Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Giovedi` 29 Settembre 2022
Oggi si festeggiano:
SS. Michele, Gabriele e Raffaele
SS Arcangeli


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Per S.Michele, la quaglia và e il tordo viene

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


TUGLIE
Borgo della Civiltà Contadina del Salento
I frantoi ipogei
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale

L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
Il Giornale
Libero
La Stampa
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il mercato in piazza
La grotta dei cervi
I dolci di Natale
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...
Uno Sport solo per Donne, il Mamanet

Altrevoci
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello

Salvatore Malorgio
L'artista...le opere
La mammana

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
In ricordo di Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
La Mammana - Quando i bambini nascevano in casa

      Visita ginecologica anni 50 - La Mammana - 2022 - olio su tela- cm. 50 x 70

Carissimi amici e amiche, questo è un altro tassello che aggiungo ai tanti temi tradotti sia in chiave artistica – e sia in modo letterario nella galleria del “ come eravamo “ pubblicata sul bellissimo sito dell’amico Felice Campa. Per la verità ci ho pensato molto a mettere in atto quest’opera che come soggetto, ancora una volta , non ho trovato riscontro in nessun altro pittore contemporaneo. L’argomento è quello che ha in sé una sacralità unica e universale che ha riguardato ciascuno di noi alla nostra nascita, noi figli del sud Italia e comunque di ciascun cittadino del nostro patrio suolo. In fondo l’avventura della nostra vita è iniziata proprio da questi eventi che hanno come attrice principale la mamma di ognuno di noi e dell’assistente al parto “la mammana“ così come è intesa al Sud Italia. Con questo lavoro ho intesso andare agli albori della nostra storia e della galleria storica tratta dai miei ricordi, là nel Salento. Con questo lavoro ho inteso omaggiare tutte le mamme e la figura dell’assistente al travaglio. Il tema trattato si evince da titolo ed è quello della nascita dei bambini che veniva praticato in casa.
Ovviamente il riferimento è datato e tale pratica era in auge fino agli anni cinquanta e parte degli anni sessanta in un tempo già abbastanza lontano dai giorni nostri, prima della diffusione di ospedali e cliniche private, le donne partorivano presso la propria abitazione. Il parto avveniva in modo concitato. Nell’imminenza del travaglio si allontanavano dall’abitazione uomini e bambini. Le donne adulte della casa o del vicinato entravano in azione riscaldando grandi pentoloni d’acqua e preparando le varie pezze di stoffa necessarie per il nascituro e la neo mamma. Tutte donne, insomma, perché il parto era ritenuto “cosa di donne”. Al marito spettava l’unica incombenza di andare a chiamare con urgenza la donna esperta di nascite che si era formata solo dopo una lunga pratica di parti. Queste donne che facevano nascere tutti i bambini erano chiamate “mammane”. Il nome deriva da mamma, perché come una seconda mamma, la mammana contribuiva a dare alla luce una creatura. Ella non era semplicemente una ostetrica, in realtà i suoi compiti di assistenza non si esaurivano con la nascita del bambino. Infatti, essa dava anche indicazioni alle madri sul riposo e sul mangiare nei giorni che seguivano al parto. Consigliava alla puerpera di mangiare per tre giorni dopo l’evento solo brodo di pollo, per evitare le febbri molto frequenti dopo il parto e per avere latte buono. Personalmente ricordo che quando nacque mia sorella Elena i padrini di battesimo regalarono ai miei genitori una gallina ( viva ) che servì a preparare il brodo per mia madre, quella era un’usanza che si applicava nella nostra società contadina. Durante il parto la mammana interveniva utilizzando rimedi naturali, come l’applicazione di panni caldi, per alleviare il dolore. Quando arrivavano i dolori uterini consigliava di bere la camomilla con delle foglie d’alloro (ora si usano gli antispastici). Con le sue mani riusciva a manipolare la posizione del bambino per farlo nascere in maniera corretta, permettendo così al bambino di venire al mondo nel migliore dei modi. Con l’acqua bollita fatta preparare e l’acido ossalico sublimato, la mammana poi puliva la mamma e il figlio. Nei primi giorni faceva i bagnetti al piccolo, gli medicava il cordone ombelicale e rifaceva la fasciatura.
Alcune osservazioni : In quegli anni, per la denutrizione, molti bambini crescevano con la colonna vertebrale o le gambe storte. Per le conoscenze mediche di allora, per evitare queste deformità, appena nati i piccoli venivano avvolti con una striscia lunga di tela che impediva al neonato ogni movimento. Anche per questi compiti, svolti fuori dell’ordinario, era normale che la gente portasse alle mammane massimo rispetto, riconoscenza e un certo timore. Nella fantasia popolare era ritenuta un personaggio persino magico, come una sorta di maga che allontanava il malocchio dal neonato. A quei tempi la superstizione era largamente diffusa. La mammana al sud, in tempi passati, in larga misura, era una figura positiva: era la donna esperta in tecniche di parto. In tempi passati tutti i mestieri si imparavano osservando da chi già esercitava un mestiere; nel caso della levatrice generalmente il mestiere veniva tramandato da madre in figlia.
Poteva succedere che i dolori per la futura mamma arrivassero inaspettati con l’assenza del marito che lavorava lontano in campagna, in sua assenza il compito di chiamare la mammana passava ad un componente della famiglia: “ Fuci , fuci , fiju meu, vanne e chiama la mammana”- ( corri, corri, figlio mio, vai a chiamare la mammana ) - . Erano gli anni del dopoguerra e la miseria si faceva sentire in molte case di contadini. Tempi in cui la donna collaborava fattivamente con il proprio marito, nel lavoro nei campi. E si “riposava”, forse, qualche settimana prima di partorire. Una storia sociale che ci umilia ma al tempo stesso ci ricorda come si nasceva in quegli anni, con grande dignità e come si preparavano le donne a vivere quel momento di una straordinaria esperienza di vita.
Il parto avveniva nella camera matrimoniale e si procedeva al battesimo la prima domenica successiva, perché si temeva per la sopravvivenza del bambino. Infatti molti erano i rischi legati al parto: aborti, malattie e anche morte del nascituro, la mortalità da parto in quel tempo era molto alta. In quel caso era la stessa mammana che officiava il battesimo perché aveva la dispensa e l’approvazione della chiesa. Ella in qualche modo entrava a far parte della famiglia in quanto ricopriva un ruolo importante anche successivamente al parto tramite controlli e visite a domicilio alla mamma e al suo bimbo; era una figura molto rispettata, e alle volte prestava gratis il suo “lavoro”, garantendosi così stima, affetto e ammirazione.
Reminiscenze e testimonianze personali : ricordo che a Tuglie vi erano due persone che rivestivano il ruolo di mammana. Una era Paola Riccardo che l’ho conosciuta quando mia zia Giuseppina ( la zì Pippi ) era incinta delle mie cugine Lucia e Giovanna. Era anche amica di mia zia e nell’imminenza del parto veniva a casa di mia nonna Fiorentina a trovare mia zia per visite di controllo. L’altra figura era Clara Epifani , moglie della guardia municipale Cosimo Miggiano ( lu Cosiminu guardia ). Quest’ultima ha fatto nascere buona parte del mio paese ed era una donna seria, gentile e capacissima nel suo lavoro di mammana. Sicuramente aveva il rispetto di tutti ed era riverita come una vera signora.
Tra i miei ricordi sull’argomento ne affiora uno, e mi riferisco alla nascita del mio amico Biagino Longo. I suoi genitori abitavano a fianco alla mia abitazione in via Corte Nuova. L’arrivo trafelato della mammana a casa della partoriente “ L’Acatuccia “ all’anagrafe ( Agata Tarantino ) ci fece capire a noi ragazzi che giocavamo per strada l’imminenza del parto. Lo percepimmo anche alcune frasi inusuali delle vicine di casa e il loro andirivieni eccitato. Ai primi lamenti della partoriente alcune vicine di casa imposero a noi ragazzi di andare via e allontanarci perché evidentemente non era un’esperienza positiva sentir gridare una persona, e poi non sapevamo in effetti cosa le stesse capitando di così tragico da farla urlare. Benché lontani un trentina di metri dal luogo non potevamo fare a meno di udire le urla della signora Agata, lunghe e persistenti che durarono per diversi minuti. Ricordo solo che noi ragazzi ci guardammo in faccia sgomenti e azzittiti , in un silenzio pieno di ansia e di perché. Sicuramente provammo dispiacere per quelle sofferenze. Il tutto fu mitigato da una vicina che uscendo di casa al alta voce dichiarò: “ è natu, ete masculu e ghe sciutu tuttu bbonu “, ( è nato, è un maschio ed è andato tutto bene ). Le astanti poterono così tirare un sospiro di sollievo e felicitandosi fecero gli auguri ad alta voce. Ricordo lo spirito che animava simili vicende, e cioè la solidarietà che la gente del rione provata gli uni per gli altri e quando nasceva un bambino in un certo senso era figlio di ognuno e la felicità dei genitori poteva essere paragonata a quella di tutti noi del glorioso rione Longa.

Commento all’opera:
Nell’osservazione dell’opera salta subito l’evidenza dell’ambiente povero , un po’ scalcinato con le pareti annerite dal fumo del grosso camino che era la vera ricchezza delle famiglie contadine che vivevano di stenti e dal pavimento consunto e scheggiato. Da notare che sulla parte destra del camino vi è un rialzo che serviva ad appoggiare pentolame vario e attrezzi da cucina ma nello specifico vi ho appoggiato una piccola seggiola. Serviva per far sedere i bambini a scaldarsi ( quando il fuoco era ridotto a brace ) nel periodo invernale. La scena l’ho voluta ambientare nella cucina con tanti suppellettili essenziali alla vita familiare per avvalorare ancora di più le condizioni economiche di gente disagiata. Si nota in primo piano un lume a petrolio ( lu petroju ), sul fondo appeso alla parete un altro lume che si usava all’esterno, vicino al camino il contenitore di argilla smaltata ( la capasa ) che conteneva l’acqua potabile con appeso il mestolo ( lu cuppinu ) per attingere e bere. Sull’estrema destra ho inserito un oggetto che quelli della mia età ricordano benissimo: Trattasi di un supporto metallico a tre piani, serviva per appoggiare in alto il catino in lamiera smaltata ( la limba ), sotto, un piattino portasapone. Ancora più in basso una brocca d’acqua d’uso comune nelle case che a quell’epoca erano prive di acqua corrente, per abluzioni parziali alla persona. Il vestiario delle protagoniste è leggero e questo fa pensare che la scena si svolge nella stagione estiva. Ho dipinto la donna e la levatrice adagiate su un saccone di paglia posto sul pavimento delle dimensioni adatte a un bambino. Era un’usanza normale specie d’estate dormire per terra su sacconi pieni di paglia dopo la mietitura e trebbiatura e per inciso lo era anche a casa mia. La scena ritrae una visita pre parto da parte della mammana che con lo stetoscopio ( mediamente di legno tornito e di grandi dimensioni ), ausculta il battito del bambino appoggiandolo sul pancione della sua mamma. Per quanto è stato possibile ho ritratto i lineamenti della giovane donna con il cipiglio di persona ansiosa ( e ne aveva di che preoccuparsi ) per le incognite che il parto poteva portare. In antitesi ho cercato di stampare un mezzo sorriso sul volto della mammana per sdrammatizzare lo stato ansioso della futura mamma e infonderle coraggio.


 

                Un saluto e un arrivederci a una prossima opera da Salvatore Malorgio
                                        pittore, opinionista e tugliese D.O.C.


                                       
Sito web: www.salvatoremalorgio.it

Per tornare su Salvatore Malorgio: l'artista, il pensiero, le opere clicca qui


Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio Imperiale
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Livio Calò recensione
Otello Petruzzi recensione
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top