Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Lunedi` 19 Agosto 2019
Oggi si festeggiano:
S. Magno vescovo
S.Giovanni Eudes
S.Giulio mart.
S.Sebaldo


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Gioia inaspettata, quando arriva è più grata

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello


Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
GLI SPETTACOLI LIRICI ALL'ARENA DI VERONA
Storia e leggenda a cura di Luigi Ruggero Cataldi


“un laberinto de tanta grandeza che stupefatte fa star le persone;
largo e rotondo e de soperba alteza, edificato con tanta rasone,
che pochi pon comprendar sua fateza.

Non so se al mondo mai fusse trovato un edificio più desterminato.

De questo non se trova l'architeto, ch'il fabricasse, ne ch'il mandò a efeto.”


Con questi versi in vernàcolo veronese il poeta Berto Barbarani tratteggiava il ritratto dell'Arena, l'insigne monumento di cui la città scaligera è sempre andata orgogliosa.
Gli storici e i cantori, antichi e moderni, ci hanno fornito diverse ampie e, talvolta, curiose notizie sugli avvenimenti di diversa natura, non sempre teatrali, che hanno avuto nel corso dei secoli come cornice il grande anfiteatro.
Oltre a quelle, un gran numero di espressioni popolari e vecchie leggende, mirabilmente fuse, hanno contribuito ad arricchire il già cospicuo patrimonio culturale di Verona.
Piccole storie, eventi lieti e tristi accompagnate, alla bisogna, da comicità godibili e suggestive; preziosi ricordi inseriti in un particolare spaccato di storia locale, della quale sarebbe colpevole negligenza perderne la memoria.
Di seguito, se ne propongono alcuni.

1. IL SABBA INFERNALE
Forgiati da slanci di fantasia e schietto buonumore, alcuni efficaci modi di dire servirono ai veronesi d'altri tempi per meglio consolarsi della loro vecchiaia.
Essi sostenevano, con un'azzardata filosofia spicciola, che i loro settanta, ottant'anni e anche più, costituivano un dettaglio del tutto trascurabile di fronte ai millenni che l'Arena portava sul groppone. Ecco quindi il detto: “la Rena l'è vecia!”, subito rettificato in quello: “no è vecia gnianca la Rena, parchè l'è ancora in piè!”.
Nel medioevo si diceva, perfino, che essa fosse opera del diavolo, per via di un condannato a morte al quale era stata promessa la grazia qualora fosse riuscito a costruire, in una sola notte, un edificio capace di accogliere tutti gli abitanti della città. Il pover'uomo, allora, strinse un patto con il demonio il quale, radunato l'esercito, si mise all'opera. Al rintocco del mattutino l'orda infernale scappò precipitosamente, proprio quando aveva appena iniziato ad erigere l'ambiziosa cinta esterna, che doveva così restare con la sola testimonianza dell'ala. Il condannato ebbe salva la vita, sia pure a caro prezzo poiché il diavolo pretese, quale compenso, di diventarne il padrone.

2. DECADENZA E RINASCITA
Nel 1882 il fiume Adige mise in ginocchio la città poi, con il procedere della stagione invernale, sembrava acquietarsi mostrando di perdere il suo selvaggio vigore.
Ma molte povere case non esistevano più! La popolazione disastrata chiedeva un tetto e, per tutta risposta otteneva di “andar a star sotto i còoli de la Rena”. Solo a pochi fortunati fu possibile assicurare un giaciglio. L'Arena era ferita a morte; degrado e sporcizia ovunque sebbene, di tanto in tanto, ospitasse spettacoli e feste di vario genere. Gli arcovoli ormai avviliti vennero trasformati, fra il generale disinteresse, in infimi tuguri e luoghi di convegno per donne di malaffare, allora etichettate come “quelle poarine che stanno in Bra”.
Il crescente disagio per l'indecorosa situazione sfociò in vibranti proteste della gente esasperata, tanto da indurre le autorità a porvi immediato rimedio. Dopo lunghi e mirati interventi di restauro, all'Arena vennero restituite la dignità e il prestigio dovutigli. Si era, ormai, agli albori del XX secolo, quando per venti sere consecutive, fra giugno e luglio del 1900, venne rappresentato il ballo “Pietro Micca” di Romualdo Marenco: “Uno spettacolo così grandioso a Verona non lo vedremo forse mai più!”, veniva scritto. La stampa errava, e di grosso!

3. LA PRIMA STAGIONE LIRICA
L'Arena possedeva dunque tutti i titoli per essere considerato il più grande teatro all'aperto del mondo. Ma l'idea di adibirla ad enorme palcoscenico per rappresentazioni liriche appariva quantomeno ardita, poiché non sembrava che quell'immensa cavea a cielo aperto avesse le proprietà acustiche necessarie.
L'occasione per saggiarne la fattibilità si presentò casualmente in una torrida giornata di giugno del 1913, allorché il tenore veronese Giovanni Zenatello, da poco rientrato dall'America reduce dai successi ottenuti al Metropolitan di New York con Aida e Otello, smanioso di realizzare al più presto un suo progetto per commemorare il centenario della nascita di Giuseppe Verdi, iniziò a discuterne con il mezzosoprano Maria Gay -che poi divenne sua moglie- i maestri Tullio Serafin e Ferruccio Cusinati, accompagnati dall'inseparabile amico Ottone Rovato, comodamente seduti ad un caffè di piazza Brà. Apparentemente assorto, istintivamente Zenatello guardò l'Arena ed esclamò: “ecco il grande teatro che vado cercando e che, io penso, si può prestare per fare delle fantastiche rappresentazioni di opere liriche. Basterebbe che avesse una buona acustica, il resto c'è tutto. Lo vedo già. Perché non andiamo subito a provare le voci?”.
In un attimo il gruppetto si portò all'interno dell'anfiteatro. Zenatello di slancio salì in alto, sui gradoni, di fronte al podio che sovrasta il boccascena dov'erano rimasti gli altri e, con gli occhi rivolti al cielo ormai stellato, intonò una poderosa “celeste Aida!.
Il maestro Serafin, attento a valutare la produzione, propagazione e ricezione del suono, sull'ultima nota della romanza, gridò: “BRAVO!”.
Zenatello comprese subito che l'acustica aveva retto alla prova. Ma non era sufficiente; occorreva approfondire. Al chiaro di luna i cinque, furtivamente, varcarono nuovamente il maestoso ingresso del monumento avanzando fino all'ampia cavea.
Qui, nell'assoluto silenzio e distanti l'uno dall'altro, essi iniziarono a strappare strisce di carta. Dal centro della platea il fruscio venne recepito distintamente fino alla sommità delle vetuste gradinate.
Il giorno seguente, invitati alcuni professori d'orchestra, un oboe, un flauto, una tromba e un violino, il maestro Serafin eseguì la decisiva prova d'insieme. Alla fine, disse. “Magnifico, possiamo cominciare”.
E la scenografia? Dopo breve conciliabolo si decise di affidare l'incarico a Ettore Fagiuoli, giovane architetto veronese. In quel suo primo allestimento egli realizzò, in soli due mesi, una colossale e convincente messinscena. Il maltempo aveva ostacolato molte prove, compresa quella relativa ai movimenti della masse corali e coreografiche e, proprio in questa circostanza, “si ebbe il singolare spettacolo di vedere gli antichi egizi, sacerdoti e schiavi, sfilare solenni in soprabito, con tanto di ombrelli aperti”. Ma la sera della première, il cielo si presentò tutto ingemmato di stelle.
La più grande rappresentazione lirica del mondo ebbe così inizio, fra il generale entusiasmo.

4. LA STORIA DEI “MOCOLETI”
Si ritiene necessario premettere che fino alla fine dell'ottocento gli spettacoli in Arena si effettuavano solo di giorno, considerato che il sistema di illuminazione con torce, olio e gas non si prestava per allestimenti serali. Le cronache dell'epoca informano che il 18 ottobre 1880, essendo lo spettacolo in Arena protrattosi fino ad ora tarda alcuni spettatori, nell'intento di guadagnare l'uscita senza pericolo di inciampare nello scendere i gradoni, ricorsero all'accensione dei “fuminanti”.
La provvida decisione fece gridare alla meraviglia quando, per spirito di emulazione, le migliaia di spettatori che procedevano a tentoni inondarono il magico anello di un tripudio di tremolanti fiammelle. Il Consiglio della Società, gestore degli spettacoli, folgorato dalla casuale intuizione, decise di farla propria e, debitamente regolamentata, venne poi proposta al giudizio del pubblico nella recita successiva. A coloro che acquistarono un “viglietto” d'ingresso venne dato un “mocoleto” da accendersi, in contemporanea, verso l'imbrunire.
Sfortunatamente, l'impazienza di pochi anticipò il fatidico momento “quando l'aria non era ancora oscura abbastanza perché avesse a sortire il suo pieno effetto”.
Nondimeno l'esperimento riuscì tanto sorprendente da superare ogni attesa.
Nel corso della preparazione del grande spettacolo del 1913, qualcuno fra le maestranze ricordò quell'avvenimento e, senza alcuna esitazione, lo propose a chi di dovere.
Gli organizzatori, assai disponibili, incaricarono la Croce Verde di distribuire “a prezzi popolari” un mocoleto ad ogni spettatore, avendo l'accortezza di avvertire, nel contempo, che esso doveva essere acceso nell'intervallo fra il secondo e il terzo atto quando, al segnale convenuto di uno squillo di tromba, sarebbero state spente le luci. Così, in occasione della sesta e settima recita di Aida, i mocoleti vennero accesi a migliaia. Un irrefrenabile entusiasmo pervase gli spettatori presenti i quali, impossibilitati ad applaudire per non far cadere l'umile fiammella, si lasciarono andare in un assordante muggito di meraviglia; e ci fu anche chi pianse per l'emozione. Negli anni successivi, all'accensione dei cerini si aggiunse lo sventolio dei fazzoletti per la gioia del pubblico che cominciava a godere lo spettacolo di se stesso, prima di quello offerto sul palcoscenico.

5. IL LIETO EVENTO
Il 18 agosto 1913, per la quarta recita di Aida l'Arena apparve “mostruosamente gremita”. Per l'intera giornata treni, automobili, carrozze, carrettelle e biciclette, riversarono in città un'enorme numero di forestieri, pronti a ricoprire fin dal pomeriggio le gradinate riarse dal sole, “e a cenarvi, con sporte turgide di cibarie e contorno di fiaschi”.
Lo spettacolo iniziato all'ora stabilita proseguì in modo regolare, interrotto ogni tanto da un subisso di applausi. Al primo intervallo un concitato vociare proveniente dall'anello superiore, richiamò la generale attenzione verso una giovane donna la quale forse per l'afa opprimente, la calca e il disturbo provocato dal continuo andirivieni dei venditori di “noselete”, numeri unici, cartoline e souvenir vari, aveva perso i sensi. Alcuni dei presenti gridarono :”un po' d'aria, fate largo”, spingendo indietro i curiosi. Una donna seduta nei pressi, con fare delicato, chinandosi sulla malcapitata la liberò dallo stretto bustino e la rinfrescò con spruzzi d'acqua sulle guance. La giovane reagendo alle amorevoli cure, mostrò di accusare dolori all'addome. Subito quattro possenti braccia, l'accompagnarono a pianoterra fra gli arcovoli. Sul posto dell'accaduto rimasero in bella vista alcuni indumenti della donna. La gente riunita a capannelle cominciò a bisbigliare e, ad un tratto, si udì un grido liberatore: “in Rena l'è nato un putìn!”. E per il resto della serata non si fece altro che parlare di quell'evento veramente memorabile.




Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda
Aida
La Traviata
Il Trovatore
Tosca
Carmen
I Carmina Burana
Placido Domingo 50

Profili
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top