Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Venerdi` 21 Giugno 2024
Oggi si festeggiano:
S. Luigi Gonzaga
S.Demetria mart.
S.Urcisino vesc.
SS.Rufino e Marzia m.ri


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Domanda sfrontata, risposta salata

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


TUGLIE
Borgo della Civiltà Contadina del Salento
I frantoi ipogei
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale

L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
Il Giornale
Libero
La Stampa
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Le dolci Serre Salentine
Tradizioni dell'Immacolata
Shakespeare
NO VENISTI A TENPO
Il mercato in piazza
La grotta dei cervi
I dolci di Natale
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...
Uno Sport solo per Donne, il Mamanet

Altrevoci
A Gigi
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello


Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
In ricordo di Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Ricordo di Gigi
Uno dei temi più dibattuti nell’anno del centenario dantesco, nel 2021, è stata la strumentalizzazione che il discorso pubblico italiano ha fatto di Dante e del suo mito. Padre della patria, oltre che della lingua, monumento nazionale, addirittura profeta del dux, il duce: un condottiero immaginato, per il poeta fiorentino; il Duce in carne e ossa per una pletora di sedicenti studiosi in camicia nera, insegnanti di scuola ma anche intellettuali di fibra spessissima (addirittura Giovanni Gentile). Se curiosate tra le note delle centinaia di pubblicazioni su questo tema uscite negli ultimi tre-quattro anni, trovate sempre, ripetuto e venerato, il riferimento un saggio straordinario di Luigi Scorrano, intitolato appunto Il Dante “fascista” (pubblicato su una rivista tedesca nel 2000 e ripubblicato in volume nel 2001). Più di vent’anni prima che la polemica divampasse furiosa, col ministro della cultura che affiliava il poeta nel gruppo dei precursori, addirittura il fondatore, del pensiero di Destra, questo studioso salentino aveva investigato con serietà e con una notevole dose di ironia quello che lui scopriva essere un “luogo comune” della retorica del regime, l’idea cioè che la poesia della Divina Commedia tramandava tutta intera l’idea, si sa quanto pericolosa, di Nazione come comunità di sangue oltre che di lingua, «santa patria» secondo Gentile.
Quel saggio rappresenta tutto intero il modo di stare al mondo, e di studiarlo attraverso la letteratura, di Luigi Scorrano, che si è spento ieri nella sua Tuglie a 85 anni. Uno stile garbato, di un’eleganza moderna, ma in fondo provocatorio, capace di interrogare in profondità il lettore, di non lasciarlo mai indifferente. Nel 2000 il presidente Ciampi, ex partigiano di ispirazione azionista, aveva riportato in vigore simboli (il tricolore) e consuetudini (la parata militare del 2 giugno) che da lungo tempo l’Italia considerava scomodi; Scorrano, dalla sua scrivania, cercò di far capire pazientemente come, nella nostra tradizione, simboli e consuetudini vanno trattati con rispetto, con delicatezza, situati nel loro tempo ma con le giuste consapevolezze culturali, in quadro costituzionale e antifascista.
Per lunghi anni professore di Italiano nelle scuole secondarie superiori, in particolare a Casarano (la città gli ha concesso la cittadinanza onoraria nel 2015), Luigi Scorrano è riuscito a tenere assieme, in una maniera che forse oggi non è più pensabile, impegno politico e sociale, slancio per l’insegnamento e un’attività di studio e di scrittura impressionanti. Una biografia del Novecento, secolo tanto vituperato ma tempo in cui la cultura e lo studio potevano essere lo strumento di un’ascesa sociale felice. Gigi – come lo chiamavano tutti – veniva da una famiglia numerosa e non attrezzata economicamente, e fece studî irregolari. «Ho la laurea, ma non sono diplomato!», scherzava, ricordando il suo titolo professionale elettrotecnico, che non gli impedì la bruciante passione, prima nascosta, poi sempre più “pensiero dominante” (come direbbe Leopardi) per la lettura e per il teatro, che lo portò a studiare prima a Milano poi a Lecce, con uno dei più grandi nomi degli studi danteschi pugliesi e internazionali, Aldo Vallone. Gli anni di Milano non vennero dimenticati: erano quelli delle rappresentazioni teatrali perturbanti di Giovanni Testori, cattolico tormentato che metteva in scena la crudeltà del potere, la forza degli ultimi e la loro capacità di redenzione. A Testori Scorrano ha dedicato pagine di rarissima penetrazione e intensità, che ne specchiavano in modo complesso la tensione religiosa e l’aspirazione di cambiamento in nome dei più deboli.
Ma la continuativa attività di ricercatore di Gigi ha esplorato gran parte della letteratura di quel secolo difficile, dallo scomodissimo D’Annunzio (anche lui smontato nella sua magniloquenza) al romanzo e alla poesia contemporanei; un libro celeberrimo e utilizzatissimo – quasi saccheggiato dagli studiosi per la quantità di informazioni e intuizioni – è Presenza verbale di Dante nella letteratura del Novecento, del 1994: lo sguardo nei confronti di molti autori più vicini a noi, grazie a quel lavoro, è cambiato. Gigi praticava, di nuovo, una garbata provocazione intellettuale: la letteratura, all’epoca, si pretendeva “novissima”, quasi senza padri; non era vero per niente: la “tradizione” (e il padre di quella tradizione), ne costituiva l’alfabeto profondo, aiutava a svelarne il senso. Quel volume univa le due passioni di Scorrano: la scrittura dell’oggi e l’opera di Dante, a cui dedicò, assieme al suo maestro Vallone, un fortunatissimo commento, uno dei più diffusi nei licei.
Questo posto di prima importanza nella comunità internazionale degli studiosi di letteratura Gigi lo ha voluto praticare, per scelta e con estrema libertà, fuori dall’Accademia e a contatto con gli studenti, a cui ha dedicato non solo un impegno didattico fuori dal comune, ma anche una ricca produzione di invenzioni teatrali (spesso riduzioni di classici), oggi inedite: meriterebbero un’edizione sorvegliata, che le metta a disposizione dei lettori ed eventualmente di nuovi attori. A Tuglie, Scorrano è stata una figura politica di riferimento nel quadro della sinistra socialista; in un paese storicamente egemonizzato dal centro democristiano, in una breve stagione di centro-sinistra, Gigi fu un indimenticabile assessore alla cultura, capace di fare di questo centro un po’ esterno ai circuiti turistici un luogo di sperimentazione artistica e di incontro culturale di altissimo livello: memorabili le mostre come quella sulla Grande guerra dove uno storico come Mario Isnenghi tenne una lezione di fronte a una folla numerosissima. Con questo bagaglio, ancora in epoca recente, Gigi è stato candidato sindaco di una lista civica, l’unico capace di riunire la lacerata sinistra tugliese e di contendere la vittoria (sfiorata per pochi voti) alla maggioranza.
L’anno scorso, l’editore Musicaos di Neviano ha riunito assieme la ricca, e originalissima, opera poetica di Scorrano. Parlandone in piazza a Tuglie, Antonio Errico ha giustamente evocato l’esempio di Pasolini. Ha ragione. Luigi Scorrano viene da quella sotterranea corrente di intellettuali totali, scrittori ed educatori, capaci di spremere la cultura e la letteratura in tutte le sue forme, per farne un potentissimo strumento di cambiamento sociale.
 
 

Antonio Montefusco, Université de Lorraine




 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio Imperiale
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline di Gigi Scorrano 
A Elena per Gigi
Ricordo di Gigi
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia
Antonio Montefusco

Antonio Montefusco
Santa Caterina
Luigi Scorrano
Marco Polo
Intervista su Dante

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Livio Calò recensione
Otello Petruzzi recensione
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top