centro storico del paese. Per tre giorni un grande Luna Park è stato presente al piazzale Matteotti con bancarelle di prodotti tipici per tutto il centro del paese. Per il 2011, a Tuglie nel corso dei festeggiamenti sono state presenti importanti novità per l’abbinamento alla festa delle manifestazioni storiche per il Centenario dell’arrivo della ferrovia a Tuglie (1911-2011) e per il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Grazie al giovane Comitato Festa (presieduto da Giuseppe De Santis), al parroco Don Emanuele ed al sindaco Daniele Ria, la tradizione dell’Annunziata continuerà per molti anni ad allietare cittadini e forestieri con festeggiamenti sempre più prestigiosi.
 
  LUCIO CAUSO



 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top