Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Sabato 22 Luglio 2017
Oggi si festeggiano:
S. Maria Maddalena
S.Cirillo vesc.
S.Gualtieo


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Per Santa Maddalena, la noce è piena

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Pensieri....sulla Festa Patronale
La festa in bocca
di Azzurra De Razza
giornalista Telenorba

La festa in bocca. Né sacro né profano. C'è anche un sapore a parlar devozione. Prima ancora è profumo. Correggo, è celebrazione nell'aria. E' fragranza, che invade le vie, tra bancarelle e luminarie, tra la piazza e la fiera, dopo la messa e prima della processione ma soprattutto durante. Durante tutto. E, oggettivamente, distrae. Perché invade e pervade. Frittura della festa. Purpette. Tuglie, come una grande padella di olio bollente, frigge. Tradizione nelle case che diventano tappe della processione gastronomica, santa e profana. Vai e vieni. Un giro alla fiera a cercare li puricini beddhi e poi trasi a casa te la zzia Maria. Torna in piazza ca sona la bbanda e ti chiama Mescia Cetta. Comu suntu 'ste purpette? Non rispondere! Che sei già entrato nel rito della gara non ufficiale del "chi le fa più buone". E il giro è ancora lungo. In mezzo c'è l'Annina. Anzi, c'è la cantina te l’Ucciu che è suo marito, aperta agli avventori, passaggio obbligatorio. Non dico altro. Non è ancora mezzogiorno ed ho mangiato venticinque polpette. Le trombe della banda annunciano l'uscita della Madonna. Seguo la processione e sento la festa in bocca. Ci sono ancora i fuochi da vedere susu la lambia te l’Ucciu. Prima devo pure comprare le nuceddhe però. Per le giostre e la banana te lu Provenzanu aspetto la sera. Altro giro, altra corsa. Ora c'è ancora il pranzo. Quello era l'antipasto. La festa adesso me la mangio. Siamo diciannove a tavola. Le portate ancora di più. Abbondanza. Quello che rimane...torno domani?
 

"Una sola Festa"
di Massimo Negro
cultore delle tradizioni popolari.

Non erano i pali bianchi e rossi lungo le strade e intorno alla piazza a farci attendere il suo arrivo, anche perché spesso tirati su con largo anticipo. Erano i camion e le roulotte che comparivano sotta ‘llu piazzale a farci capire che ormai era solo questione di giorni, se non di ore. Arrivavano le giostre. Arrivava la Festa te la Matonna.
Le giostre con la loro musica sparata a tutto volume, rappresentavano la naturale evoluzione delle macchinine e dei robot comprati da piccolo alle baracche poste tornu tornu la chiazza. Gli amici di mio nonno vedendomi arrivare gli davano di gomito dicendo “Sta ‘rria napotuta!”. E mio nonno sorridendo si preparava a metter mano al portafoglio.
Negli anni dell’Oratorio la festa era anche la splendida processione della mattina. La Madonna che usciva parata a festa dalla Chiesa sulle note della Marcia di Radetzky, con i chierichetti che si tiravano su la tonaca e si divertivano saltellando a ritmo di musica. Ma era anche un’occasione profana per fare un viaggio attraverso i profumi e gli odori della tradizione culinaria tugliese nel giorno di festa. Una sintesi di profumi te carne allu sugu e de purpette via via crescente, incalzante, quasi a tirar la giacca ai mariti per conto delle mogli per farli tornare a casa man mano che ci si approssimava a mezzogiorno. Un profumo che si spandeva per le strade distraendo dalle preghiere.
La sera sotto le mille luci te la parazione, la banana sanciva la tregua con l’inverno, lasciando il posto alla bella stagione. Era il primo gelato dopo la lunga pausa invernale.
La festa non poteva finire se non si ascoltava il Bolero di Ravel in Piazza con in mano na busta de nucceddhe e pronti a farci fuori un pò di scapece che compravamo per l’occasione.
La Nunziateddha. Non so voi, ma ancora oggi a ricordare quel giorno mi compare nei miei ricordi quella grande distesa te patelle, te piatti, te scarpe poggiate sulle scatole e sui cartoni per terra ovunque per tutta la piazza davanti al monumento dei Caduti.
Poi gli anni dell’Università a Milano e successivamente il lavoro in giro ovunque per multinazionali. Ma ogni anno c’è un appuntamento che in agenda non può mancare. Uno solo. Una sola Festa. La Festa te la Matonna.
Da studente, invischiato in letture disorientanti e fantasie cosmopolite, scelsi di prendere le distanze dalle tradizioni nelle quali ero vissuto e che mi avevano disegnato. Liturgie, stradine, riti, abitudini, ritmi ristretti e ripetitivi che non si accordavano ai miei sogni chissà quanto cosmici. L’avrei fatto prima nell’animo e successivamente scappando verso altri orizzonti.
Ricordo che in quegli anni mi trovai a parlare di questo con Enzo Pagliara. Gli dicevo un po’ invasato che queste feste patronali, i riti, le tradizioni sarebbero scomparse, sarebbero state inghiottite dalla modernità. Enzo guardava intensamente una statua di cartapesta. Senza scomporsi mi rispose: “Queste tradizioni, che a te forse sembrano minuscole, hanno resistito a guerre, a rivoluzioni. Non credo che verranno meno. Ne abbiamo bisogno.” Ci ho ripensato quando Gianpiero mi ha chiesto di scrivere quattro parole per la festa. Ripensai a quelle parole anche quando dalla Colombia, a migliai di chilometri di distanza, la prima volta, chiesi a mia madre stupita: “Comu è sciuta stannu la festa te la matonna?”. E ripensavo, confondendo tutto insieme, al tagatà e alle ragazzine e a mio padre che mi fece assaggiare la prima volta la scapece e a mio nonno che infilava ritualmente l’offerta nella cassetta in piazza e alle noccioline e a tante altre cose. Enzo aveva ragione. La sua previsione era esatta, visto il nuovo entusiasmo intorno alla festa patronale. Ma ciò che più conta è che sono felice che io avessi torto.
 

“Nu core te cupeta”
di Gianpiero Pisanello
giornalista

Chissà se anche Almerico Montedragone, cavaliere di Sulmona al servizio di Carlo d’Angiò, donò alla sua giovane amata Riccarda Maramonte, sorella di Ruggiero che sposò nel 1274, “lu core te cupeta”, ossia un dolce a forma di cuore realizzato con mandorle tostate e zucchero caramellato che i giovani regalavano alle fidanzate. Un dolce tipico “te la Nunziata”, prima ancora della “banana gelato”, che si trovava sulle tante bancarelle che affollavano l’antica fiera. Tradizione voleva che proprio il giorno dell’Annunziata, i giovani regalavano alle fidanzate questo dolce come pegno e promessa d’amore. Si giungeva da tutto il Salento per compiere questo rito. E mentre la statua passava tra le contorte stradine “te la Croce” o “te lu Lavitu”, i giovani ufficializzavo il loro amore, sotto la protezione “te la Nunziata” in piazza Garibaldi. Fantasticando, non credo proprio che Almerico Montedragone compì nei confronti della sua amata questo gesto. Abile condottiero, aveva tutt’altro a cui pensare. Ma noi tugliesi, immaginiamo che l’abbia fatto e soprattutto lo ringraziamo per aver portato a noi il culto nei confronti della Madonna Annunziata. Da Sulmona era partito per le Crociate, combattendo valorosamente sotto le mura di Gerusalemme, insieme a Riccardo Cuor di Leone. Per i meriti conseguiti, Carlo d’Angiò lo nominò “visore” di tutta la Puglia e Signore del Casale di Tuglie, incarico, questo che lo rese particolarmente lieto perché poteva finalmente coronare un sogno: far conoscere la magnificenza dell’Annunziata e farla venerare in un altro paese lontano dalla sua Sulmona. Egli giunse così nella nostra Tuglie senza soldati, senza armi, senza ricchezza e così si presentò ai nostri antenati i quali, con grande fervore, accettarono la devozione per la Vergine che da quel momento divenne patrona del nostro paese. E tra tutte queste peripezie l’aitante e valoroso condottiero poteva mai pensare a “nu core te cupeta”?



 
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top