Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Martedi` 23 Luglio 2024
Oggi si festeggiano:
S. Apollinare
S.Bigida
S.Liborio


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Donne e oche, mangiane popche

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


TUGLIE
Borgo della Civiltà Contadina del Salento
I frantoi ipogei
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale

L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
Il Giornale
Libero
La Stampa
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Le dolci Serre Salentine
Tradizioni dell'Immacolata
Shakespeare
NO VENISTI A TENPO
Il mercato in piazza
La grotta dei cervi
I dolci di Natale
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...
Uno Sport solo per Donne, il Mamanet

Altrevoci
A Gigi
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello

Salvatore Malorgio
L'artista...le opere
A mio padre

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
In ricordo di Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Le ferite dell'anima …… e come guarirle : Evoluzione filosofica-spirituale


              La personalità nascosta - 2021 – olio su tela – cm. 40 x 50

Premessa: a volte mi capita di riflettere su alcuni aspetti che hanno il potere di condizionare la nostra esistenza in questo nostro mondo dove vige e si sviluppa sempre più il senso dell’apparire e non quello dell’essere nella forma genuina, senza artifizi e raggiri. Sono condotte che portano il soggetto che li subisce a crearsi una falsa rappresentazione della realtà: l'artifizio opera sulla realtà esterna tale da far apparire come vera una situazione che non trova riscontro nei fatti. Il raggiro, invece, agisce sulla psiche del soggetto che si auto convince mediante ragionamenti e false premesse che una situazione sia in un tal modo, quando ciò non è vero. L’essere realisti e razionali implica però la condizione minima di sapersi accettare così come si è , in piena libertà di esseri intelligenti e col bagaglio delle proprie esperienze.
Per quanto sopra , ogni tanto mi piace uscire dagli schemi pittorici usuali ( lavori che documentano storie antiche di contadini ) e addentrarmi in altri mondi con alla base sempre un lavoro figurativo ( che dovrebbe essere la massima espressione del pittore ) e raccontare, attraverso guizzi filosofici altre realtà come quella in esame: le falsità dell’individuo più o meno palesi e gli artefici della mente umana che ne determinano il carattere e il modo di essere e di agire.
L’osservazione della figura femminile nel dipinto induce indubbiamente a qualche riflessione sul tema dell’anima tormentata da incertezze e mancate sicurezze. Quali motivi spingono una persona a nascondere l’autenticità del proprio pensiero e trasporlo in una realtà diversa, inventandone una nuova in modo da rapportarsi al prossimo in un clima di continua finzione? Noi umani spesso abbiamo sempre la tendenza a nascondere la realtà delle nostre miserie. Gli adulti utilizzano la frase "le bugie hanno le gambe corte" al fine di incoraggiare l’impegno morale del bambino e stimolarlo a essere sincero. Tuttavia viene da chiedersi quale sia il motivo per cui un bambino o un adulto, dice le bugie e mente sistematicamente. Penso che il tema induce a pensare e giungere alla conclusione che, quando si dicono bugie ripetutamente il cervello potrebbe “adattarsi” velocemente alla disonestà e perdere di vista la realtà, ostacolando quella parte del cervello che gestisce le emozioni ad attivarsi bloccando le sensazioni emotive negative che disincentivano l’agire in modo corretto.
Capita molto spesso che ci dimentichiamo che ogni cosa in natura è perfetta e che tutto ha perfettamente senso. Ci dimentichiamo di essere creature , esseri creati da Dio, l’unico essere che crea dal nulla, ci dimentichiamo far parte del creato che non è solo materia ma spirito, e di essere anche noi partecipi della natura divina. Non ci accettiamo! Entriamo dunque in un limbo di sofferenza che ci porta a creare delle maschere che indossiamo sulla nostra personalità. Queste maschere corrispondono sempre a delle ferite dell'anima che possono essere più o meno profonde.
Le sofferenze dell'esser umano possono essere riassunte in alcune ferite che si riallacciano alla non accettazione di noi stessi e al non essere più fedeli al nostro Dio interiore : rifiuto, abbandono, umiliazione, tradimento, ingiustizia. Tutti noi, sostanzialmente, abbiamo sperimentato tutte queste ferite, e nella nostra vita attuale ci siamo confrontati con una o più di queste maschere da risolvere, nella più completa accettazione della perfezione della vita. Non è l'esperienza che importa, bensì il significato che le attribuiamo e che cosa proviamo interiormente dinnanzi a questa esperienza o evento; il nostro stato d'animo, o il nostro stato dell'essere. Fondamentalmente, la tappa più alta nella nostra esistenza è quella dell'amore incondizionato, ed ogni guarigione passa per un percorso di accettazione e di amore verso sé stessi, innanzi tutto.
Le ferite possono essere molto antiche ed anche profonde ed il compito dell'anima è quello di sanarle. A tal riguardo, è prezioso comprendere che la realtà che viviamo è perfetta così com'è. Dobbiamo assumerci la responsabilità delle nostre scelte e del fatto che ogni situazione in cui ci siamo trovati nella nostra vita è stata una preziosa opportunità per far luce sulle nostre ferite e guarirle.
Una precisazione : Il ragionamento di cui sopra espresso è pura filosofia associata al trascendentale e attenzione a non volerlo attribuire al pensiero filosofico del positivismo che fonda la conoscenza sui fatti reali e trae certezza esclusivamente dall'osservazione, per cui tutta la conoscenza dipende dal progresso della scienza positiva. Il mio ragionamento si alimenta solo nel campo della mente e del pensiero umano associato all’idea di religione e noi, in quanto esseri umani associati alla condizione di creature, cioè di esseri pensanti e intelligenti che fanno capo a un Creatore. Quindi tutto quello che è scienza, che ha la presunzione di poter risolvere qualsiasi cosa con qualche formula matematica, spesso non dimostrabile è bandito da questo discorso. Tendenzialmente sono a favore della difesa del cristianesimo, attraverso lo sviluppo dei problemi teologici su base filosofica, quindi prendo le debite distanze da certo esagerato idealismo positivista e dalle pretese di monopolizzare il tutto con la scienza. Il mondo e gli esseri umani fanno parte di un ordine e un fine che è opera di un creatore intelligente, e la scienza non può contestare questa verità, perché essa si trova al di là del suo orizzonte specifico. L'uomo quindi, essere del mondo, partecipa di una forza spirituale divina che si esprime al grado massimo : nell'estasi religiosa.
Commento all’opera : La personalità nascosta :
Questo è un lavoro che ha il sapore dell’allegoria, anzi, è una rappresentazione allegorica per esprimere il concetto di quello che è il titolo dell’opera. Mi sono servito di un corpo nudo di una bellissima ragazza in atteggiamento di nascondimento, quasi vergognoso, in posa raccolta, tale da nascondere il viso, ( ossia la sua vera natura intima ). Tiene tra le dita una maschera dietro la quale nasconde la sua nuova identità dissociata dalla sua autentica natura di donna, dal carattere ben definito che però non espone in pubblico ma preferisce il nascondimento. La maschera amorfa è il suo paravento, senza caratteristiche ben definite, dietro la quale simula una personalità inedita ma che non le appartiene. La maschera però, così come l’ho raffigurata non è un oggetto inanimato, ma ha la capacità di portare un messaggio seppure velato con lo sguardo verso la ragazza con l’accento di un sorriso appena abbozzato e lo sguardo di commiserazione per aver scelto l’occultamento della sua vera personalità che, se liberata da vincoli che premono sull’anima, dovrebbe essere solare e gioiosa. La ragazza ha scelto di soggiacere alla decisione di simulare un’altra personalità artefatta, non veritiera, intrisa di bugie e menzogne per motivi psicologici o per esperienze negative da cui non sa trovare le motivazioni giuste per uscirne. Dal punto di vista pittorico, il lavoro è molto eloquente nella descrizione riferita al titolo dell’opera e se mai, quello che c’è da osservare sono gli oggetti con i cromatismi ad essi associati che ho usato per l’interezza allegorica dell’opera. Il contrasto sullo sfondo grigio, molto carico rappresenta lo stato d’animo che vive in sofferenza e attinge e si alimenta dai vasi-scomparti della mente colmi di idee contraffatte e contorte, come i rami secchi di una pianta ivi rappresentata da cui scaturisce tutto il peso che grava sull’anima e tale da non accettarsi. Il nero del pavimento vuole essere il fondo più infimo della stessa, tormentata dall’insicurezza che lotta per uscire dalla condizione di costante disagio doloroso. Di fronte, sulla destra, la parete assume il colore del grigio chiaro che vuole indicare la possibilità concreta di trovare la chiave risolutrice per fuoriuscire dal tormento della condizione depressiva e quindi una possibile liberazione dall’abbattimento del suo tormentoso vivere. In alto a destra ho voluto dipingere un pannello floreale che per il linguaggio allegorico sta per la completa liberazione dei suoi tormenti, un anelito a cui aspira, quello di vivere la vita in piena libertà d’animo nel più assoluto ottimismo per una esistenza felice, finalmente libera da qualsiasi vincolo oppressivo.

A tutti / tutte un saluto fraterno . In fede : Salvatore Malorgio
 
Sito web: www.salvatoremalorgio.it

Per tornare su Salvatore Malorgio: l'artista, il pensiero, le opere clicca qui


Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio Imperiale
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline di Gigi Scorrano 
A Elena per Gigi
Ricordo di Gigi
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia
Antonio Montefusco

Antonio Montefusco
Santa Caterina
Luigi Scorrano
Marco Polo
Intervista su Dante

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Livio Calò recensione
Otello Petruzzi recensione
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top