Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Lunedi` 11 Dicembre 2017
Oggi si festeggiano:
S. Damaso I papa
S.Daniele stilita
S.Savino vesc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
La notte è madre di consigli

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...Cosimo Sponziello pittore
Cosimo Sponziello pittore

"Due paesaggisti delicati ha la provincia, verso il Capo di Leuca: sono Cosimo Sponziello, un discepolo di Ciardo, con un suo esile filo di poesia, e Luigi Gabrieli…".
Così scriveva, in una sua memorabile Lettera pugliese, Vittorio Bodini nel 1951, mettendo a fuoco quello che era il carattere fondamentale di Sponziello pittore. Ma questo personaggio tugliese oggi sono forse in molti a non sapere chi sia. Giova, perciò, darne qui una nota biografico-critica.
Cosimo Sponziello è nato a Tuglie il 27 settembre 1915 da Giovanni e da Maria Mainardi da Casalbuttano (Cremona), secondo di sei figli. Nel 1923 viene in Puglia per trascorrervi le vacanze un fratello della madre di Cosimo, lo zio Primo Mainardi, appassionato di fotografia. Porta con sé una macchina a lastre per fotografie stereoscopiche.

 Cosimo ne resta incantato: è un innamoramento a prima vista, il preludio di quella che sarà un'attività importante di Sponziello accanto a quella del pittore: l'attività fotografica. Ma è solo nel 1929 che lo zio Primo offre al giovanissimo nipote, come dono natalizio, una Kodak a cassetta per lastre 6/½ x 9. Non c'è ancora il fotografo; certamente c'è un ragazzo felice.
Nel 1932 incomincia per Sponziello il vero lavoro di fotografo presso lo studio fotografico "Alfredo Stefanelli" di Gallipoli, allora tra i primi della provincia di Lecce.
Nel 1935 Sponziello è a Capua (Caserta), aviere allievo fotografo alla Scuola Specialisti dell'Arma Aeronautica. Nel 1939, congedato, ritorna a casa; nel 1941 parte per Milano e nella città lombarda trova lavoro, come "operatore e ritoccatore" presso la "Foto Veneta". Ma la fotografia non gli basta; ha altre aspirazioni. Perciò si iscrive ai "Corsi Serali degli Artefici dell'Accademia di Brera": pittura. Nel 1942 lavora, come ritoccatore di negativi, presso un fotografo milanese di fama internazionale, Petri. Poi è la guerra, i primi bombardamenti sulla città, il peregrinare degli sfollati…
Nel 1943 Sponziello torna a casa, nel suo Salento: fotografo a tempo pieno che, però, non tradisce la forte vocazione per la pittura. Nel 1945 trasferisce il suo studio fotografico a San Simone di Sannicola, e vi resterà fino al giugno del 1953. In quest'anno gli viene offerto, e lo accetta, l'insegnamento della "figura disegnata" al Liceo Artistico di Monza: un insegnamento che terrà per ben 36 anni. La fotografia, non più "lavoro", resterà compagna fedele. La pittura, però, già da tempo occupa il primo posto.
 

A Milano aveva studiato pittura con Gino Moro; nel Salento continua frequentando il gaglianese Vincenzo Ciardo, uno degli artisti di spicco negli anni del dopoguerra. Con il lungo soggiorno milanese gli si aprono anche le porte dell'Accademia di Brera, dove sarà docente per 24 anni alla Scuola degli artefici e alla Scuola Libera del Nudo. Molti hanno parlato, criticamente, della pittura di Sponziello. Uno dei suoi maestri-amici, Vincenzo Ciardo, scriveva: "Il temperamento incline ad un naturalismo poetico nutrito di emozioni schiette, è andato a mano a mano schiudendosi al contatto di questo nostro paesaggio, che è terribilmente serio nella sua nudità.Sponziello tende a scoprire in ciò che vede e dipinge l'essenziale, sia nel senso formale che in quello poetico".

  Un critico attentissimo come Raffaele De Grada diceva, in una conversazione radiofonica: "La sua pittura [quella di Sponziello] si può dire, deriva da quella di Vincenzo Ciardo, che è stato un importante artista del nostro secolo; deriva, ma non la copia. La natura di Sponziello è ancora più delicata di quella di Ciardo ed è un pittore che certamente può essere apparentato a quella linea post-impressionista che, nella nostra Lombardia, è stata tipica di Gino Moro, per esempio. Sono pittori che hanno un lirismo intenso, che Sponziello richiama sempre nelle sue opere salentine; sono paesaggi vicini al mare, con un mare che spesso non si vede, si intuisce; con degli ulivi che sembrano alberi secolari, con delle spiagge deserte, di memoria."
Sponziello stesso definiva i suoi modelli, le sue guide; ma rivendicava la propria originalità: "Ciardo […] un po' con la sua pittura e un po' con la sua guida mi fece scoprire la vera poesia del Salento, terra mia come sua, terra di incanti che trasuda ovunque memorie elleniche, con le sue rocce, le sue pietre, i suoi ulivi d'argento. Sto con Ciardo per la materia succosa, la tavolozza, il tassello; però vi è, in me, anche molta simpatia per l'arte lombarda e, in particolare, per Tosi. Ma è la luce quella che mi guida nell'interpretazione della natura".
Il rapporto Puglia-Lombardia era, per Sponziello, vissuto a livello biografico. Non era una costruzione a freddo. La sua vita appare un alterno percorso: dalla Puglia natale a Milano, da Milano alla Puglia (e c'è la guerra), poi ancora dalla Puglia a Milano. Un alterno percorso, da pendolare tra le terre delle sue radici: la Puglia paterna, la Lombardia materna.
Chi ne ha studiato l'itinerario pittorico ne ha ricordato le molte prestigiose affermazioni. Ha scritto A. L. Giannone: "Il primo successo lo coglie a Gravina, dove nel '48 ottiene il secondo premio nel Concorso regionale di pittura "Pomarici Santomasi". Era quasi la premessa a quel prestigioso Premio per il Paesaggio pugliese che ottiene all prima edizione della Mostra nazionale di pittura contemporanea del "Maggio di Bari" nel 1951, ex aequo con Vito Stifano. […]. Un altro importante riconoscimento arriva nel 1952: una sua opera, Paesaggio pugliese, esposta alla VI Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma, viene acquistata dal Presidente della Repubblica, Luigi Einaudi".
E sarebbe troppo lungo elencare tutto. Come appariva Cosimo Sponziello a chi lo avvicinava? Ecco l'impressione di un giornalista che lo intervistava in occasione di una mostra nel 1969: "Non ha il fisico-tipo meridionale, ma sembra personaggio gentilmente deamicisiano, con una voce modulata, educatissimo e riguardoso, con baffetti e barbetta grigia da repubblicano storico. Il Salento affiora in certe cadenze dell'italiano molto corretto, in un ritmo cantabile, come di persona che porti la voce oltre una brezza marina, ma in un tono più sommesso". Aveva detto prima: "Cosimo Sponziello è l'immagine della mitezza…".
Un'immagine, ch'è spia d'un carattere, mai venuta meno.


 

         


Clicca sulle immagini per ingrandire.
 



 
 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top