Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Martedi` 26 Settembre 2017
Oggi si festeggiano:
SS. Cosma e Damiano Mart.
SS. Cipriano, Giustina e Teoctisto m.ri


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Per S.Cosma e S.Damiano, ogni male sia lontano

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Mino De Santis “Muddriche”

Muddriche è Il nuovo singolo di Mino che sarà presentato il prossimo 29 giugno a Alezio. Dopo "scarcagnizzu" e "caminante", con "muddhriche" Mino fa un salto di qualità e approda sulle latitudini di una maturata consapevolezza delle proprie potenzialità. I testi sono straordinari, la musica curata e, come al solito, non si fanno sconti. E così non mancano i personaggi di ordinaria umanità con i ruoli inchiodati alla coscienza al punto di formare un corpo unico e indistinguibile come il prete o il radical chic. Come scriveva Marguerite Yourcenar in memorie di Adriano: "il bene e il male sono una questione d'abitudine, il temporaneo si prolunga, le cose esterne penetrano all'interno, e la maschera, a lungo andare, diventa il volto". Ci sono poi "muddhriche" di memoria raccontate da mio padre nelle storia di un passato, che appare quasi senza tempo, come "fiche cu le mendule" e c'è la stessa memoria del passato di Mino in "anni" e "porta verde". Tra i brani contenuti nel CD, "sotta 'na chianta de chiapparu" merita un commento particolare. Riproduco le mie impressioni già scritte all'indomani dell'anteprima della canzone al teatro Paisiello di Lecce il 5 e 6 gennaio scorso. Come una carezza appena accennata, un velluto che scivola sulla pelle o l’innocenza di un un pensiero libero da ogni briglia, questa canzone avvolge anche il corpo, nota dopo nota, restituendo il sapore agrodolce dell’essenzialità perduta. E’ come una foto antica, conservata in uno scrigno che non si è mai aperto, con le immagini che affiorano da una coltre naturale di emozioni. Una sorta di effetto flou fatto di tenerezza, di favola, di semplice disarmante consapevolezza della semplicità dimenticata della vita e delle pulsioni trasparenti che dovrebbero determinarla. S’aggrappa all’anima questa storia d’amore sussurrata e si modula su note complici che danzano a lungo nell’anima di chi l’ascolta. Ho più volte riascoltato questa canzone, che conoscevo già poiché godo del privilegio dell’anteprima, e sento che stride con l’aridità di un mondo che trasforma i sentimenti nelle pagine patinate dei rotocalchi e la bellezza in tette e culi sodi a pagamento. E’ così raro vedere librarsi in volo sentimenti veri; emozioni semplici, così dolcemente declinate in versi e note musicali. Sembrano quasi la fantastica proiezione di un’umanità improbabile a queste latitudini miseramente griffate, culo e camicia con il mercimonio e col bisogno di apparire più che quello di essere. Un fiore di cappero può valere più di una rosa e lo sfarfallio che produce nel fondo dell’anima può spazzare via come per incanto lo strato spesso di insensibilità che si stratifica sul genere umano. Chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare dalle onde irresistibili delle emozioni, forse un po’ naif, ormai è un esercizio raro. Le quotidiane indifferenze inchiodano l’anima su latitudini glaciali modulate sullo spread o il rendimento dei titoli di stato. Questa canzone tuttavia ha il potere di accarezzarti l’anima e far magicamente scomparire i contorni netti dell’esistenza comune disegnata a (s)misura d’uomo. Continua a scrivere fratello, continua a cantare la semplicità con semplicità e a far galoppare velocemente la fantasia sui semplici pensieri, scompigliata dal forte vento delle pulsioni autentiche. Non è escluso che gli uomini, prima o poi, non scelgano di sguinzagliare l’anima per farla lievitare in adeguate dimensione e sorvolare le vaste praterie del pensiero primitivo di un’umanità dimenticata.

Giuseppe De Santis


 


Terzapagina. Un Salento in "Muddhriche": Mino De Santis emoziona e commuove

Terzo disco del cantautore, dove tratteggia una terra di vizi e virtù, contraddizioni e derive. Tra ironia ed accuse feroci ai radical chic e alla società divisa in ricchi e "pezzenti", il dialetto torna ad essere lingua "nobile"

TUGLIE - Storie semplici dentro una narrazione di terra ed emozioni, dove si ritrovano le proprie radici, si guarda il presente con ironia e disincanto ed aleggia un futuro pieno di contraddizioni. Un Salento malinconico e genuino, tratteggiato tra i sogni d'anarchia e l'impegno sociale, le memorie di un'altra epoca, dove la fame attanagliava il quotidiano e dove il "poco" era lo sguardo sull'essenziale.

"Muddriche", il terzo album in studio (edito per gli Ululati di Lupo) di Mino De Santis, è un "minestrone" di temi e suggestioni, un grande puzzle, che ricostruisce un Salento, spoglio di tarante e slogan da cartolina, più intimista, dove la sua anima viva è quella attraversata dagli ulivi in rapporto ancestrale con la vocazione contadina e con l'atteggiamento guardingo nei confronti di un progresso che voglia imporsi, stravolgendo quell'identità.

Lui, Mino De Santis è un narratore moderno di un territorio, di cui non nasconde, anzi, sottolinea vizi e virtù, contraddizioni e derive: un po' De André, un po' Gaber, un po' Paolo Conte. Lo sguardo austero e profondo da "masculazzu" cela una scrittura, a tratti sublime che il dialetto valorizza ulteriormente. Perché se c'è un merito indiscusso nell'opera del cantautore di Tuglie, è l'aver riconsegnato capacità espressiva ad una lingua vista come "minore", perché bistrattata proprio da chi la utilizza. Il dialetto in De Santis torna lingua nobile, cesellata nei versi di canzoni che diventano poesia pura, come accade a brani come "Monti di Mola" o un capolavoro assoluto (che testimonia come le lingue "altre" siano più universali di quanto si creda) "Crêuza de mä".

Quanto a "Muddhriche", questo lavoro rappresenta la maturità artistica del cantautore salentino, capace di disegnare i personaggi caratterizzanti della vita sociale e religiosa dei paesi come ne il caso de "Lu preute" e "La pizzoca e la sbergugnata". "Radical chic" è un manifesto dei falsi ideologi dai comportamenti dissonanti col proprio credo (e già qui lo sguardo dell'autore si fa più universale ed esce dai confini del solo Salento), che si concedono a discorsi "colti" sui mali del "capitale" e sulla "miseria", ma che parlano di "fame" senza averne. Un'accusa feroce a chi ha "poco da dire" e "tanto da parlar".

L'intimismo di nostalgie e ricordi si evince in "Anni", "Fiche cu le mendule" e "Porta Verde" tracce di un territorio del passato, che appartiene anche a chi non lo ha vissuto, dove la povertà era lo scorcio "naturale" da cui osservare la realtà. E dove le "muddhriche" erano avanzi non solo del pane, ma anche della vita, emblema della preziosità delle piccole cose, del sudore e della fatica e della pazienza. Quasi come nell'evangelico richiamo della donna Cananea che ricorda come "Anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni".

Un tempo senza tempo che porta in dote un bagaglio di valori da non disperdere. Quello delle storie d'amore come "Sutta na chianta de chiapparu", dove la Pantalea e lu Tore sono i modelli di un corteggiamento d'altra epoca, dove galeotto non fu il libro, ma le "marangiane" e "nu fiuru de chiapparu" ha la stessa somiglianza di una rosa.

De Santis torna scanzonato in "Ieu fazzu gezz", gradevole pezzo in levare che fa molto Sergio Caputo, che sembra l'applicazione del "Radical chic" alla musica, dove gli spettatori si mostrano interessati alla complicata esibizione artistica per non passare da ignoranti. "Certi culi" non è filosofia attribuita al "lato b", ma una riflessione su come la sensualità di un particolare esteriore del corpo di una donna sia rimando ad una osservazione più attenta dell'interiore. Del resto, si sono spese lezioni di bellezza sulla "Venere Callipigia" ("dalle belle natiche").

"Pezzenti" è il brano più forte dell'album (che si avvale della partecipazione di Nandu Popu e Giovanni "Endesho", figlio di Mino De Santis), perché fa emergere una visione del mondo, che non è solo "presa d'atto", ma contestazione "politica" di una società dove la globalizzazione e la grande finanza spersonalizzano l'umanità. Lavavetri e vu cumprà, i nuovi schiavi tra padroni e caporali, sottopagati e spacciati per "invasori" sono il pretesto per raccontare l'evoluzione di un mondo, dove non dividono più ideologie, culture, religioni o colore della pelle: la discriminante è tutta nella differenza tra chi gestisce il denaro e chi no, dove il primo ha tutto l'interesse a fomentare una guerra tra i "pezzenti" (tutte le storie di ordinaria precarietà), in grado di favorirlo e accrescere la sua "potenza".

L'Arburu te ulie è l'interlocutore del pezzo conclusivo, una invocazione alla natura e al patrimonio collettivo della terra, fatto di grandi e piccole narrazioni. È il brano più poetico dell'album, dove quell'albero è testimone e spettatore di storie e di amori: nella sua presenza c'è l'eternità di un Salento, che vive dentro le "uci dei tanti prima de mie" e in una ricchezza immateriale più preziosa di tutto il denaro del mondo. "Fuiazza dopo fuiazza", muddhrica su muddhrica, commuove ed emoziona. Mentre si spegne l'ultima nota e risale la consapevolezza che il Salento ha trovato non solo un cantore, ma un grande autore. Un po' De André, un po' Gaber, un po' Paolo Conte. O semplicemente Mino De Santis.
 

Mauro Bortone 14 luglio 2013


 



Per il servizio andato in onda alle 01,20 di Domenica 18/08/2013 su Mizar Rai2
clicca qui

Posizionarsi sul minuto 8.16




Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa

Privacy Policy


To Top