Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Mercoledi` 23 Agosto 2017
Oggi si festeggiano:
S. Rosa da Lima vergine
SS.Ciriaco e Archelao m.ri
S.Flaviano vesc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Se lampa la scampa, se tuona la manda

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tuglie dei tempi andati
Contadini salentini
Aspetti di vita contadina
Donne salentine alla
fontana

Tullio Sponziello

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Un nido d'amore...
Un nido d’amore, gelosie ed intrighi,
ecco la storia romanzata di palazzo Ventura-Falco a Tuglie
Lungo la via Vittorio Veneto, che si dipana dal largo della chiesa di S. Giuseppe e raggiunge la periferia nord della città di Tuglie, vi è un palazzo costruito a cavallo tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo, nel cuore del quartiere Rraona. A quel tempo, quando fu costruito il palazzo, era via Sannicola, fuori dall’abitato di Tuglie, che non si estendeva fino lì, anche se questo ed altri palazzi costruiti da tugliesi, consentirono a Tuglie di poter allargare i confini dell’abitato e del feudo cittadino nel 1923, inglobando il quartiere che ospita lo splendido Calvario. La nostra storia inizia, in un altro palazzo del potere, il palazzo di Don Ciccio Mariano, oggi palazzo Gabellone, si, proprio il palazzo del Presidente della Provincia di Lecce ,Antonio Gabellone in via Plebiscito. Dalla nostra ricostruzione dei fatti storici accaduti in quell’epoca, pare, che Don Ciccio Mariano potente latifondista in paese, dopo aver sposato una ricca possidente tugliese, non avendo avuto un figlio da costei,cercava disperatamente un erede da regalare alla sua casata. Così il nostro Don Ciccio, volava di fiore in fiore, in attesa di un erede, magari maschio, che potesse aiutarlo nelle faccende agricole e di potere a cui era preposto. Arriviamo così, che un bel giorno, il nostro Don Ciccio, conobbe e si invaghì di una donna per lui bellissima, una donna che, nella sua testa, doveva finalmente regalargli l’erede tanto sospirato. Questa donna, poco più che ragazzina era Maria Ventura ed aveva altre due sorelle Emilia e Marsanofia. Più avanti nel racconto vi spiego perchè nomino anche le altre due sorelle di Maria. Il ricco possidente, non sapendo come farsi notare dalla bella Maria, decide che, l’affascinante fanciulla deve vivere sotto il suo stesso tetto. Nei suoi intrighi di potere, costringe il padre di Maria a cedere la figlia come serva in casa sua, per ripagare il debito del padre, che esperto potatore, aveva danneggiato secondo Don Ciccio ed alcuni testimoni e tecnici, l’agrumeto secolare dello stesso Don Ciccio, in particolare un albero di limone, prezioso per Don Ciccio, che secondo la sua versione dei fatti, dal momento dell’intervento di potatura, non aveva più regalato frutti. Condannato al pagamento di un ingente somma, il povero padre di Maria, dovette chinare il capo, quando, Don Ciccio chiese che il debito per il danno subito, lo doveva ripagare, facendo lavorare la figlia Maria nel suo palazzo, mostrandosi addirittura generoso, propose al padre, in cambio del lavoro della figlia come governante nel palazzo di via Plebiscito, non solo l’estinguersi del debito contratto, per aver potato in maniera malsana l’albero di limone, ma anche una piccola somma di denaro in casa dei Ventura. Così inizio l’avventura di Maria in casa di Don Ciccio. Presto i due si innamorarono e dopo vari litigi fra Don Ciccio e la moglie gelosa, per le continue attenzioni che il marito rivolgeva alla serva, lo stesso Don Ciccio allontanò la fanciulla, ma solo per la quiete familiare. Continuò a vedere Maria di nascosto e costruì per lei un piccolo palazzo lungo la via di Sannicola, appunto il nostro palazzo di via Vittorio Veneto. Fece affrescare la volta della stanza da letto dal pittore di Galatina Pietro Della Gatta, in breve questa stanza divenne il loro nido d’amore. Qui Don Ciccio nonostante il figlio non arrivasse, sempre più innamorato e soggiogato dalle virtù di Maria, dimenticò i suoi dispiaceri. Le ore in quella stanza passavano liete e ricche d’amore. Per nascondere alla moglie gelosa il regalo fatto alla serva e le lunghe ore passate in quel palazzo, aveva escogitato alcuni trucchetti ingegnosi. Il primo, ritrovato dagli attuali proprietari dell’immobile è un passaggio segreto, creato appositamente per nascondere nella cantina sottostante l’amante. Si tratta di un intercapedine, creata appositamente tra le possenti mura del prospetto del palazzo e la stanza da letto. In caso di visite o altro, attraverso questo passaggio segreto, si nascondeva l’amante alla vista del pubblico. Inoltre nel dipinto della volta, oltre alle scene di viaggi esotici che Don Ciccio prometteva alla giovane, vi erano le quattro stagioni e gli amorini al centro della volta a rappresentare il loro amore eterno, che sfidava il passare del tempo e le gelosie degli altri. Per convincere la moglie, invece Don Ciccio, aveva fatto dipingere una specie di auto ritratto della signora, che da una parte serviva a rassicurare la moglie, ma che a dannazione eterna della stessa, era costretta a guardare dall’alto del soffitto, l’onta dei due amanti avvolti sotto le coperte nei loro giochi d’amore. La storia intrigante e lunga non finisce qui, vi prometto presto un altro racconto legato al palazzo di via Vittorio Veneto. Aggiungo solo che, le altre due sorelle di Maria Ventura erano Emilia, madre dell’eroe caduto in guerra nel 1941 Americo Carluccio, sergente maggiore, decorato con la croce in argento e titolare di una via del paese. L’altra sorella Marsanofia, era la bisnonna dell’attuale proprietaria dell’immobile, Marzia Falco ( che all’anagrafe risulta avere il nome della bisnonna ) e dopo varie peripezie nel 2000, la stessa Marzia riacquista il palazzo di via Vittorio Veneto, dove oggi abita con la sua famiglia, dalla famiglia Pino. Americo Carluccio nato nel 1917, dalla sorella di Maria, Emilia che aveva sposato un Carluccio, viene adottato dalla famiglia di Don Ciccio Mariano e cresciuto fino all’età di 7-8 anni ( 1924 ) nel palazzo di via Plebiscito. In quell’anno il piccolo Carluccio, viene allontanato dal palazzo perchè muore il suo protettore Don Ciccio, ma anche perchè, in quell’anno vi erano stati dei casi di contagio in paese di ” Spagnola “, altrimenti conosciuta come la Grande Influenza, una pandemia influenzale che fra il 1918 e il 1920 uccise decine di milioni di persone nel mondo. È stata descritta come la più grave forma di pandemia della storia dell’umanità, avendo ucciso più persone della terribile peste nera del XIV secolo. Venne così cresciuto lontano da Tuglie e studiò presso il convitto Colonna di Galatina, retto dai Padri Scolopi. I Carluccio finiranno per ereditare non solo il palazzo di via Plebiscito , ma anche altri lasciti di Don Ciccio, tra cui un altro palazzo nelle vicinanze di via A. Carluccio a Tuglie. I Carluccio dopo varie vicissitudini e guerre legali, essendo proprietari del palazzo di via Plebiscito, lo vendono ai Gabellone negli anni 60′ dello scorso secolo.
  Raimondo Rodia
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Salvatore Malorgio
Malorgio dalla rappresent.
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...


Le ultime news di ADN-KRONOS
Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Webmaster: Felice Campa




To Top