Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Lunedi` 23 Ottobre 2017
Oggi si festeggiano:
S. Giovanni da Cap.
SS. Germano e Servando
S.Severino,S.Eliseo mar.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Vino, legna e amici, più invecchiati e più felici

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...Enzo Pagliara e la sua Montegrappa anni '50
Vi racconto: Montegrappa anni 50

La "villeggiatura dei tugliesi negli anni "50 era ancora soltanto di tipo rurale; le "macche" facevano la parte del leone, con le loro centinaia di "furneddhi", isolati o a grappolo. Da qualche anno, esattamente dal 1948, pochi "privilegiati" potevano godere la loro villeggiatura nelle casine che, in stile architettonico spontaneo o pseudo liberty, avevano fatto costruire sul brullo costone roccioso al nord del paese, patriotticamente denominato Montegrappa.

Ai primi anni cinquanta, le casine "storiche" della località collinare erano non più di una ventina, delle quali la maggior parte tuttora esiste, anche se a qualcuna sono state apportate aggiunte e a qualcun'altra avvilenti modifiche; questi villini permettevano agli abitanti una permanenza più lunga, fino ad autunno inoltrato, un po' per la maggiore disponibilità di spazi, ma anche per la struttura meno precaria rispetto ai capricci del tempo. E poi perché i lunghi e larghi viali, già tracciati anche se appena sterrati, permettevano una facile circolazione ai pur pochi automezzi che vi salivano dall'unica "arteria" costituita dalla salita della "Croce". Per noi ragazzini i quattro mesi a Montegrappa erano lunghi, interminabili, alienanti; dal lunedì al sabato, giornate tutte uguali: giochi e giochi, un po nel boschetto e un po nella pineta, come convenzionalmente si intendevano, il primo a destra della gradinata centrale, la seconda a sinistra, con all'interno il sacello ai Caduti. Si scavavano buche per trappole, si costruivano fortini per i primi soldatini di plastica, si giocava con le prime figurine dei calciatori Panini. Talvolta ci si spostava in gruppo verso la grandissima e frondosa "carruba", sotto la cui ombra le ragazze da marito erano intente a ricamare o a cucire. A mezzogiorno, tranne che nei giorni di tramontana, arrivava l'eco della sirena della Piazza, e tutte le compagnie si scioglievano, per ricomporsi dopo la "siesta", ancora per qualche ora. L'Avemaria, rintoccata prima dalla campananella issata sotto un'arcata laterale, successivamente dalla campana del campanile, raccoglieva la gran parte dei villeggianti per il rosario di (don) Emanuele Pasanisi. Il rientro per la frugale cena segnava l'inizio della lunga, buia, silenziosa sera-notte di Montegrappa, interrotta, di tanto in tanto, dalle allegre brigate di giovanotti che davano sfogo alle loro abilità canoro-musicali sulla fisarmonica e sulla chitarra al chiarore lunare, seduti sui parapetti del piazzale. E per i ragazzini? I lunghi racconti dei nonni e degli amici dei nonni, i quali dopo la cena si riunivano per qualche ora ancora, fino al momento della buona notte. Ne avevano "fatti" da raccontare Mesciu Rocco Nocera il più anziano dei nonnini, Camillo Calò con i baffoni alla ceccopeppe, Don Pippi Vergine "te la Posta" personaggio eduardiano, Biagio "fermijanu" sosia di Oliver Hardy, il "suturnu" Cosi Quintana, il "sottile" Luigi Bacile, e i "cimantusi" Mesciu Nino, Mesciu Giovanni e, naturalmente, Mesciu Vincenzo Miggiano: la grande guerra del '15-18, l'avvento del fascismo e la loro militanza o simpatia, la campagna in Abissinia e mille altre storie, storielle e "culacchi" di vecchi tugliesi di spicco, o poveracci. Qualche sera dopo cena seguivamo i nonni che andavano a farsi la "passatella" da Mesciu Sebastiano De Salve, dove la figlia Stinella gestiva una botteguccia di alimentari e di mescita. Il cortile antistante era "rischiarato" da lampade a gas, molto più luminose dei "petroji" che tenevamo nelle "ville", uno per tutta la casa. Alla botteguccia si acquistavano quotidianamente le "venti lire" di ghiaccio che rinfrescava l'acqua e il vino del pasto meridiano. I mesi di giugno e luglio sembravano avere la durata di ere geologiche; poi il viavai dei carretti che trasportavano povere masserizie verso i furneddhi delle "mute terre" ti faceva capire che agosto era alle porte. Subito si mettevano in moto i preparativi per la festa della Madonna di Montegrappa: arrivavano le luminarie, la cassarmonica, e per qualche giorno si sentivano i martellamenti per issare i pali, rumori che "beneficamente" interferivano con l'alienante, assordante gracidio delle cicale.
 

Terminati gli addobbi, un lungo e grosso cavo nero, a mo' di serpentone, collegava il piazzale alla cabina elettrica vicino al Calvario. Tutto il giorno del primo agosto, l'equipe di Gaetanino Cuppone era intenta a sistemare le trombe dell'altoparlante che, dopo una giornata di fischi a scariche, finalmente la sera permetteva di seguire il Triduo anche a distanza dalla Cappella, sempre tra qualche fischio e qualche scarica.

Nella stessa mattinata arrivava l'inviata speciale del Dottor Vergine, Mescia Lucia Bacile, la quale portava la biancheria da lei stessa ricamata per l'altare e, aiutata da altre donne pie, metteva ordine e lustrava la Chiesa per le imminenti funzioni religiose. La mattina del 3 tutte le vedove di guerra, capeggiate dall'arzilla Domenica Petruzzi, assistevano alla messa con "l'ufficiatura" in suffragio ai Caduti, celebrata dal nuovo arciprete don Nicolino, da don Vito e da don Nicola. L'ufficiatura aveva il ritmo e il sapore antico ed esotico di una funzione di rito greco-ortodosso. Terminata la celebrazione, il pavimento antistante il vecchio altare in leccese e il Sacrario dei Caduti si riempivano di lumini che le vedove accendevano per voto alla Madonna e ai loro defunti. La sera l'intorciata si snodava lungo i viali ancora poco alberati - negli anni quaranta la processione partiva dalla Chiesa Madre - tra il crepitio e lo sfavillio delle fontanelle di bengala colorate, che i pirotecnici Venuti preparavano per l'occasione a poco meno di un centinaio di lire ciascuna. Le signorine Nocera e Mescia Concetta "te lu tabacchinu" appendevano tra un albero e l'altro una teoria di lampioncini cinesi, illuminati da un tozzo di candela. All'alba della festa, alle quattro, il mattiniero Don Vito, immancabilmente, celebrava la prima messa; altre poi seguivano fino alla messa cantata dell'Arciprete. Le noccioline, la scapece e soprattutto le "banane", i "pinguini" e gli spumoni Provenzano, mezzi sciolti, connotavano, allora come ora, la festa di Montegrappa. Un fuoco pirotecnico, fatto esplodere all'imbocco del "tajamentu", chiudeva definitiva mente la festa, la notte tra il 4 e il 5 agosto. Dopo la festa, ricominiciava il grigiore assolato delle giornate di Montegrappa, ravvivato di tanto in tanto da qualche matrimonio in Cappella, e dalle scampagnate dei fratini del seminario serafico di Sansimone. Passata la festa della Madonna delle Grazie, si cominciavano a rivedere i carretti che riportavano le masserizie dei "furneddhari" in paese; inesorabili scoppiavano i temporali che allontanavano sempre più la calura agostana, e per i Santi Medici, al massimo per San Francesco, anche per i villeggianti delle casine terminava il soggiorno in collina, e per Montegrappa ricominciava quell'isolamento, quasi letargo, fino all'estate successiva. Alla fine degli anni cinquanta si installò la rete elettrica e per Montegrappa iniziò una nuova epoca: arrivò la televisione "pubblica" di Vito Pastore, la quale permise di trascorrere serate estive meno tediose e, con la scusa della consumazione di un peroncino o di un'aranciata fresca, si potevano seguire le puntate di "Arsenico e vecchi merletti" o di "Una tragedia americana". Poi negli anni '60 arrivarono i registratori e i mangiadischi che sostituirono chitarre e fisarmoniche e i "vitelloni" tugliesi residenti, o di rientro per le vacanze, poterono ballare "cheek-to-cheek" le canzoni di Mina e di Peppino di Capri sulla terrazza di Don Pippi Vergine, di villa Pastore, ecc., ecc. Mi scuso: con coloro ai quali avesse recato noia questo "romantico" amarcord; con le persone, ormai brizzolate, per la citazione non preventivamente autorizzata; e, soprattutto con gli Elisi, per averli irriverentemente "destati", ma con sincera benevolenza, dal loro eterno silenzio.
 

Enzo Pagliara

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top