Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Martedi` 22 Agosto 2017
Oggi si festeggiano:
B. Vergine Maria regina
S.Andrea da Fiesole
S.Aurea mart.
S.Timoteo mart.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Chi non risale il monte, non allarga l'orizzonte

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
IL FANTE, VERO PROTAGONISTA DELLA “SAGRA” DI VITTORIO LOCCHI

Vittorio Locchi, giovane poeta fiorentino, allo scoppio della prima guerra mondiale senza indugi decise di parteciparvi e fu assegnato ai servizi postali col grado di Tenente nella 12^ Divisione di Fanteria. Il 15 febbraio 1917, durante un viaggio di servizio a bordo del piroscafo Minas, scomparve in mare, condividendo la sorte della sua santa Fanteria. Sullo stesso piroscafo, diretto a Salonicco, era imbarcato un giovane soldato di leva tugliese, Francesco De Lorenzis (classe 1897) del 31° Reggimento di Fanteria, anch’egli destinato al fronte orientale, in Macedonia, con il Corpo di Spedizione Italiano. Morirono insieme nel Mare Egeo, nei pressi di Capo Matapan, accomunati da un tragico destino, in seguito all’affondamento del piroscafo Minas per mano del nemico. I loro corpi risultarono dispersi, inghiottiti dal mare tumultuoso di fiamme e di relitti, insieme ai corpi di tanti altri giovani fanti italiani, francesi e serbi che perirono senza lasciare tracce in quel tragico evento: un giovane italiano del nord e uno del sud uniti dall’amor di Patria e pronti a sacrificare la propria vita per portare pace e libertà ai popoli che combattevano in oriente.

Non sappiamo se il poema di Vittorio Locchi, La Sagra di Santa Gorizia, scritto nel 1916, sia stato abbastanza letto nelle scuole e nelle caserme italiane per celebrare l’epopea di un popolo che combatté valorosamente nella prima guerra mondiale per completare l’Unità d’Italia.
Questo poema potrebbe rappresentare per i giovani e per i soldati un richiamo paragonabile a quello del libro dei salmi per i credenti. Infatti il sacrificio e la gloria non furono così fortemente evocati in nessun monumento, e possiamo credere che il poeta vedesse per primo nel popolo italiano l’eroe senza nome né volto che avrebbe portato l’Italia alla Vittoria. In quegli anni di guerra cruenta (1915-1918), l’Italia ebbe fra i suoi combattenti uno dei maggiori poeti di ogni tempo, che aveva già speso la più bella parte della sua vita quando giunse l’ora dell’azione.
Vittorio Locchi fu “scoperto” dalla guerra, e il suo nome diventò improvvisamente famoso con quelli delle Brigate di Fanteria che immortalò nel suo canto.
Questo giovane fiorentino non è l’eroe che fa della guerra le proprie gesta, anche quando la passione lo esalta, la sua è la voce del Fante, di cui condividerà la sorte senza portarne le armi.
 

Fanti della Brigata Casale entrano a Gorizia

Mobilitato per un servizio da cui non poté ottenere la dispensa, aveva chiesto di prestarlo nei posti più avanzati del fronte dove il pericolo era sempre presente.
Egli aveva già cominciato a scrivere i suoi canti sui campi di battaglia dove si riuniva con i compagni d’armi dei quali fu il maestro e il capo.
Il borgo dov’era nato nel 1889 non era lontano da Firenze, la città dell’arte e della poesia, a cui egli si votò nonostante la necessità lo costrinse a fare l’impiegato delle poste per provvedere alla madre nella città di Venezia.
La guerra gli fece sentire che la poesia lo stava aspettando alla svolta della storia che si era presentata all’Italia e, morendo prima che il suo poema fosse dato alle stampe, ebbe paura che il silenzio fosse sceso per sempre sul suo capo.
Era il 15 febbraio 1917, Vittorio Locchi poco prima aveva dovuto separarsi dai reggimenti e dai soldati che erano diventati una cosa sola con la terra sacra dell’Italia per avventurarsi in un viaggio di servizio da cui non avrebbe fatto ritorno.
Egli sapeva che le rotte dei convogli non erano meno rischiose dei campi di battaglia quando s’imbarcò a Taranto con le truppe del Corpo di Spedizione Italiano destinato in Macedonia, ma certamente sentiva la nostalgia di quelle remote sponde che dettero vita al mondo dell’antichità, dell’arte e della civiltà greca.
In vista del porto di Salonicco, dov’era diretto, il piroscafo Minas fu silurato da un sommergibile nemico e dalle stive piene di armi e munizioni, fino ai ponti della nave carichi di soldati, risuonarono comandi concitati ed inascoltate invocazioni d’aiuto. L’esplosione fu tremenda ed il fuoco s’impadronì in pochi minuti dello sfortunato piroscafo. Non fu dato di sapere se il giovane ufficiale fiorentino fu impedito di gettarsi in mare, o se fu sommerso dal risucchio delle acque gelide dell’Egeo.
Vittorio Locchi scomparve tragicamente, ma l’Italia, dopo qualche tempo, avrebbe ascoltato ugualmente la sua voce che sembrò venire di là dalla morte; subito dopo sarebbe uscito il poema “La Sagra di Santa Gorizia”, pubblicato da Ettore Cozzani nella collana “I Gioielli dell’Eroica”: poema con trasparente allusione alle antiche laudi e alle sacre rappresentazioni.
E’ il giuramento fatto ai soldati morti in combattimento che il poeta aveva veduto sui campi di battaglia fissare il cielo con gli occhi aperti tra le pietraie del Carso, o tenere la terra nei pugni chiusi fra i cespugli delle colline, caduti in avanti nell’impeto della corsa o voltati sul dorso a guardarsi la ferita. Erano soldati che Vittorio Locchi aveva sentito cantare sotto le tende e marciare lungo le strade, sul rovescio delle colline più volte conquistate e perdute, da cui la città Santa, Gorizia, appariva così vicina da poterla toccare e a volte così lontana da disperare di mettervi piede.
Essi l’avevano finalmente espugnata, e il tuono dei cannoni non poteva impedire di sentire le campane delle chiese suonare a festa, quando il poeta entrò in Gorizia al seguito dei valorosi Fanti che sono passati alla storia col nome delle loro gloriose Brigate : “… Pronta. Dodicesima Divisione di bronzo, è l’ora!... Brigata Casale, Brigata Pavia, Undicesimo, Dodicesimo, Ventisettesimo fanteria: attenti al segno!... Ancora tre minuti, due minuti, uno. Alla baionetta! E tutte le baionette fioriscono sulle trincee. Tutta la selva di punte ondeggia, si muove, si butta sul monte, travolge gli Austriaci, rigettandoli scaraventandoli oltre le cime, a precipizio, dentro l’Isonzo. Sei nostra! Sei nostra! Sembra gridare l’assalto...” .
La sorte volle che nel febbraio del 1917, sullo stesso piroscafo di Vittorio Locchi, venisse imbarcato anche il giovane soldato di leva Francesco De Lorenzis nato a Tuglie, provincia di Lecce, il 23 dicembre 1897. Era figlio di Cosimo Damiano e di Giuseppa Mosca. Faceva il contadino ed aiutava i genitori nei lavori di campagna. Francesco non sapeva leggere e scrivere, era un bravo ragazzo e pensava di mettere su famiglia appena sarebbe stato possibile.
Inaspettata, improvvisa e senza alcuna possibilità di evitarla, il 24 maggio 1915 scoppiò la guerra ed il 23 settembre 1916 il giovane Francesco fu chiamato alle armi ed assegnato al 31° Reggimento di Fanteria, mobilitato per essere inviato in territorio dichiarato in stato di guerra.
Le truppe di questo Reggimento furono destinate al fronte orientale, in Macedonia. I giovani fanti del 31° Fanteria s’imbarcarono nel porto di Taranto sul piroscafo Minas che li avrebbe trasportati con altri reparti italiani, francesi e serbi a Salonicco per combattere il nemico in quelle terre lontane e sconosciute.
 


Piroscafo Minas affondato nel 1917

Il Minas era una nave passeggeri costruita nel 1891 al cantiere Ansaldo di Genova. Alloggiava 60 passeggeri di prima classe e 900 di terza. Scoppiata la guerra, venne requisita dalla Regia Marina per essere adibita al trasporto truppe.
Durante quel viaggio, da Taranto a Salonicco, il 15 febbraio 1917 il Minas venne affondato nei pressi di Capo Mapatan, nel Mare Egeo, con due siluri lanciati dal sommergibile tedesco U39 al comando del Cap. Walter Forstmann. Nel naufragio perirono 870 persone.
Il Minas, oltre alle truppe, armi e munizioni, da notizie non confermate ufficialmente, sembra che trasportasse 25 cassette di lingotti d’oro.
In quel tragico avvenimento, da testimonianze dei superstiti del naufragio, risulta che Vittorio Locchi, nonostante avesse avuto la possibilità di salvarsi perché abile nuotatore, preferì inabissarsi insieme ad altre centinaia di fanti, affrontando il destino con determinazione e fermezza.
Un suo collega, il tenente Alessandro Casini, da un rottame a cui si era aggrappato, vide Vittorio Locchi ritto a poppa della nave che scompariva. Dopo una tremenda esplosione la nave si inabissò trascinando nel gorgo marino, con tanti altri fanti, il migliore degli uomini!
Del giovane fante tugliese Francesco De Lorenzis non si ebbero notizie precise. Anche lui fu ingoiato dal mare profondo dell’Egeo e venne dichiarato disperso dal Ministero della Guerra il 7 febbraio 1918 in seguito all’affondamento della nave trasporto truppe Minas.
Così volle il destino per due giovani militari, uno del nord e uno del sud, che furono atrocemente strappati alla vita ed all’affetto dei loro cari per la dura legge della guerra.
Vittorio Locchi, grande poeta, nato a Figline Valdarno (Firenze) l’8 marzo del 1889, autore della famosa Sagra di Santa Gorizia, una delle più belle opere poetiche del Novecento, scritta il 9 agosto 1916 per descrivere il sacrificio, il valore e la morte dei Fanti italiani che conquistarono Gorizia in nome dell’Unità d’Italia .
 

  LUCIO CAUSO
Pubblicato su “Il Titano” supplemento economico de “Il Galatino” n.12 del 24 giugno 2011in occasione della 62^ Fiera Regionale di Galatina.  
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top