Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Venerdi` 15 Dicembre 2017
Oggi si festeggiano:
S. Ireneo mart.
S.Paolo il giovane
S.Valeriano vesc.
B.Marino ab.
S.Cristiana


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
L'uomo propone, Dio dispone

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...Giuseppe Ria
Giuseppe Ria, un medico tugliese nella Napoli di fine Ottocento

La vita di Giuseppe Ria si identifica quasi unicamente con la sua attività professionale. Ricordarla significa però lumeggiare i meriti di una personalità di notevole rilievo e tracciare, in parte, un capitolo di storia della cultura scientifica meridionale.
Giuseppe Beniamino Leonardo Ria (così all'anagrafe) nacque in Tuglie, "alle ore due della notte" com'è registrato nell'atto di nascita, il 19 febbraio 1839, da Franco e Giuseppa Picciolo. Compì i suoi primi studi, com'egli stesso ricorda fuggevolmente in una sua opera, a Nardò ("nel Collegio della mia educazione letteraria"); poi, dalla periferica provincia salentina, si trasferì a Napoli, studente del Collegio medico. La medicina era una delle professioni prestigiose alle quali la borghesia terriera avviava i propri figli.

Nel periodo trascorso nel Collegio medico, Ria ebbe modo di partecipare alle aspirazioni all'unità italiana, come ricordava un testimone a lui vicino: "Studente nel Collegio medico sentiste il fuoco della libertà che pervase tutte le menti nei tempi in cui l'unità italiana si sospirava ed insieme con altri valenti convittori foste rinchiuso in carcere". Si capisce da questo che tra gli amici del Ria ci sarebbe stato in seguito un personaggio come il gallipolino Emanuele Barba.
A Napoli, conseguita la laurea in medicina, Ria riuscì a farsi notare per il proprio ingegno; e attraverso concorsi vinti brillantemente egli si sarebbe assicurata una solida fama. A trent'anni, nel 1869-70, era Medico Assistente del prof. Cardarelli nell'ospedale Gesù Maria; sarebbe diventato, in seguito, Professore pareggiato di Farmacologia e di Clinica Medica nella Regia Università di Napoli, Docente libero di Terapia Clinica, Medico Ordinario nell'Ospedale Incurabili. Fu socio onorario della Regia Accademia medico-chirurgica di Napoli.
Il successo non gli fece mai perdere quell'equilibrio e quella disponibilità verso colleghi e discepoli che furono una caratteristica rilevante del suo insegnamento. Dirigeva una rivista medica, Gl'Incurabili, in cui oltre a stampare i propri studi accoglieva quelli dei suoi allievi più promettenti.
La sua vita familiare (aveva sposato Giulia De Filippis) fu turbata dalla morte di due dei suoi figli, ch'egli ricordava nella dedica a stampa del volume La Idroterapia del Medico ("… miei due cari figliuoli / Elisa e Franchino / crudelmente rapiti alla dolcezza dei paterni amplessi").
Come in tanti medici-scienziati del medio e secondo Ottocento, anche in Ria emerge una forte componente pedagogica. Egli ha l'orgoglio della sua scuola, ma sa che quell'orgoglio dev'essere costruito su un lavoro assiduo, su un progresso costante delle conoscenze. Non basta essere 'tecnici' in una disciplina: occorre essere soprattutto 'maestri'. L'insegnamento è un apostolato, l'istruzione è educazione: "… un insegnamento qualsiasi debb'essere sempre un apostolato, e se così non è, esso precipita dal suo elevato ambiente, si confonde col mestiere e la scuola perde la nobiltà della sua missione. La scuola è sempre, nel mio modo d'intenderla, istruzione ed educazione. Se nella scuola di coltura generica si dee istruire la mente del giovanetto ed educare il suo cuore, anche negli studi superiori s'istruisce la mente e si educa il cuore del giovane, quando gli si dimostra la bontà della disciplina, alla quale egli dedica la sua attività scientifica; quando gli si palesa il modo migliore d'insegnarla e quando gli si dice il modo più corretto di esercitarla".
L'insegnamento impartito nelle aule universitarie, Ria lo raccoglie pubblicando le proprie lezioni. La sua prosa scientifica inclina talvolta al gusto della citazione letteraria (Ria è lettore degli autori del suo tempo e ha un solido bagaglio di cultura classico-umanistica), e questo in conformità al profilo del medico umanista rimasto vivo a lungo nella tradizione meridionale,
Rivendicava, contro coloro che vedevano negli studiosi stranieri i precursori di ogni progresso scientifico, anticipazioni e risultati di studiosi italiani, e guardava ad esempi della scuola napoletana. All'occorrenza, con legittimo orgoglio ricordava anche il proprio lavoro: "… mi sono dato opera da un decennio a questa via (1869) di fondare lo studio della Terapia clinica, cioè, di studiare con una storia critica sull'infermo di un dato morbo i vari metodi proposti per questo, e seguire l'infermo sino alla guarigione o sino al tavolo anatomico"; e, ancora: "Ne cominciai lo studio sin dal 1869 sul Gesummaria ov'era Medico assistente del Prof. Cardarelli; e nel 1875 pubblicai il Saggio di Terapia speciale, che è stato nella letteratura medica italiana il primo tentativo di un'opera in questo genere. Vedo con soddisfazione che questo studio ora viene pure imitato da altri".
Lo ricorderà ancora più tardi, quando rievocherà le tappe salienti della propria carriera: "Sino dal 1868 io colla veste d'insegnante privato (secondo che intendevasi allora il glorioso insegnamento privato napoletano) cominciai a dettare Farmacologia per diletto anziché per lo scopo di una carriera scientifica in siffatta disciplina. Era invece ed è oggetto dei miei studi la Clinica, che dall'anno scolastico 1870 sostengo con ogni lavoro e predilezione. In quei tempi fui il solo ed il primo insegnante privato di Farmacologia, né seppi mai che altri prima di me avesse esercitato da privato un tale insegnamento. Venuta la legge del 30 maggio 1875 sulla libera Docenza, fui il primo ad ottenerla per titoli in questa disciplina (come pure ebbi quella della Clinica medica) e continuai a possedere una scuola, che fu sempre numerosissima per benevolenza dei Giovani verso di me anziché per merito mio verso di loro. Nell'83 mi accomiatai da quello insegnamento di Farmacologia, che pur m'aveva dato lavoro ed onore per dedicarmi tutto a quello della Clinica".
Partecipava ai Congressi scientifici e ne scriveva "sotto l'impeto delle provate impressioni" per farne una disamina critica, ma cogliendo -anche - certi aspetti legati ai contrasti dell'ambiente scientifico. Pungente, sotto questa angolatura, è il resoconto sul Congresso di medicina tenuto in Roma nel 1883.
Poiché gli stava a cuore un insegnamento rigorosamente fondato, insorgeva contro gli esami (la "commedia degli esami"!) che, a parer suo, non garantivano a sufficienza né l'esaminando né l'esaminatore né la scuola stessa.
Attento e vivace, Ria porta un contributo rilevante al progresso della scienza (con anticipatrici tecniche terapeutiche nella cura del tifo) e al progresso della società. Quello della scienza non può essere un mondo separato dalla vita reale e lo scienziato non dimentica mai d'essere anche un 'cittadino'. Non meraviglia perciò che il suo distinguere, sul piano professionale, scienza da ciarlataneria e, sul piano politico-sociale, il suo muovere dure critiche alle istituzioni pubbliche quando queste appaiano dimentiche del proprio compito.
Nel campo degli studi medici il Ria elogia un moderato empirismo, ha fede nell'evoluzionismo, respinge dalla diagnosi di una malattia ciò che non scaturisca dalla conoscenza profonda della situazione del malato e sia invece frutto di un sopravvivente dogmatismo. La scienza, egli credeva fermamente, non è oracolarità: lo stesso eventuale errore diagnostico diventava fonte di esperienza.
Nel 1907 l'Associazione dei Liberi Docenti della Regia Università e degli Istituti Superiori volle festeggiare Ria, che ne era il Presidente. All'omaggio parteciparono colleghi ed ex-allievi, le cui testimonianze sono il più bell'elogio del metodo del Maestro e della validità del suo insegnamento.
Circondato dall'affetto di familiari e discepoli anche dopo il ritiro dall'insegnamento, Giuseppe Ria moriva, nella sua casa napoletana sita al n. 61 di Via Duomo, il 23 novembre 1926. Vasta la sua bibliografia, di cui si ricordano qui solo alcuni titoli per esempio: Lettere storico-cliniche del colera nella Sezione Vicaria dirette al Cav. Giuseppe Biondi professore in Medicina dal Dott. Giuseppe Ria, Napoli, Stamperia dell'Industria, 1866 (ora in nuova edizione a cura e con una nota introduttiva di Luigi Scorrano, Manduria, Barbieri, 1997); La Idroterapia del medico moderno studiata secondo la fisiologia e la Clinica, Napoli, Stabilimento Tipografico dell'Ancora, 1874; Storie cliniche, Napoli, Stabilimento Tipografico dell'Ancora, 1880; Studi di Clinica Medica e Terapia Clinica (dodici volumi tra il 1886 e il 1910). Le affettuose testimonianze di colleghi ed allievi si possono leggere in Premio Ria. Album, Napoli, Stabilimento Tipografico M. D'Auria, s. a. (ma 1911).

                                                            Luigi Scorrano

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top