Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Giovedi` 27 Aprile 2017
Oggi si festeggiano:
S. Ida vergine
S.Zita verg.
S.Liberale
S.Castore mart.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Neo e fossetta, bellezza perfetta

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Virgilio Notizie
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Una storia da raccontare
Lettera aperta alla comunità di Tuglie
Giovedì 14 novembre 2011 nella sala del Museo della Civiltà Contadina si è svolta la presentazione del mio libro "Una storia da raccontare. La comunità di Tuglie (e quelle salentine) attraverso le monete tra il VI e il XV secolo”. Relatori della serata sono stati il Prof. Luigi Scorrano e il Prof. Enzo Pagliara. Ospiti della serata Archeologo Dott. Cristiano Donato Villani e il Dott. Pietro Paolo Testa, Segretario per la Regione Puglia N.I.A. (Numismatici Italiani Associati), Rappresentante N.I.P. (Numismatici Italiani Professionisti) e Perito Numismatico del Tribunale di Taranto (Sigillo professionale 189). Tra le tante persone anche il Sindaco Prof. Daniele Ria e la giunta comunale.
Nel bel mezzo della serata e dopo gli interventi dei relatori e degli ospiti, ho spiegato che a differenza delle fonti storiche, che in alcuni casi possono essere errate, false o attendibili, le monete sono dei reperti storiografici perfettamente databili da noi, numismatici. Le monete vengono coniate per legge o decreto di un’autorità emittente (re, imperatore o stato) per celebrare o commemorare precisi eventi storici sia di natura bellica, di pace, di cultura o religiosa. Attraverso esse ho voluto raccontare, da “un’angolatura diversa”, la Nostra Storia, la storia della comunità Tugliese. Nonstante il tempo poco a disposizione, durante la manifestazione ho cercato di ripercorrere la mia ricerca e i miei studi attraverso le monete.
Le problematiche che ho potuto riscontrare in questi otto anni di ricerche sono state tantissime. Ma cominciamo dall’inizio. I primi problemi sono iniziati proprio dalla ricerca sul campo. Mi spiego meglio. In alcuni terreni ho potuto girare con il proprietario o in mancanza dello stesso, con il suo permesso. In altri casi (magari vicino ad un ritrovamento) mi è stato vietato o mi è stato impossibile contattare i proprietari o gli eredi ( proprietario morto o non residente a Tuglie); in altri casi, lo stato brado, selvaggio o inquinato, ha impedito la mia ricerca. Altri impedimenti sono stati il terreno o i terreni contesi da più eredi in conflitto, le persone che non volevano estranei o scavi nelle proprie terre o semplicemente le persone che maldigerivano la mia presenza.
Nonostante tutto la molla che ha fatto scattare questo studio è stata nel momento in cui una mattina, durante la mia ricerca “è venuta fuori” una piccolissima moneta in argento con dei segni strani. Lì per lì non ci ho fatto caso e per un po’ di tempo non gli ho prestato l’attenzione che si meritava. Quando poi, mia moglie ( laureata in arabo) al centro della moneta ha letto il nome di Maometto II, questa avventura è cominciata.
Inizialmente il mio progetto era quello di presentare uno studio sul periodo della presa di Otranto e sulle devastazioni ottomane nel Salento e nel Casale Tulli, ma poi col passar del tempo e man mano che le ricerche e i ritrovamenti continuavano negli anni, le monete hanno iniziato a completare un certo quadro cronologico, dando un confronto diretto con i documenti ufficiali conservati negli archivi storici e con gli studi fatti o modificati negli anni dagli storici locali. Arrivato ad un certo punto, ho accorpato tutti i documenti ufficiali e gli studi e confrontandoli con le monete (che sono storiograficamente i reperti contemporanei alle varie vicende e ai vari regnanti nelle varie epoche in mancanza di quelli scritti) sono emersi alcuni errori storici, ma anche novità, sorprese, verità nascoste, insomma un bel pò di casino. Così ho deciso di raccontarvele un po’ dal punto di vista storico-numismatico e un po’ alla mia maniera.
Il Casale Tulli inizia a riessere abitato da presenze anacorete dopo le guerre gotiche-bizantine (535/553). Fino al regno di Basilio I (867/886) non si hanno grandi svolte, ma solo una lenta crescita della comunità. Dall’avvento di Basilio I e contemporaneamente alla seconda colonizzazione greca fino al regno di Costantino VII (913/959), Tuglie inizia la sua crescita demografica, sociale, religiosa e culturale fino al periodo di Basilio II ( 976/1025). In questi cinquanta anni di regno, nel Salento lo splendore di Bisanzio ha il suo fulgore. Successivamente, con la caduta dell’Impero Bizantino nell’Italia Meridionale, avvenuto il 10 aprile 1071, nel nostro Casale non si avvertono i mutamenti o le varie contese con i Longobardi come accadeva per il Nord Salento. E’ nel periodo normanno/svevo che il Casale Tulli conosce prosperità e ricchezza (come testimonia il ritrovamento di due Tarì spezzati ). Da studi approfonditi che ho potuto eseguire sui decreti di allora, sulle monete rinvenute, sul loro peso, sulla bontà del loro metallo, in base alla circolazione monetaria e alle persone che potevano esserci, sono arrivato alla conclusione che la comunità di Tuglie era composta da circa 7/8 fuochi, (all’incirca una cinquantina di persone). Questi fuochi si riducono con l’arrivo degli angioini, che spodestano con la forza gli svevi (da un documento ufficiale, risulta che Tuglie era fedele agli svevi), passando da un periodo di pace e prosperità ad un periodo di violenze e di angherie. Inutile dirlo e pensarlo: il Montedragone era un ufficiale angioino. Sotto gli angioini quando si parlava di soldi, potere e conquiste non si poteva essere benevoli. Bisognava usurpare, spremere e raccogliere beni e denaro. Il perchè della donazione proprio del Casale Tulli non lo sappiamo ancora, ma speriamo un giorno di scoprirlo. Durante il regno di Roberto d’Angiò (1309/1343) ci fu una buona ripresa economica. Per quanto ci riguarda, il ritrovamento di tre gigliati in argento ne confermano il fatto, visto che gli stessi nel 1373, e cioè trent’anni dopo, rappresentavano la metà della decima che il nostro Casale doveva versare (ducati cinque e mezzo). Un’altro fatto interessante da sapere è che Tuglie non è stata mai abbandonata e che ha superato la crisi del trecento e la peste bubbonica. Segue poi il periodo buio angioino-valois-durazzesco, che con la sua instabilità politica/economica, porta la comunità Tugliese ad un decadimento e forse ad un abbandono temporaneo del Casale. La ripresa avviene con gli aragonesi, sopratutto con Alfonso I d’Aragona (1442/1458) e Ferrante (1458/1494) che come ben saputo, oltre alla rivolta dei baroni dovette fronteggiare i Turchi ottomani.
Mamma li Turchi !!! Mamma li Turchi !!! Mamma, li Turchi.....
Con il ritrovamento della prima moneta di Maometto II (1451/1481), le mie ipotesi hanno iniziato a fare luce su notizie abbastanza vaghe riguardanti la distruzione del Casale. Certo non immaginiamoci scene di battaglie epiche o suggestive tipo quelle che ci fanno vedere i film americani, ma inseguimenti, terrore e fuoco, morte e distruzione. Otto anni dopo, una seconda moneta ottomana (sempre di Maometto II) riemerge dal territorio, dando conferma del passaggio dei turchi nel territorio del Casale Tulli.
Siamo a cavallo del 1500, ma questa è un’altra storia.....
Nel libro ovviamente troverete informazioni più dettagliate.
A fine serata sono state mostrate per la prima volta le monete appartenenti all’attuale terrirorio di Tuglie, monete importanti dal punto di vista storico, monete che hanno descritto la storia, la Nostra storia, e che sono appartenute ai nostri avi e alla nostra comunità.
Una serata davvero meravigliosa, che mi ha ripagato delle “fatiche” di questi anni.
Ringrazio il Sindaco Prof. Daniele Ria e la giunta comunale, il Prof. Luigi Scorrano e il Prof. Enzo Pagliara, Archeologo Dott. Cristiano Donato Villani, Dott. Pietro Paolo Testa, Giuseppe Bernardi per essersi messo sempre e prontamente a mia disposizione e ad aver permesso questa serata dentro il Museo della Civiltà Contadina, Daniele Vigna per l’impianto e i microfoni, Giuseppe Fedele per avermi aiutato a realizzare l’espositore delle monete e tutti i presenti e non. Spero di aver dato con questo studio un nuovo spunto di ricerca e di storia.
Se qualcuno è interessato all’acquisto del libro mi può contattare all’indirizzo mail sottostante o comprarlo presso le cartolibrerie Pamar e Merenda. Colgo l’occasione per informare l’amministrazione, enti, musei, associazioni e privati, che se c’è qualcuno interessato all’acquisto delle monete può contattarmi privatamente o al seguente indirizzo mail: infomicheletramacere@yahoo.it
Sono sempre disponibile a chi ne faccia richiesta per la visualizazzione e lo studio delle monete, per confronti, critiche (spero dirette !) o per scambiare quattro chiacchiere o un buon caffè!
 
  Michele Tramacere
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top