Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Martedi` 26 Settembre 2017
Oggi si festeggiano:
SS. Cosma e Damiano Mart.
SS. Cipriano, Giustina e Teoctisto m.ri


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Per S.Cosma e S.Damiano, ogni male sia lontano

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...Sylvain Tarantino
Ricordi degli anni cinquanta di un Tugliese d'origine

 Abitavo il rione tugliese detto "Santa Lucia". Non si può sbagliare; si trova dove, salendo la via "Fratelli Bandiera" (allora denominata " via Tunisi ") si gira verso la sinistra ad angolo quasi retto, raggiungendo così, verso Montegrappa, la "via Pasubio", oppure, scendendo, la " via dei Mille".
E' un rione vicinissimo dal centro del paese ; pertanto, trovandocisi, sembra una specie di calmo rifugio, un'oasi di tranquillità; si potrebbe pensare a un sito o un paesetto di campagna; ma come si udiva bene, vicinissimo e come presente, il suono delle due campane della chiesa matrice! e anzitutto quello della più grande campana, che liberava nel cielo sereno e azzurro le sue ampie vibrazioni. Nella parte interna dell'angolo retto, due scalinate conducono a due umili cortili e alle loro rispettive abitazioni. Si nota in questo luogo, nella muraglia, una nicchia contenente un bel dipinto del "Crocefisso" ; qualsiasi persona passando davanti a questa bella icona, sovente illuminata di ceri votivi e parata d'umili fiori, la saluta piamente, facendosi il segno della croce.
La mia casa nativa, situata in questo pittoresco rione, facendo parte del " centro storico" è rimasta tale quale era più di cinquant'anni fa; si trova alla sinistra della scalinata di cemento grezzo che s'incontra frontalmente venendo dalla "via Plebiscito"; le sue muraglie, sempre impeccabilmente imbianchite di calce fresca, si coprono di delicati riflessi rosastri al sole levante, rimandando una violenta ed accecante luce nell'ora meridiana, e caldi toni arancione al tramonto del sole. Una piccola inferriata s'affaccia sulla stretta via; è quella della camera matrimoniale, dove nacqui, il Capodanno del lontano 1946 ! Ora, sull' angolo di questa casetta è istallato l'impianto della luce pubblica, un bel lampione appeso ad una attrezzatura metallica, che presenta eleganti forme curve nello stile antico, scelto con gusto sicuro, e che s'integra bene in questo antico punto del paese. Ogni anno, quando passo le mie vacanze nel mio paese natio, l'emozione mi stringe il cuore quando la rivedo.
Nella mia infanzia ('allora "via Tunisi" non aveva l'aspetto lindo e netto dell' attuale "via Fratelli Bandiera", accuratamente pavimentata; era sassosa, piena di buche, e come solcata dalle impronte del metallo che cerchiava le enormi ruote dei "traini". L'inverno era fangosa, quasi impraticabile; l'estate ogni passaggio di un' improbabile e rarissima vettura, o, più spesso, di una carrozza a cavalli, sollevava un nuvolone di polvere bianca e finissima, che s'infiltrava ovunque. Sono cresciuto in questo piccolo universo; purtroppo sentivo, confusamente in me, la presenza di un mondo molto più vasto, più ampio. Le umili proporzioni di questo pittoresco rione, delle sue abitazioni, mi facevano sospettare, indovinare con maggior sicurezza, la presenza di un mondo vastissimo. Quale era questo mondo infinito che si creava nella mente di un ragazzino di sei - sette anni? Non sorgeva dalla sua pura immaginazione, ma nasceva dalle fonti orali che si udivano nelle correnti conversazioni. Si sentiva dire, a scuola, che il nostro bel Paese, strettamente circondato da mari azzurri e bellissimi, dei quali s'imparava il nome sulla carta geografica murale, era limitato al nord dalle Alpi, favolose e sempre coperte di neve. Ma chi poteva immaginare l'enorme distanza che separava il nostro umile e bel paesetto da quelle rocciose Alpi ? Al di là di queste, c'erano altri mondi, altre contrade, altri paesi, molto diversi dal nostro, sicuramente più freddi e più grigi, che avevano nome "Francia" "Svizzera" "Belgio". Non si parlava allora delle Germania, del Lussemburgo oppure dell'Austria. Mio padre, fin dal 1949, era espatriato in Francia, precisamente in Lorena, vasta regione di miniere di terrò e di fabbriche di acciaio, per fare sopravvivere la famiglia. Nelle sue lettere, aspettate sempre con ansia, si poteva notare il clima molto freddo di questa regione francese dei confini nord- est, e i suoi terribili e gelidi inverni ; ma queste lettere parlavano anche delle difficoltà del dopoguerra, che colpivano la Francia, come colpivano l'Italia e tutta l'Europa: stipendi modesti, appena sufficienti, nonostante si lavorasse duramente, di notte come di giorno; scioperi frequenti, e anche, certe volte, violenti scontri tra operai e truppe della polizia o della gendarmerìa; rischio per gli operai stranieri che facevano lo sciopero di essere rinviati nel paese d'origine ecc... Ma queste lettere descrivevano anche le belle e profonde foreste francesi, ombrose, fresche l'estate, e di un verde favoloso; il cielo notturno delle città, infuocato da terribili, dantesche luci, liberate dalle gigantesche fabbriche, dove si elaborava l'acciaio destinato alle ferrovie, alle macchine, ai treni, alle navi, ai ponti... Notte e giorno, centinaia, migliaia di operai, come umili formiche, si attivavano per ricostruire l'Europa, per tentare, forse, un giorno, prossimo o lontano, non si sapeva ancora, di reintrodurre il benessere, distrutto e compromesso dalla recente guerra.
Cosi, mi trovavo, sospeso tra un mondo che conoscevo, umile ma sicuro, povero ma caldo, cosi bello, e un mondo nel quale il mio destino mi aspettava, ignoto, straniero, ostile, e, sicura mente, molto più freddo. Sapevo che dovevo lasciare il primo per il secondo. Mi sentivo in aspettazione, in attesa... Allora facevo in modo di goderlo, questo mondo natio, il più bello che possa esistere, al massimo punto.
Più le lettere di mio padre parlavano di fitte nebbie, di piogge ghiacciate, di masse nuvolose che trasformavano i campi e i pascoli in immensità ovattate, sotto le quali scompariva ogni fosso, ogni vallone, ogni prominenza, più godevo i cieli azzurri e sereni, le dolci giornate di primavera, il caldo, tremendo, sole dell'estate. Queste lussureggianti foreste, cosi lodate per via epistolare, avevo ansia di conoscerle, perché sentivo confusamente, ma in modo via via più sicuro e preciso, che la partenza verso il lontano e sconosciuto mondo francese era oramai imminente ; ma intanto, ogni volta che era possibile, non mi saziavo dello stupendo spettacolo, sempre diverso, del nostro bellissimo mare Ionio, sia nella calma della stagione estiva, sia nei tempestosi fracassi dell'inverno, quando i prodigiosi cavalloni, alti come una casa, si squarciavano sulla roccia eterna.
Quali sono i ricordi rimasti impressi in me, per sempre ? Tantissimi e bellissimi, come sono sempre i ricordi dell'infanzia, quando si scopre il mondo. I tempi erano duri, ma con l'arrivo del denaro che papa mandava dalla Francia, si stava bene. Duri erano quei tempi, dicevo, ma belli e felici, perché, avendo poco o nulla, un niente ci accontentava ; e noi, bambini, ci accontentavamo di poco. Questo poco, queste piccolezze, con le quali riuscivamo a giocare, rappresentavano tutta la felicità del mondo: una rarissima caramella, un fischietto di terra cotta (che si comprava a ALEZIO, alla festa dell' Alizza), due noci, un umile giocattolino di legno...
I vicini di casa, puntualmente, ogni estate, mi portavano con loro a soggiornare nelle campagne sassose di Montegrappa ; l'umile "furneddhu", senza porta, dal suolo di terra battuta, era il rifugio dell' intera famiglia, per tutta la stagione estiva. Non avendo niente da fare durante le lunghissime giornate d'estate, passavo il tempo a osservare la viva lucertola scaldarsi al sole, a percorrere queste alture coperte di ulivi, in cerca, secondo la stagione, di nespole, di ciliege, d'albicocche, oppure di deliziosi fichi.
Come si aspettava con ansia la cena serale, ch'era un intenso momento di convivialità! Quando eravamo tutti seduti davanti all'entrata "del furneddhu la pasta e fagioli" la "pasta e ceci ", oppure la " tria" con i cavoletti, avevano, oltre un profumo intenso che si spandeva nelle campagne, un sapore squisito e genuino. Spesso, all'ora della cena, ci interpellavamo, da un "furneddhu all' altro, che s'indovinavano, nell’intenso buio della campagna, mediante la debole e vacillante luce di una lampada a petrolio appesa sopra la compagnia che si stringeva intorno al tavolone improvvisato Le prime piogge, all'inizio di ottobre, davano il segnale del rientro al paese. La scuola riprendeva; le classe elementari si svolgevano nelle aule del palazzo che diventerà poi il municipio, in seguito ancora la scuola media. Quest'immobile trovandosi vicino alla ferrovia, ogni volta che passava il treno tutti si alzavano e si affacciavano alle finestre, nonostante i richiami e i rimproveri della maestra. Questo treno, quando passava, mi faceva pensare "all'altro mondo", verso il quale mi sentivo destinato ad andare, presto o poi ; ma sapevo benissimo che questo modesto trenino portava i suoi passeggeri soltanto a Lecce; quasi sempre, il medesimo pensiero mi veniva in mente: quanti treni si debbono prendere per arrivare " lassù ", cioè in Francia, al di là dalle Alpi ? La scuola trovandosi anche vicino al cimitero, quando c'era un funerale, segnalato dai solenni accenti della banda, allo stesso modo tutti si alzavano per osservare, cercando così un piccolo svago alla lezione in corso. Ma queste abitudini, di alzarsi al minimo piccolo evento che si svolgeva all'esterno della scuola, non durarono tutto l'anno scolastico, perché la maestra non tollerava più tali distrazioni. Quando s'indovinava un funerale, lei si posteggiava vicino alle finestre, impedendo cosi ogni movimento collettivo, perché nessuno osasse più alzarsi. Certe volte consentiva a descriverci la composizione del corteo:
«C'è don Rocco (oppure don Vito, oppure don Nicola, oppure tutti e tre insieme, quando il funerale era quello di una personalità), ci sono i frati francescani del convento ; ci sono le suore ; c'è la banda...» Durante il pomeriggio, una volta finiti i compiti, andavamo tutti, i bambini di "Santa Lucia", i miei coetanei, a giocare sotto il ponte della ferrovia, nel quartiere detto "La Longa". Certe volte ci azzardavamo a salire su Montegrappa; c'era anche chi, attraverso i vetri delle alte finestre della cappella rotonda, salutava la Madonna mutilata con una breve preghiera. E così passarono, velocemente, i giorni, i mesi, gli anni... Così arrivò, nel maggio del 1954, il momento della partenza verso la Francia, paese amico, e direi, " cugino ", che ci accolse tutti, e dove, sin dal quel momento, si svolge la mia vita.
Ma come potrò mai dimenticare quel clima mite e soleggiato, quelle mattinate serene e dolci di maggio, i maestosi e secolari ulivi, i lussureggianti vigneti, i primi fichi maturi sull'albero, tutta l'abbondanza e la varietà della frutta estiva, e soprattutto i nostri due bellissimi mari, sia di un intenso azzurro, sia di un limpido smeraldo?
Come potrò mai, o Tuglie, dimenticare le tue case bianche, risplendenti nel sole dell' estate, circondate da un mare di ulivi e di vigneti?
Ogni anno, voglio, o Tuglie o elegante Lecce, o antica Puglia, inebriarmi delle vostre bellezze.
 

Prof. Silvano Tarantino
Villerupt - Francia


 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top