Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Domenica 25 Giugno 2017
Oggi si festeggiano:
S. Massimo conf.
S.Guglielmo ab.
S.Gallicano vesc.
B.Isabella


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Lampo improvviso, di tempesta è avviso

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Care ombre mi camminano accanto.


Qualche volta, una "presenza'

Quando l'amico Pippi mi ha portato le pagine raccolte in questo quaderno, quando insieme le abbiamo lette, ho sentito come può accadere nella vita che un fatto "comune" riesca a prendere tanta forza da farci sentire, quando viene meno, il venir meno per noi di qualcosa d'essenziale. Un fatto "comune" non è un fatto "insignificante". Può, anzi, contare moltissimo: per i nostri sentimenti, per la nostra coscienza, per il nostro modo di guardare le cose.
L'incontro con una persona può essere decisivo, tutti ne abbiamo esperienza. Ci sono, però, incontri che facciamo con esseri "speciali", che non sono persone ma che, tante volte e per tante misteriose circostanze, sono capaci di "cambiarci la vita", come si usa dire.
Anche a Pippi e alla sua famiglia è accaduto di fare un incontro del genere. È stato, per lunghi anni, un incontro felice, fatto soprattutto di un raffinato esercizio di sensibilità, di un allenamento sempre più produttivo alla comprensione di esseri ai quali tante volte si guarda in modo superficiale quando non con gratuita cattiveria e con insensato spirito di persecuzione. Un esercizio di "accoglienza"; verrebbe fatto di dire, anzi, di cristiana "carità".
Queste pagine contengono la storia di quell'incontro e l'esperienza di una quotidianità accompagnata e confortata da una "presenza" discreta ed affettuosa. E, accanto ad essa, altre "presenze", altre fisionomie nel segno dell'amicizia. Di quella vera, che resiste alle agitazioni della vita quotidiana.
 

Luigi Scorrano



L'accordo era chiaro

Ecco... il contratto o, per meglio dire, l'accordo era molto chiaro. Non contemplava deroghe. Non conteneva trabocchetti tra le avvertenze scritte in modo illeggibile a margine dello stampato. Non c'era nessuno stampato da firmare. E poi, tu come avresti mai potuto?
Insomma... si trattava di un accordo alla buona, come si usava una volta tra persone per bene, tra galantuomini, quando bastava una stretta di mano (nel nostro caso io ci ho messo la mano e tu la zampa). Né si poteva fare diversamente vista l'ora tarda e la notte da lupi. E poi ! avevi anche una certa fame arretrata, di non si sa quanti giorni, considerando come mangiasti con gusto quanto ti mettemmo nella scodella insieme a quanto era avanzato della cena appena consumata.
Ma ora non pensiamo all'accordo.
La casa l'avevi scelta tu. Una casa modesta abitata da gente normale.
Le tue credenziali erano due occhi eccezionali che chiedevano calore, ospitalità.
Scegliesti un angolo e, ben protetto dalla parte del pavimento ed al riparo dalle intemperie, dormisti beato di un sonno profondo per tutta la notte.
La mattina andasti fuori per una breve passeggiata. Forse per informare gli amici meno fortunati che avevi trovato una famiglia, che ti eri accasato.
Al ritorno, attendesti tranquillo vicino a casa che qualcuno ti aprisse.
Ebbe cosi inizio una bella avventura. Una stagione straordinaria, durata diciassette anni.
Romeo cresceva con te e insieme ad Antonio, che aveva già fatto il militare, tutti gareggiavamo per portarti in giro e tu facevi sempre più parte della nostra famiglia. Rosaria, malgrado le sue sofferenze già presenti allora e peggiorate con il passare del tempo, ti si era affezionata. Non ha mancato un giorno di pulire, lavare, disinfettare il tuo posto, la scodella dell'acqua e quella dei croccantini sempre pulite e l'acqua non era quella del rubinetto ma quella che si beveva noi, in famiglia.
Della famiglia tu facevi parte.
Quanta salsiccia non hai mangiato, prima cruda, appena la portavo a casa, e poi cotta (e te la dava Rosaria); e quante polpette! quelle fritte, che ti piacevano tanto.
A me non costava fatica andare a spasso con te la mattina e anche qualche pomeriggio specialmente durante il periodo estivo. Mi piaceva sfogliare qualche rivista seduto su una panchina della stazione mentre tu facevi le tue cose ed annusavi tutti gli angoli.
Intanto il tempo passava.
Abbiamo imparato ad amare i tuoi simili. Anch'essi creature di Dio.
Romeo cresceva, diventava uomo; Antonio si sposava. Siria arricchiva la nostra famiglia.
I nostri passi erano sempre più pesanti, meno sicuri; la vista accusava qualche difficoltà; e anche l'udito cominciava ad essere meno chiaro.
Qualche volta, ultimamente, mi perdevi di vista durante le nostre uscite mattutine. Allora andavi ad attendere sicuro vicino a casa. Non sei rimasto mai fuori.
Ricordi le storie che facevi per prendere la cardioaspirina se non era ben nascosta tra la mortadella? Accadeva la stessa cosa quando era necessario somministrarti modeste dosi di cortisone per gabbare gli anni.
Non tocca a tutti il privilegio di apprezzare l'amicizia e la fedeltà di uno che difficilmente ti inganna, che non chiede nulla, che si contenta di poco.
Noi di amici cari, di amici veri grazie a Dio ne abbiamo tanti. Con alcuni ci si vede tutti i giorni, con altri ogni domenica. Con altri ancora periodicamente durante l'estate. Con alcuni capita di non vedersi affatto per molto tempo.
Con te siamo stati insieme - tutta la famiglia - ogni giorno per diciassette anni.
Poi... l'incidente.
Il veterinario ci fece credere che avresti potuto riprenderti malgrado il tuo cuore fosse diventato una massa enorme.
Tu eri impaziente di tornartene a casa, la tua casa.
L'affanno non ti consentiva di respirare ma, appena ti mettemmo in auto, sulla barella di fortuna, improvvisamente tornasti tranquillo. Il respiro ridivenne così leggero da sentirsi appena e l'occhio vigile ad ogni movimento, ad ogni rumore.
Vane sono state le tante iniezioni che Antonio ti ha fatto, le attenzioni di tutti, le notti insonni che Romeo ha trascorso con te. Anche la nonna non riusciva a nascondere la sua ansia.
Mi sarebbe piaciuto continuare a prenderci in giro quando al ritorno dalla passeggiata mattutina ti dicevo: «Aspetta, adesso torno e andiamo ancora in giro».
Continuare a farti bere con la siringa, tirarti i peli del muso, accarezzarti la testa...
Ricordo una serata speciale di qualche estate fa. Antonio era riuscito a portare a casa sua Rosaria insieme a Romeo Lola Leonardo e noi eravamo rimasti soli in casa, io felice di rileggere qualche poesia di Garcia Lorca di Bodini di Trilussa e tu, che non trovavi un posto per riposare a causa del caldo; e facevi su e giù per la terrazza.
Non dico questo per rinfacciarti qualcosa ma per ricordare a tutti noi quanto ti abbiamo voluto bene, quanto ci manchi.
Ora di te abbiamo solo le ceneri. E mille ricordi, e una busta di wurstel nel frigorifero.
In quanto all'accordo, aspetto sempre che tu lo rompa. Prevedeva che non avresti dovuto disturbare durante la notte. Mi aspetto che tu non tenga conto della stretta di zampa di diciassette anni fa, e che ti metta ad abbaiare in piena notte per annunciare il tuo ritorno.

Ciao Dick,
creatura di Dio a quattro zampe,
mio brutto scimpanzè.

 




Ricordando Cosimo

«Nah!... lu Gigi... lu Pippi... nub'ia canusciuti... Te veru!»
Ci rimproverava così quando non si andava a trovarlo qualche domenica. Non succedeva spesso, però accadeva. Allora cancellava l'immancabile telefonata festiva del fratello che chiamava da Milano: «Richiama più tardi; ora sono con amici. C'è Gigi insieme a Pippi, che ti salutano».
Ricordo... Una volta, la settimana di Natale, venne un suo giovane conoscente, forse un ex allievo lombardo che risiedeva a Trepuzzi oppure a Salice. Era venuto per salutarlo e intanto gli portava in due contenitori coperti di carta stagnola i dolci natalizi della tradizione salentina. Dopo le indispensabili formalità di presentazione, i ringraziamenti e uno scambio veloce di battute, senza usare mezzi termini disse all'ospite appena arrivato: «Adesso devi andare via, perché devo chiacchierare con questi amici; torna un altro giorno».
Amava conversare, Cosimo, raccontarsi, ricordare gli anni migliori trascorsi a Milano dove aveva incominciato a lavorare come ritoccatore fotografo per poi arrivare all'insegnamento, traguardo prestigioso. Le amicizie, le conoscenze, il lavoro, le tante soddisfazioni artistiche, i premi non gli avevano addolcito il dolore per la perdita della moglie.
Cosimo era un uomo estremamente onesto e anche questo non gli aveva risparmiato più di un'amarezza. Sensibilissimo come quasi tutti gli artisti, amava la sua terra - lu Crumisi dove ha trascorso tutto il tempo che gli impegni milanesi non gli rubavano. Lu Crumisi che ritroviamo in quasi tutti i suoi dipinti, con i turni le pietre la delicata linea del mare.
L'ho conosciuto durante una edizione della mostra itinerante di foto d'epoca voluta dall'amico Gigi Scorrano, allora (1981-1985) Assessore alla Cultura. Mi aveva incaricato di accogliere il Maestro, a Montegrappa, di fargli un po' da cicerone, veste in cui non mi sentivo proprio a mio agio.
Cosimo conosceva con estrema precisione i personaggi, i luoghi, addirittura di alcune foto l'ora della giornata in cui erano state scattate. La maggior parte di quelle foto erano state impresse dalla sua macchinetta.
Ogni cosa destava in lui meraviglia, sete di nuove scoperte, progetti pittorici. Sul suo cavalletto c'era sempre una tela da dipingere, da rivedere, da ritoccare.
Durante gli anni Sessanta, quando libero dagli impegni milanesi trascorreva il suo tempo a Tuglie, per tutti era "il pittore", "quello che insegna a Milano, all'Accademia".
Nel primo cassetto del comò della camera da letto dei miei genitori c'era una borsetta bianca di tipo estivo. Custodiva poche cose: una collana di perle sicuramente false, piccoli bìjoux, la pagina di un settimanale con la cronaca di un fatto di sangue avvenuto in provincia di Napoli tra due fidanzati (doveva averla portata zia Sina in una delle sue venute a Tuglie, allora frequenti), il trafiletto di un periodico salentino del 1938 nel quale don Pippi Quarta si congratulava per la nascita di mia sorella Giuliana.
C'erano anche tante piccole foto. Ne ricordo una in modo particolare. Vi si vedevano mia madre e mio padre affacciati alla finestra in Via Plebiscito. Sul locale sottostante faceva bella mostra di sé una grande insegna, "Barbiere", e sulla porta il maestro, educatore e poeta Fiore Gnoni. Sul retro, manco a dirlo, una firma: quella di Sponziello.
Caro Cosimo, tì sono grato per l'amicizia la stima la simpatia dimostratami. Ti ho apprezzato per la tua arte, per il tuo sapere, per la semplicità con la quale raccontavi fatti, aneddoti, incontri felici, amore per la natura, la non buona considerazione che avevi dei cacciatori. Spesso ti ripetevi, ma io stavo ad ascoltarti. Non sono brillante in niente, men che meno nella conversazione. Ma ora che con il piccolo Fabio, sgomento compagno di viaggio, al quale sono certo che avrai detto con stupore: «Naaah! e tu figlio di Elio sei? il mio amico! Andiamo, non avere paura, andiamo»; ora che ti immagino sereno con il tuo cavalletto; ora che hai ritrovato gli amici, i parenti, tutti ì tuoi cari, i miei cari; ora che passeggi sereno con la tua tavolozza pronta a "rubare" nuovi paesaggi, orizzonti di eternità, voglio chiederti una cosa sottovoce. In fondo, non ci sente quasi nessuno.
Se incontri un cane di taglia media, quasi bianco, con due occhi bellissimi velati di stanchezza e un musetto intelligente, quello è Dick, il nostro Dick; digli che ci manca tanto e che non dimenticheremo mai la compagnia e le emozioni che ci ha regalato.

 

Giuseppe Merenda


 

Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top