Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Sabato 5 Dicembre 2020
Oggi si festeggiano:
S. Saba ab.
SS.Giulio e CC. m.ri
S.Dalmazio mart.
S.Cristina


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Neve dicembrina, per tre dì ti è vicina

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello


Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Mestieri e personaggi mitici di Tuglie  ” Mesciu Saulle, lu carradore “
 

Oggi vi voglio parlare di un mestiere affascinante quello del ” Carradore ” colui che costruiva carri, traini e sciarrabbà ( calessi ) e carrozze. Nei ricordi di infanzia e con l’aiuto di Ida Montefusco nipote, ricostruisco la figura di Mesciu Saulle Montefusco e di una piccola parte del mio rione ” Lu Raona “. Partiamo dalle origini; Saulle Montefusco con il fratello Ernesto ( Toto ) provengono entrambi da Muro Leccese, qui hanno appreso tutti i segreti del ferro, del legno e la maestria per costruire ed usare utensili prodotti con questi due materiali, sposano due sorelle di mio nonno Gaetano Cuppone, Natalizia e Santa e si spostano definitivamente a Tuglie.

Il carradore era anche maestro d’ascia. L’ascia è come una piccola zappa col filo del taglio orizzontale, leggera e maneggevole, il ferro innestato alla parte terminale del manico in legno ha una particolare inclinazione o angolatura, a 45 gradi. La mano esperta del carradore guidava e comandava l’attrezzo, il coltello, che con più pressione della mano affondava e consumava il legno lì dove la circonferenza doveva essere minore. Nella parte centrale del mozzo andavano poi ricavati gli alloggiamenti per i raggi, e poi veniva bucata nel senso trasversale per consentire l’innesto della parte terminale dell’asse (assale). Quando poi le ruote dovevano essere innestate sulle parti terminali dell’asse, veniva prima applicato un lubrificante speciale, grasso di pecora ( lu siu ), che proteggeva a lungo le parti metalliche a contatto fra loro. Oggi tutti questi attrezzi fanno bella mostra di sè presso il museo della Civiltà Contadina di Tuglie donate dalla famiglia di Antonio Montefusco a Giuseppe Bernardi anima di questo museo che raccoglie dal 1982 il meglio del nostro passato in un ala del palazzo ducale Venturi.

 

Il carradore era anche un ” ferraro ” fabbro, doveva saper fare la tempera alla punta degli attrezzi, ai suoi e a quelli che costruisce per gli altri nei ritagli di tempo: vanghe, picconi, zappe, zapponi e zappette, perchè la parte che colpisce ed incide, spacca, nel nostro dialetto la ” zarratura ” il ferro diventa come acciaio, duro e resistente. Per questo deve saper portare il ferro alla giusta temperatura fra i carboni ardenti della forgia, poi batterlo con arte, poi surriscaldarlo ancora e alla fine, con un gesto rapido, affondarlo per il tempo ed il tratto necessario in un secchio con acqua fredda, lì, in quel momento avviene il miracolo, un soffio, uno sbuffo e una nuvoletta di vapore acqueo sale nell’aria mentre la parte temperata assume le caratteristiche volute, evidenziate da una coloritura particolare che attraversa il ferro. L’attrezzo è di una tale semplicità che sicuramente è uno degli attrezzi più vecchi inventati dall’uomo, chi lo sa usare ad arte con esso spacca il legno, taglia, incide, sagoma e pialla. Il carradore usava una grande varietà di attrezzi: raspe, lime, scalpelli, sgorbie, pinze e tenaglie, succhielli di varie misure, trapano a mano, il graffietto per segnare, il gattuccio, un seghetto a lama sottile, seghe a mano la cui lama veniva tenuta in tensione da una corda intrecciata con una stecca di legno poi fissata in contrasto al corpo centrale dell’attrezzo, e seghe più piccole, e poi morsetti e “sergenti” (morsetti molto più grandi), pialle, pialletti e sponderuole (pialla con corpo e ferro a registro più stretti), compassi, squadre, per calcolare le circonferenze. Le ruote erano composte da segmenti di circonferenza uguali fra loro, in legno, da cui, dopo opportuno incastro, partivano due raggi, che terminavano incastrati nei fori che facevano corona al mozzo della ruota.

Per fabbricare il mozzo si partiva da un parallelepipedo di legno di olmo generalmente che veniva prima sbozzato con l’ascia così da ottenere come un grosso cocomero con punte più accentuate, poi messo al tornio. La mano esperta del carradore guidava e comandava l’attrezzo, il coltello, che con più pressione della mano affondava e consumava il legno lì dove la circonferenza doveva essere minore. Nella parte centrale del mozzo andavano poi ricavati gli alloggiamenti per i raggi, e poi veniva bucata nel senso trasversale per consentire l’innesto della parte terminale dell’asse (assale). Quando poi le ruote dovevano essere innestate sulle parti terminali dell’asse, veniva prima applicato un lubrificante speciale, grasso di pecora ( lu siu ), che proteggeva a lungo le parti metalliche a contatto fra loro. Oggi tutti questi attrezzi fanno bella mostra di sè presso il museo della Civiltà Contadina di Tuglie donate dalla famiglia di Antonio Montefusco a Giuseppe Bernardi anima di questo museo che raccoglie dal 1982 il meglio del nostro passato in un ala del palazzo ducale Venturi.

Il carradore era anche un ” ferraro ” fabbro, doveva saper fare la tempera alla punta degli attrezzi, ai suoi e a quelli che costruisce per gli altri nei ritagli di tempo: vanghe, picconi, zappe, zapponi e zappette, perchè la parte che colpisce ed incide, spacca, nel nostro dialetto la ” zarratura ” il ferro diventa come acciaio, duro e resistente. Per questo deve saper portare il ferro alla giusta temperatura fra i carboni ardenti della forgia, poi batterlo con arte, poi surriscaldarlo ancora e alla fine, con un gesto rapido, affondarlo per il tempo ed il tratto necessario in un secchio con acqua fredda, lì, in quel momento avviene il miracolo, un soffio, uno sbuffo e una nuvoletta di vapore acqueo sale nell’aria mentre la parte temperata assume le caratteristiche volute, evidenziate da una coloritura particolare che attraversa il ferro.

Altri attrezzi erano la fucina a mantice, l’incudine, i martelli, mazze e mazzette, pialla a banco, tornio, sega a nastro circolare, morse, banchi da lavoro, trapano verticale. Alcuni attrezzi, col tempo, saranno mossi dall’energia elettrica con un sistema di trasmissione a cinghia. E poi un grande forno circolare con camino per surriscaldare i cerchioni in ferro. Una volta cerchiata la ruota, la si innaffiava, con un getto di acqua fredda, per favorire il raffreddamento del ferro che così tornava alla circonferenza voluta e predestinata per stringere come in un ” abbraccio ” le restanti parti della ruota, a cui, proprio l’abbraccio, avrebbe assicurato vita più lunga.
I locali di Mesciu Saulle erano il mio vecchio garage di casa, oggi fruttivendolo in via Virgilio n. 3 un altra piccola stanza era nella proprietà Seclì, oltre il garage di casa di Antonio Montefusco ed il giardino di sua proprietà proprio di fronte a casa sua oltre quello in via Napoli oggi casa di Valter Giorgino che ha sposato Luigina una delle figlie di Emilio insieme all’altra figlia Rosalba che vive con la madre Ida. Il fratello Toto viveva a pochi metri sempre in via Napoli, si dilettava a fare il fabbro perchè lavorava a Taranto. I figli maschi di Mesciu Saulle che io ho sempre chiamato Zii, erano Antonio, Michele, Emilio e Attilio anche loro in parte hanno appreso i segreti del mestiere del padre, anche loro furono emigranti in Svizzera nel dopoguerra ma tornando a Tuglie divennero dei mastri falegnami. Ricordo ancora il piccolo carretto che ci donavano ogni anno in autunno con cui noi ragazzi raccoglievamo la legna e gli scarti delle potature necessari a fare il più grande falò di Tuglie nella vigilia immediata del Natale.

 

Come si può immaginare, la costruzione di un carro agricolo, con tutte le sue varianti non era cosa da poco, così per quelli meglio adattati al trasporto di sabbia e pietre per l’edilizia, quelli per il trasporto delle persone, sciarabbà , le carrozze poi sostituite dal taxi, per questo Ida Montefusco mi racconta che il nonno lavorava spesso e forniva carrozze ai Vinci di Parabita, che svolgevano allora un ruolo di trasporto di persone con carrozze di vario genere, con due ruote grosse dietro, due più piccole avanti e copertura a mantice. Il lavoro di Mesciu Saulle aveva un enorme impatto sul mondo lavorativo e l’economia locale.

In un locale protetto veniva stipato ogni tipo di legname messo lì a completare la stagionatura, in attesa di essere utilizzato: faggio, cerro, pino, abete, quercia e olmo; piano piano, mentre l’essiccazione procedeva, cedeva la propria essenza profumata questa, mescolata all’acre fumo dei carboni sulla forgia e a quello forte del sudore degli operai costituiva l’elemento sempre presente, la caratteristica olfattiva, in uno scenario che poteva mutare dalla pace alla bolgia fumigante e piena di scintille e bagliori, dove comandi precisi e secchi, a cui corrispondevano altrettanti movimenti decisi, dovevano farsi strada nel clangore della musica provocata da martelli e mazze sull’incudine. Con Mesciu Saulle Montefusco, voglio ricordare Mesciu Manueli, al secolo Emanuele Nocella abile saldatore e fabbro, Totu Barone maniscalco, Mesciu Ninu Erroi, Giovanni Erroi fabbro e tutti quegli eroi che hanno attraversato la loro epoca da veri protagonisti.

                                                                                             Raimondo Rodia

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top