Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Venerdi` 21 Giugno 2019
Oggi si festeggiano:
S. Luigi Gonzaga
S.Demetria mart.
S.Urcisino vesc.
SS.Rufino e Marzia m.ri


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Domanda sfrontata, risposta salata

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello


Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
La Storia che si fa racconto, e il racconto che può farsi Storia:
La vita a Tuglie negli anni della grande emigrazione, 1950-1980.
In una società, quella tugliese degli anni ’50, scandita ancora da ritmi atavici, battuti dall’orologio stagionale delle semine e dei raccolti, era impercettibile la sensazione di cambiamenti epocali.
L’istruzione elementare era diventata giuridicamente obbligatoria, ma rimaneva praticamente “facoltativa” in dipendenza delle reali condizioni economiche di ogni singola famiglia: la dispersione scolastica si fregiava ancora della percentuale maggioritaria rispetto alla frequenza abituale delle aule del “Largo Fiera”.
Eppure le “cose” tugliesi stavano cambiando…
L’età della ragione, che il Catechismo di Pio X faceva coincidere con il raggiungimento dei sette anni, si conquistava con il sedere tra i banchi della prima elementare: cominciava in questo modo la capacità di osservare, di analizzare, di ricordare, tutte facoltà intellettive collegate con la nuova e più esaltante realtà di socializzazione tra coetanei, diversa e più stimolante di quella famigliare, dove la coabitazione di nonni, genitori e nipoti, se da un lato consolidava i rapporti affettivi, di certo non forniva molti stimoli alla fantasia dei fanciulli.
Ricordo così gli anni ’50, gli anni della mia prima formazione scolastica. Anni belli, che ti aprivano gli occhi a tutto ciò che era al di fuori delle mura domestiche, ma furono anche gli anni che mi fecero avvertire lo spiacevole sentimento del distacco: il mio compagno di banco di prima e metà seconda elementare, lasciò definitivamente Tuglie per emigrare in Belgio con tutta la sua famiglia. Nei successivi anni delle elementari registrai, rattristato, altre partenze all’estero e, soprattutto, al Norditalia; non ho mai più visto quei compagni, allora bambini come me, oggi, come me, quasi settantenni…
E lo stillicidio di partenze, numerosissime in tutti quegli anni, in seguito un po’ di meno, sfilacciavano la tenuta di consuetudini sociali arcaiche che, pur dovendo fare i conti con una misera realtà economica, tuttavia tenevano saldi i rapporti parentali e famigliari in un’identificazione unitaria: “li Tujisi”…
Se l’emigrazione diretta in Svizzera era quasi vista da tutti come transitoria, momentanea, perché così inizialmente si presentava nelle sue caratteristiche di stagionalità, quella verso la Francia e il Belgio – l’esodo verso la Germania è venuto abbastanza tempo dopo – aveva già il sapore, per via anche della maggiore lontananza geografica, di un allontanamento definitivo, esattamente come quello che si era registrato a cavallo fra ‘800 e ‘900, verso gli Stati Uniti d’America.
Quali furono le “reazioni” del paese davanti a questo fenomeno così antico nella sostanza e così nuovo nella forma? Non potei avere consapevolmente il polso della situazione data la mia giovanissima età; tuttavia percepii il senso del disagio di tanti miei compagni le cui famiglie si erano “separate”: i padri, o addirittura entrambi i genitori, all’estero ed essi affidati alle cure delle sole madri, crudelmente ma realisticamente denominate “vedove bianche”, ma spesso accuditi da nonni o anziani zii che a distanza forse di decenni si dovettero reinventare genitori.
A fronte di questa amara realtà sul piano affettivo, si ebbe un cospicuo impulso alla crescita socio-economica, con benèfici effetti anche nella consistenza urbanistica, tant’è che la lunghezza perimetrale del paese si triplicò, forse anche di più. Nondimeno il livello medio di istruzione migliorò, soprattutto in conseguenza dell’istituzioe della Scuola Media Unificata, voluta dalla Legge n. 1859 del 31 dicembre 1962 ed installata a Tuglie nel 1964 a causa di tentennamenti e temporeggiamenti dell’Amministrazione Comunale dell’epoca, tanto che fu persino necessario il perentorio intervento del Prefetto, su sollecitazione del Provveditorato agli Studi di Lecce.
Nonostante il calo demografico attestato dal saldo negativo delle emigrazioni sui rientri e della mortalità sulla natalità, il paese godette di una tale vivacità produttiva in ambito commerciale e piccolo-industriale che fu uno dei primi del circondario a dotarsi di una zona destinata ad aziende e piccole fabbriche. Anche sul versante aggregativo di tipo socioculturale, conoscemmo un periodo abbastanza fecondo, concretizzato in una varietà di circoli culturali e sportivi, talvolta con malcelati sottintesi politici che, tuttavia, erano in grado di alimentare il dibattito interpolitico ed intergenerazionale; era inimmaginabile allora l’appiattimento che nel salto di qualche decennio si sarebbe impadronito di una comunità da sempre vivace, qualche volta anche polemica e aspramente critica, come attestano gli archivi storici di istituzioni locali civili e religiose.
Per concludere: i cambiamenti nel periodo esaminato in questo contributo, furono certamente di tendenza positiva e costruttiva, nonostante le separazioni o gli allontanamenti di interi nuclei familari, che mai più sarebbero ritornati per restarvi definitivamente, ma i loro costanti contatti col paese d’origine contribuivano all’arricchimento socio-economico e culturale del luogo natio.
Il rientro al paese di maestranze, soprattutto dalla Svizzera, portò ad uno svecchiamento di tecniche costruttive e di altro artigianato tipicamente locale e velocizzò i tempi di realizzazione di case ed altri edifici, grazie a sistemi di maggiore efficienza già collaudati nei paesi mittel-europei. Ma ahimè, vennero trascurate le consuete abilità edificatorie che per secoli e secoli avevano caratterizzato le abitazioni salentine.
L’emigrazione tugliese, dopo l’ondata “scatenata” di quei decenni, ha conosciuto qualche anno di calo, per riprendersi, da qualche tempo, con una’emorragia dolorosa e letale, sul piano demografico, che sta comportando conseguentemente una “mortalità” nei vari settori delle attività commerciali ed artigianali, determinando la chiusura o cessazione di piccole aziende esistenti in paese sin dall’immediato dopoguerra, se non addirittura da epoca anteriore. Le conseguenze di questa ondata migratoria sono inimmaginabili e forse vogliamo negarci ad immaginarle letali, per una forma di ostinato ottimismo per esorcizzarne le paure.

(tratto da: AA.VV., Voci Migranti, a cura dell’Ass.ne Emigranti Tugliesi, Torgraf, Galatina, 2017)
  Enzo Pagliara
Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Profili
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top