Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Lunedi` 15 Aprile 2024
Oggi si festeggiano:
S. Basilissa e Anastasia m.ri
SS.Teodoro e Pausilippo m.ri
S.Paterno vesc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Aria, moto e sobrietà tengono l'uomo in sanità

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


TUGLIE
Borgo della Civiltà Contadina del Salento
I frantoi ipogei
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale

L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
Il Giornale
Libero
La Stampa
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Tradizioni dell'Immacolata
Shakespeare
NO VENISTI A TENPO
Il mercato in piazza
La grotta dei cervi
I dolci di Natale
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...
Uno Sport solo per Donne, il Mamanet

Altrevoci
A Gigi
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello


Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
In ricordo di Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Marco Polo, l’Oriente come attraente frontiera

GEOGRAFIE.
I settecento anni dalla morte, l’8 gennaio 1324, inaugurano un calendario di eventi e convegni. Il suo «Milione» è un trattato storico-politico e una miniera di dati per mercanti. Appena 17enne partì da Venezia con il padre e lo zio alla volta della Terra Santa e da lì, via Anatolia e Persia raggiunse la Cina dove avrebbe passato 25 anni alla corte di Kublai Khan. Con quel libro di ricordi il mondo conosciuto si allarga: le conoscenze dell’Europa raddoppiano e lui ci accompagna come un antropologo per narrare il nuovo e il diverso che vede.



Il 9 gennaio di 700 anni fa Marco Polo dettava le sue volontà testamentarie al prete-notaio Giovanni Giustinian. Marco lasciava tutto alla moglie Donata Badoer, sposata intorno al 1300, e alle tre figlie Fantina, Bellela e Moreta (aveva anche un’altra figlia, Agnesina, probabilmente nata al di fuori del matrimonio). Nel testamento, Marco si preoccupava di liberare Pietro, uno schiavo di origine tartara. In un testo tutto sommato smilzo, che dà quasi l’impressione di essere steso sotto l’urgenza delle cattive condizioni di salute del dittatore (che infatti morì in quei giorni), questo dettaglio è uno sprazzo di memoria.

PIETRO EMERGE DAL PASSATO di Marco, testatore ricco e stabile in laguna, ma poco più di cinquant’anni prima eroe quasi epico di un viaggio incredibile: nel 1271, appena diciassettenne, si era imbarcato da Venezia con il padre Niccolò e lo zio Matteo; passati dalla Terra Santa, proseguirono dall’Anatolia orientale all’Armenia verso l’altopiano iranico per raggiungere la lontanissima Cina. Qui Marco entrò in una corte molto particolare, dominata dalla figura affascinante del khan Kublai. Nipote di Gengis Khan, egli dominava su un impero che andava dalla Siberia all’intera Cina. I tre Polo rimasero molto a lungo nel paese; Marco si impratichì velocemente delle lingue parlate nel territorio e svolse importanti missioni in luoghi lontani, fino all’India. Solo nel 1295, dopo 25 anni, la compagnia riguadagnò Venezia.

Non fu un viaggio come gli altri, seppure non fu il primo. Missionari – soprattutto francescani e domenicani – si erano spinti fino ai territori mongoli, talvolta in compagnia di mercanti. Mondi diversi che si avvicinavano perché la Terra Santa cadeva sempre di più sotto il controllo musulmano mamelucco: le vie delle merci, e del Signore, avevano bisogno di sbocchi nuovi, e il dominio mongolo si caratterizzava per un dinamismo commerciale estremo, unito a una varietà di culti che conviveva in maniera inusuale rispetto all’Europa lacerata dai conflitti. Una «frontiera» attraente, che cominciava a essere anche raccontata. Ma mai con la ricchezza di dettagli con cui Marco la raccontò al suo compagno di cella, il pisano Rustichello, nelle carceri di Genova alla fine del Duecento.

Il viaggiatore-ambasciatore apriva la fontana dei ricordi a un ghost-writer che fino ad allora aveva scritto romanzi cavallereschi di successo. Ne uscì un libro straordinario, eppure inclassificabile. Il suo titolo, Devisement du monde, significa «descrizione del mondo», e già ne esplicita lo scopo: riunire e raccontare tutte le conoscenze accumulate nell’esperienza del viaggio. A chi? A un pubblico nuovo, larghissimo: non più i preti-missionari, a cui si indirizzavano tutti gli scritti di viaggio precedenti in latino, ma ai laici tutti, dai potenti ai semplici.

Il libro è conosciuto anche con il titolo di Milione, che deriva dal nome di famiglia dei Polo, a significare il rapporto strettissimo tra l’opera e la sorgente delle memorie, Marco il Viaggiatore. Ma è un libro sfuggente, che il lettore non cattura mai: trattato geografico, enciclopedia, storia politica, miniera di dati per mercanti.

Alle informazioni precise sui luoghi visitati (posizione, moneta, situazione politica) si affiancano ampie sezioni sull’impero mongolo e le sue guerre e una miniera di racconti dai filoni più ampi e vari: vite di santi in versioni sconosciute agli occidentali, racconti meravigliosi su animali e figure mitizzate e finalmente incontrate (l’unicorno, per esempio, ma anche il mitico sovrano-sacerdote conosciuto con il nome di Prete Gianni).

IL LETTORE EUROPEO si trovava di fronte un caleidoscopio di usanze totalmente eccentriche rispetto al mondo occidentale, per esempio in campo sessuale, punto sensibile della morale cristiana: pensiamo alla «ospitalità» sessuale a Kamul, dove gli abitanti offrono le proprie donne ai viaggiatori; all’armoniosa poligamia dei mongoli oppure al matrimonio «a tempo» di Pem, o alla valorizzazione dell’esperienza in campo sessuale delle donne a Kollam.

Con il Devisement il mondo conosciuto si allarga: le conoscenze dell’Occidente raddoppiano, e Marco ci accompagna come un antropologo, sfrutta i limiti della nostra conoscenza per raccontare e descrivere il nuovo e il diverso che vede: nella regione di Ghinghintalas, scopre un minerale resistente al fuoco con una fibra simile alla lana. Il viaggiatore crede di essere di fronte alla salamandra, ma afferma con orgoglio che non è un animale, come credeva la cultura comune, ma un minerale appunto: è l’amianto. La scoperta del petrolio, o della vita del Buddha, hanno nel testo la stessa potenza: i bias cognitivi servono a sfidare le conoscenze.

In una delle interviste «impossibili» di Giorgio Manganelli andate in onda sulla Rai, il Viaggiatore viene rappresentato continuamente in bilico tra verità e finzione: e non perché ciò che dice Marco è falso, come pure qualcuno ha sostenuto con volontà di scandalo, quanto perché questa sfida alla conoscenza è vinta trasformando l’Oriente con la o maiuscola in uno spazio mentale, che chiede al lettore, al sedentario, di credere al racconto e alla memoria.

Il 2024 sarà un anno dedicato a Marco Polo e al suo libro; un comitato nazionale per le celebrazioni è stato varato dal ministero, e il programma delle iniziative scientifiche, in gran parte realizzate a Venezia, si preannuncia molto ricco: sono previste mostre, laboratori teatrali, letture pubbliche, e un convegno internazionale (11-14 settembre 2024) sull’uomo e l’opera. La sfida maggiore, per gli studiosi, consiste infatti nel focalizzare e spiegare il miracolo di un libro impossibile, che nonostante la sua «costruzione esperantica» (come ebbe a dire Contini), divenne un best-seller internazionale: immediatamente tradotto, riscritto, in gran parte trasmesso nella lingua internazionale dell’epoca (il latino), attraversò il Medioevo uscente con un successo straordinario (quasi 150 manoscritti). Fu questo successo a permettere al Devisement di avere un impatto impressionante sulla cultura successiva: se ne trovano tracce nelle carte geografiche, ed è sempre più evidente il suo ruolo di denotatore per i viaggiatori moderni.

PER UN PARADOSSO non tanto sorprendente, il successo ha prodotto una miriade di falsi miti. Mettere per iscritto uno spazio nuovo ha i suoi rischi. Marco lo ha corso, e ne è stato consapevole. Ha probabilmente cercato anche degli alleati più autorevoli di lui, laico mercante, per diffondere i suoi racconti; li ha trovati presso degli aristocratici francesi, che lo hanno diffuso nelle corti arricchendolo di illustrazioni; li ha cercati presso i frati domenicani della sua città, che come degli editor moderni, hanno riscritto, arricchito, raddrizzato l’opera, garantendogli una circolazione molto più ampia.
Dal viaggio al racconto al libro alla sua circolazione: l’Oriente di Marco Polo si testualizza in maniera complessa e tormentata, mai ferma. Per questo motivo, il lavoro sul testo che i filologi e gli storici hanno portato avanti negli ultimi vent’anni permette di comprendere più a fondo l’infinita pluralità del mondo, lo spaesamento del viaggio e il patto di fiducia che ogni racconto richiede.

 

Antonio Montefusco



Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio Imperiale
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline di Gigi Scorrano 
A Elena per Gigi
Ricordo di Gigi
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia
Antonio Montefusco

Antonio Montefusco
Santa Caterina
Luigi Scorrano
Marco Polo

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Livio Calò recensione
Otello Petruzzi recensione
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top