Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Lunedi` 23 Ottobre 2017
Oggi si festeggiano:
S. Giovanni da Cap.
SS. Germano e Servando
S.Severino,S.Eliseo mar.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Vino, legna e amici, più invecchiati e più felici

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
La caserma dei Reali Carabinieri di Tuglie

Considerata la dimensione della pagina potete scaricarne l'intero contenuto in formato Word cliccando QUI.


Dopo quattro anni dall’annessione della Puglia al Regno d’Italia, i Carabinieri Reali già operavano con successo in Terra d’Otranto. Erano giunti dopo il 21 ottobre 1860 quando con 94.570 “si” e 929 “no” il popolo, mediante il plebiscito indetto da Giuseppe Garibaldi, aveva accettato di far parte dell’Italia, una e indivisibile. I Carabinieri erano pronti sin dal 24 gennaio 1861, giorno in cui Camillo Benso Conte di Cavour, aveva approvato la legge di riorganizzazione del Corpo suddiviso in 13 Legioni in tutto il territorio italiano. Era il periodo in cui Cavour era molto preoccupato per una eventuale trasformazione dell’ex Regno delle due Sicilie, in un movimento rivoluzionario, democratico e mazziniano che avrebbe osteggiato la creazione dello Stato italiano. La rapida vittoria di Garibaldi ed il repentino crollo dell’esercito borbonico ponevano inquietanti interrogativi di ordine pubblico. Il brigantaggio, soprattutto, tentava di soffocare nel nascere il nuovo Stato italiano. Quindi ai Carabinieri Reali il compito di difenderlo. In Puglia giunsero il 1° luglio 1861. La Legione ebbe la sede a Bari ed estendeva la sua giurisdizione su Puglia, Abruzzo e Molise e successivamente anche su Basilicata e Calabria. Episodi di violenza, ruberie, assassinii riempivano i giornali dell’epoca e Carabinieri, Guardia Nazionale ed Esercito avevano un gran da fare contro banditi e briganti che infestavano le campagne, le masserie isolate e le strade. Nella nostra Provincia andare a Lecce, Maglie o verso Avetrana, per chi si muoveva da Gallipoli o dai paesi vicini, costituiva un problema serio, specialmente per i trasportatori di persone e di cose.
Nei primi tre anni seguiti all’annessione, le manifestazioni di brigantaggio, collettive e più spesso isolate, avvenivano con maggiore frequenza nella vasta Provincia Salentina formata dalle attuali Lecce, Brindisi e Taranto. Però bisogna precisare che nella Provincia di Terra d’Otranto ebbero secondaria importanza, tanto che non fu inclusa tra le province dichiarate “invase dal brigantaggio” (Regio Decreto del 20 maggio 1863). Tuttavia contro i briganti, i banditi e i delinquenti comuni, i Carabinieri Reali e la Guardia Nazionale anche in Puglia usavano mezzi molto energici conseguendo ottimi risultati per la tranquillità e la sicurezza pubblica di tutta la popolazione.
Il problema dell’ordine pubblico rimaneva una costante preoccupazione anche per gli Amministratori del Comune di Tuglie, tanto che nel 1897 (riferiscono le cronache cittadine) il Consiglio comunale conferì due medaglie d’argento ai regi carabinieri Nazareno Zucchetti e Pietro Boschian e una medaglia di bronzo alla guardia municipale Giuseppe Bellisario per avere reso possibile l’arresto di Marino Ronzino da Galatone, di Michele Carone e di un certo Bellafronte, noti pregiudicati che spavaldamente continuavano ad insidiare la sicurezza dei cittadini tugliesi ed anche dei centri vicini.
Nel 1899 il Consiglio comunale si occupò ancora una volta del problema della istituzione in Tuglie di una stazione di Reali Carabinieri per le precarie condizioni di sicurezza in cui si trovava il Comune, per i continui danneggiamenti alle proprietà private e per gli innumerevoli furti che si verificavano con sempre maggiore audacia in seguito alla scoperta di una vera associazione a delinquere; fatti che avvaloravano le apprensioni e la paura nella popolazione tugliese .
Al momento, gli Amministratori comunali, pur sperando nel lodevole servizio dei Reali Carabinieri di Gallipoli, impegnati già pesantemente nei Comuni di Matino, Parabita e Alezio, chiedevano, in subordine, almeno il distacco permanente di tre carabinieri, alle dipendenze della caserma di Parabita.
Nell’ottobre del 1900, il Consiglio comunale lamentava di nuovo alle superiori Autorità il permanere delle condizioni precarie nell’ordine pubblico: i reati aumentavano sempre di più e i malviventi prendevano motivo della mancanza di sorveglianza pubblica per dimostrarsi audaci sino al punto di reagire contro la Benemerita… specialmente dopo la celebrazione di un grosso processo penale che portò alla condanna di tutti gli 11 associati a delinquere, sottoposti anche alla sorveglianza speciale. Il sindaco concluse la seduta del Consiglio comunale con la seguente dichiarazione: … se l’Arma dei Reali Carabinieri non risiederà stabilmente in Tuglie, sarà estremamente difficile garantire un minimo di sicurezza sociale nel paese dal momento che in questo paese esiste una vasta associazione di contrabbandieri di tabacco, che danno spesso motivo a turbare l’ordine e la sicurezza pubblica .
In una deliberazione del 1910, il Consiglio comunale con a capo il sindaco Ambrogio Piccioli, riconobbe ai Carabinieri qualità non comuni di altruismo e dedizione al sevizio in occasione d’un incendio e crollo, sviluppatosi in un forno di Tuglie, di proprietà di Giuseppe Saccomanno. In quell’occasione il brigadiere Vincenzo Lo Priore e i carabinieri Donato Lepre e Nunzio Nuzzi …mettendo a rischio la propria vita, lanciavansi nelle fiamme, salvando da sicura morte i feriti Saccomanno Giuseppe, Santo Stamerra e i figli Vito, Annunziato e Gaetana…
Nel corso delle operazioni di soccorso i coraggiosi militari riuscirono a recuperare gran parte delle suppellettili del forno e a puntellare i muri pericolanti del fabbricato che minacciavano le abitazioni circostanti e l’incolumità dei cittadini.
Il carabiniere Nuzzo Nuzzi, precedentemente, aveva ricevuto dal Comando dell’Arma due encomi solenni per azioni meritorie a vantaggio della sicurezza pubblica; il primo nel mese di dicembre 1906: “in occasione d’incendio, salì arditamente sul tetto della casa in fiamme per concorrere più efficacemente nell’opera di estinzione, ed essendo il tetto crollato all’improvviso travolgendolo fra le macerie, malgrado il grave pericolo corso e le lesioni riportate, continuò sino alla fine a prestare l’opera sua con infaticabile zelo. Taverna, (Catanzaro) - 7 dicembre 1906”; il secondo nel mese di gennaio 1910: “in occasione di gravi disordini i carabinieri tennero fronte con fermezza alla folla tumultuante che stava per invadere il Municipio e, sebbene feriti, senza fare uso delle armi, si adoperarono efficacemente per calmare gli animi, evitando danni e dolosi fatti. Casarano (Lecce) - 7 novembre 1909”.
Dal 1861, i Comuni di Matino, Tuglie e Parabita erano assegnati al circondario della Stazione Carabinieri Reali di Parabita. Il Comando di Compagnia si trovava a Gallipoli, il Comando di Divisione a Lecce e il Comando della Legione a Bari. Alla Caserma di Parabita prestavano servizio un brigadiere e sei carabinieri a piedi. Quanto innanzi è stato rilevato dalle Note di Scompartimento territoriale dell’Arma dei Carabinieri del 1861-1862. Pag.139 – per gentile concessione del Col. Vincenzo Pezzolet.
Dal 1865 il Comune di Tuglie ospitava una caserma di Reali Carabinieri . Con l’avvento del fascismo e del suo segretario Achille Starace (1937-1939), nativo di Gallipoli, nel mese di agosto 1938 la caserma fu trasferita nel Comune di Sannicola, paese di adozione del gerarca fascista .
Nella seduta del 3 agosto 1924, il Consiglio Comunale di quella cittadina, presieduto dal Cav. Uff. Domenico Margiotta, conferì la cittadinanza onoraria a S.E. l’On. Achille Starace dando atto che: “Sannicola ha avuto sempre un affetto speciale per il Generale On.le Achille Starace; affetto non secondo a quello della Città di Gallipoli, che vanta di avergli dato i veri natali” .
Nel 1889 i Reali Carabinieri erano alloggiati nella casa di proprietà del sig. Giuseppe Romano che percepiva dal Comune l’affitto di lire 42,50 l’anno. Nel 1891 l’Amministrazione comunale decise di sistemare l’alloggio dei Carabinieri nel locale della vecchia Casa comunale (posta in via Calvario) che prima fungeva da ufficio di segreteria . Il casale di Tuglie, secondo l’assetto politico-amministrativo promosso da Ferdinando IV di Borbone in tutto il Regno di Napoli, il 1° settembre 1781 aveva il suo Municipio in Via Calvario. Due impiegati, uno addetto all’anagrafe ed al disbrigo delle pratiche e l’altro con la funzione di vigile urbano e di messo comunale, si misuravano quotidianamente, nell’unico locale disponibile, con i tanti problemi della gente. Il casale apparteneva alla Provincia di Terra d’Otranto; aveva una superficie di 207 ettari ed una popolazione di 835 e 857 donne. Primo sindaco di Tuglie è stato Giovanni Miggiano che amministrava il casale coadiuvato da 12 decurioni. Gli elettori politici erano 29, gli elettori amministrativi 24 ed appartenevano al Collegio di Gallipoli. La Guardia Nazionale di Tuglie era costituita da una compagnia di 129 militi attivi. Il 7 luglio 1861 s’insediò nel Municipio la nuova amministrazione comunale dopo l’unificazione del Regno d’Italia.
Il 17 novembre 1902, per garantire la sicurezza pubblica e le proprietà private, a causa dei continui furti nelle campagne, l’Amministrazione decise di occupare il posto della seconda guardia municipale, rimasto vuoto a seguito della destituzione della guardia Bellisario e di dotare le guardie municipali di fucili con sistema Wetterley, completi di munizioni.
Nel marzo del 1903, a seguito dell’audacissima rapina perpetrata al domicilio del ricco sacerdote Cosimo Imperiale, il Consiglio comunale chiese al Governo del Re di impiantare a Tuglie la Stazione dei Reali Carabinieri. Questo grave episodio dette, fra l’altro, la certezza che a Tuglie esisteva …”una vera e ben organizzata associazione di malfattori che operavano furti, rapine e scassinamenti vari…” .
Per quanto attiva fosse l’opera dei Carabinieri di Parabita (che dovevano controllare un territorio con 13.490 abitanti), questi non potevano garantire la sicurezza delle persone e della proprietà nel Comune di Tuglie. Perciò l’Amministrazione sollecitava le autorità superiori affinché la definitiva sistemazione della Caserma dei Carabinieri a Tuglie non subisse ulteriori ritardi. Ma qualcosa si stava muovendo… Il 29 maggio 1903, con apposito contratto di locazione, Stanislao Imperiale fu Giovanni affittò per cinque anni alla Deputazione Provinciale di Terra d’Otranto (competente per l’accasermaggio dei RR. Carabinieri) il fabbricato di sua proprietà sito in Tuglie alla Via di S. Giuseppe, per essere adibito a Caserma dell’Arma. Il successivo 1° giugno, il Comando di Divisione dei Reali Carabinieri di Lecce comunicò al Presidente della Deputazione Provinciale che… il 6 giugno sarebbe entrata in funzione a Tuglie una Stazione dell’Arma composta di un Sottufficiale e di tre Carabinieri… . In effetti, la Stazione dei Reali Carabinieri di Tuglie non era ancora definitiva. Il Consiglio Comunale, presieduto dal sindaco Dr. Raffaele Mosco, con deliberazione n.79 del 16 dicembre 1904, stabilì quanto segue: …“considerando che la locale Stazione dei Reali Carabinieri era tuttora provvisoria; considerando, invece, che sarebbe necessario oltre che utile, il renderla definitiva; visto che alla Camera dei Deputati è in discussione il progetto di legge per l’aumento dell’organico dell’Arma dei Reali Carabinieri… faceva voti al Governo… perché la locale Stazione venisse dichiarata definitiva”.
Nel 1907, Tuglie aveva il proprio distretto e la propria Stazione dei Reali Carabinieri con 1 brigadiere e 4 carabinieri a piedi in servizio attivo. I Comuni o frazioni di Comuni che componevano il distretto erano: Tuglie e la frazione Sannicola del Comune di Gallipoli. La popolazione complessiva del distretto era di 7.645 abitanti. La Compagnia d’appartenenza era Gallipoli, Divisione di Lecce, Legione di Bari (Scompartimento territoriale dell’Arma del 1907, pag. 61).
Alla scadenza del contratto, poiché il sig. Stanislao Imperiale aveva dichiarato di non voler rinnovare la locazione, la Caserma fu trasferita al fabbricato del sig. Giuseppe Ria, posto in Piazza Garibaldi, dove rimase fino al 31 luglio 1923. Intanto, per effetto del Regio Decreto 20 novembre 1919, n. 2379, il servizio di accasermaggio dei Reali Carabinieri era stato assunto dallo Stato a far tempo dal 1° luglio 1920. Per cui la Provincia avrebbe continuato a pagare la pigione soltanto fino al 30 giugno 1920, poi sarebbe intervenuto lo Stato .
Col primo agosto del 1923 la Caserma dovette cambiare di nuovo la sede e non per l’ultima volta. Esigenze d’idoneità dei locali, di comodità per gli alloggi, di servizi igienici richiedevano continui adattamenti, riparazioni e manutenzioni varie. Di conseguenza la pigione non sempre risultava adeguata. Le Amministrazioni dovevano trovare i locali, trattare con i proprietari, esaudire le richieste dell’Arma che, a volte, minacciava il trasferimento della Caserma in altra sede, con possibili reazioni dei cittadini. Dal fabbricato di Giuseppe Ria (deceduto il 14 febbraio 1916) i Carabinieri passarono a quello di proprietà del sig. Donato Piccioli ed ancora, il 1° settembre 1930, al fabbricato di Ambrogio Piccioli posto in Via Garibaldi, angolo con la Via di Parabita. Dopo qualche anno la Caserma fu nuovamente spostata nei locali di proprietà della signora Giuseppina Piccioli, figlia di Ambrogio, in Via Roma, con scadenza contrattuale al 30 giugno 1938. Nel frattempo l’organico della Stazione di Tuglie era aumentato: alla data del 27 agosto 1937 si componeva di un Maresciallo Capo, di un Appuntato e di tre Carabinieri.
Il 18 ottobre 1937, purtroppo, si ebbe una segnalazione allarmante: Tuglie stava per perdere la Caserma dei Reali Carabinieri. In quella data il Comandante del Gruppo RR.CC. di Lecce così scriveva al Presidente della Provincia: “Oggetto: Rinnovazione contratto Caserma Regi Carabinieri di Tuglie. Per imprescindibili ragioni di servizio proporrò il trasferimento della Stazione da Tuglie a S. Nicola. La proposta che è confortata anche dal parere delle autorità politiche, non potrà non essere accolta. Credo, perciò, che si possa dar luogo senz’altro alla disdetta degli attuali locali. Il Maggiore Comandante del Gruppo: Pasquale Tammaro” .
La proposta venne accolta (era già scontato!) ed il 30 giugno 1938 il Comando del Gruppo RR.CC. di Lecce informava il Presidente della Provincia che aveva già chiesta al Ministero dell’Interno l’autorizzazione alla stipula del contratto di locazione dello stabile da adibire a Caserma dei Carabinieri di Sannicola. Nello stesso tempo, la proprietaria dei locali della Caserma di Tuglie comunicava che i Carabinieri potevano rimanere fino a tutto il mese di luglio. Ma, soltanto il 31 agosto 1938 lo stabile di Via Roma venne riconsegnato alla signora Giuseppina Piccioli. Infatti quella mattina, alla presenza dell’ing. Antonio Ripa, rappresentante della Provincia di Lecce, del Maresciallo Martino Traversa, Comandante la Stazione RR.CC. di Tuglie, e del dr. Silvio Santese, marito e procuratore della Signora Piccioli, fu firmato il verbale di fine locazione essendo la Caserma trasferita in altra sede. Il 1° settembre 1938 il Presidente della Provincia comunicava al Prefetto di Lecce che: “ Il 31 agosto decorso, i Carabinieri di Tuglie avevano abbandonato quella Caserma. Trasmetto, pertanto, copia del Verbale di riconsegna dello stabile alla locatrice, Signora Giuseppina Piccioli, maritata Santese…” .
Il Maresciallo Martino Traversa di Grumo Appula, rimase in servizio presso la Stazione RR.CC. di Sannicola fino al 28 febbraio 1942.
Ma la storia non finisce qui, perché nel 1948, terminata la guerra, caduta la Monarchia Sabauda, tornata la democrazia, a Tuglie si cominciò a parlare del ripristino della Caserma dei Carabinieri. Lo stabile era già pronto, messo a disposizione dal dr. Giovanni Saccomanno, che si era trasferito a Lecce lasciando liberi i locali della sua abitazione. Il 1° maggio 1948, il Comandante del Gruppo Carabinieri di Lecce, Maggiore Romano Mizzau, sollecitato dal sindaco di Tuglie, Quintino Giuseppe Imperiale, fece presente al Commissario della Provincia che: “Nel 1938 la Caserma dell’Arma di Tuglie fu trasferita a Sannicola, vuolsi per interferenza dell’allora segretario del partito fascista, Achille Starace, nativo di Sannicola. La popolazione di Tuglie, per bocca del Sindaco, reclama la restituzione a Tuglie dei Carabinieri dove l’Arma è stata per oltre 60 anni…” .
Dopo qualche giorno, il Capo della Provincia, …considerato che Tuglie è un centro più importante di Sannicola… , espresse parere favorevole al ripristino della Caserma dei Carabinieri a Tuglie e dispose un sopralluogo tecnico allo stabile prescelto.
Il 6 maggio, alla presenza del sindaco e del proprietario Dottor Saccomanno, un tecnico della Provincia eseguì il sopralluogo allo stabile. Alla fine fu stabilito di far eseguire, a spese del Comune, alcuni lavori per rendere i locali più idonei all’uso di Caserma dell’Arma.
Col passare del tempo la pratica si arenò. Partirono numerosi solleciti alle autorità competenti, ma non ebbero alcun esito.
Il 31 ottobre 1950 il sindaco di Tuglie indirizzò la seguente lettera al Comandante del Gruppo Carabinieri, al Prefetto e al dr. Giovanni Saccomanno: “Questa Amministrazione gradirebbe riprendere la pratica per il ripristino della Stazione dell’Arma a Tuglie, sia attraverso il trasferimento della Caserma da Sannicola a Tuglie, sia che si voglia istituire altra Caserma. I locali a suo tempo visitati dal Comandante di codesto Gruppo, in compagnia del Tecnico della Provincia, risultarono idonei, e sono ancora disponibili, come pur fa fede il proprietario Dr. Giovanni Saccomanno. Prego, pertanto, voler riprendere la pratica e riuscire ad ottenere dalle superiori autorità, quel consenso che non fu prestato nel 1948. La storia della Caserma di Tuglie la conoscete. Quest’Amministrazione spera, nel rinnovato clima democratico, che possano trovarsi giuste le rivendicazioni del popolo, che col passato regime poteva soltanto essere passivo spettatore di quel che si verificava per ordine superiore. Il Sindaco: Quintino Imperiale” .
Nella seconda metà degli anni Ottanta, essendosi verificati alcuni episodi criminosi, il sindaco Otello Petruzzi e l’assessore Bruno Erroi si recarono a Roma, presso il Ministero competente, per sollecitare il ripristino della Caserma dei Carabinieri a Tuglie. Per ottenere una maggiore sorveglianza del territorio e per garantire la sicurezza e la tranquillità dei cittadini, l’Amministrazione comunale mise a disposizione dell’Arma il suolo adiacente all’Ufficio Postale per costruire la Caserma, nonché i locali della ex casa del fascio in Largo Fiera ormai liberi da scuole e uffici.
Paese, periodico dell’Amministrazione comunale, sul numero di dicembre 2001, comunicava:
“Il Consiglio Comunale fa voti presso il Ministero competente, perché voglia istituire a Tuglie una Caserma dei Carabinieri. Tra tutti i paesi dell’interland, questo è l’unico ad essere sprovvisto di una Caserma delle Forze dell’Ordine… Il sindaco, dott. Antonio Gabellone, che da molto tempo tratta l’argomento con il Comando Generale dell’Arma, teme che soggetti malavitosi d’importazione possano produrre effetti devastanti nel territorio…”

La Caserma dei Carabinieri di Tuglie non venne mai ripristinata!
 
  Lucio Causo


Pubblicato su “Note di Storia e Cultura Salentina” Anno XXII – 2012
Edizioni del Grifo Lecce
 
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top