Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Mercoledi` 8 Febbraio 2023
Oggi si festeggiano:
S. Girolamo Emiliani
S.Giovanni di Matha
S.Onorato vesc.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Polenta, il freddo non spaventa

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


TUGLIE
Borgo della Civiltà Contadina del Salento
I frantoi ipogei
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale

L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
Il Giornale
Libero
La Stampa
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il mercato in piazza
La grotta dei cervi
I dolci di Natale
I gelati e la pasticceria..
18 aprile 1948
Mesciu Saulle
Michele Cuppone
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...
Uno Sport solo per Donne, il Mamanet

Altrevoci
Il presepe del zio Toto
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
Lucio Causo-Poesie
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello


Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
In ricordo di Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Il senso del del Natale 2022: Accogliere Gesù che viene a rinnovarci
Ciao carissimi amici e amiche mie, fino a quando posso occuparmi di pittura cerco sempre di esprimermi al meglio delle mie capacità pittoriche e quando avvicina Natale, l’impegno creare un’opera a tema, così come da molti anni ormai, va di pari passo con quello di scrivere qualcosa che suoni come un messaggio augurale. Anche quest’anno mi sono cimentato con la realizzazione di un’opera a tema natalizio. Il risultato lo potete osservare di seguito; spero che sia di vostro gradimento e che vi susciti una qualche emozione. Per quanto riguarda l’opera vi rimando a fondo pagina con un breve sunto descrittivo della stessa.
In questo nostro tempo di guerre e miserie, apprensioni quotidiane e costanti incertezze, con questa nostra società che in larghissima parte ha abiurato Dio Creatore e ha perso la fede in Gesù Cristo, dove tutto è incerto ed effimero, con la consapevolezza del costante pericolo di un’apocalisse nucleare e la fine della creazione, la festa del Natale resta una piccola-grande consolazione per quelli che ancora, nonostante tutto, sentono scaldarsi il cuore al solo pensiero che Gesù viene a vivere in mezzo a noi. Anche quest’anno per grazia di Dio siamo giunti a festeggiare il Natale cristiano come si conviene a noi credenti che abbiamo ereditato il sapere e la fede dei nostri avi. Gesù Bambino viene ancora come stella luminosa a ricordarci la sua potenza e la sua santissima gloria. Lui è sempre stato e sempre sarà il padrone della storia di noi umani ed è venuto al mondo 2021 anni fa per ricordarci che noi gli apparteniamo per amore del Padre e che Lui con la sua morte e resurrezione ci ha fatti figli di Dio ed eredi immortali della sua stessa gloria. Questo è il nostro destino eterno e ci arriveremo principalmente per il suo amore e la sua divina misericordia essendo tutti peccatori e indegni di siffatta eredità.
Quest’anno vorrei solo mettere in rilievo quanto Lui sia degno di essere amato sopra ogni cosa a dispetto dei potenti della terra che Lo osteggiano e Lo combattono perché è di inciampo ai loro fini egemonici per “ una nuova era “ , che non è solo una trasformazione politica ed economica ma è una vera e propria trasformazione culturale con alla base il tentativo di eliminare il cristianesimo con la cancellazione delle radici cristiane su cui si è formata l’Europa e la nostra identità sostituendo il tutto con una nuova religione ( la religione umanitaria, cioè quella dell’uomo al posto di Dio ). Per quello che mi riguarda, dall’alto dei miei 74 anni, consapevole che la Provvidenza benevolmente mi lascia vivere ancora questo tempo, pur nella fatica di rendere testimonianza alla verità, mi sento in dovere di elencare ciò che conta e ciò che non conta con la più ampia libertà di sempre e dire quello che sento di dover di dire, affinché non si appesantisca ancor di più la mia responsabilità per aver taciuto di esprimere il mio pensiero e aver addomesticato la mia coscienza.

Lettera a Gesù Bambino :
E’ dunque per queste ragioni, caro Gesù, che mi sono deciso a scriverti anche in questo Natale. Non sono per nulla contento dei nostri Natali: anzi penso che sia una profanazione di ciò che veramente il Natale significa. Ci sono solo segni esteriori di festa con costellazioni di luminarie che impediscono la vista del cielo notturno e da molti anni ormai!
Il nostro è diventato un mondo senza infanzia. Siamo tutti vecchi e storditi, siamo un mondo di vecchi. Da noi, specialmente in Italia nascono pochi bambini, anzi pochissimi in rapporto a quelli che se ne vanno per sempre: non ci sono più bambini che ci possano allietare. Siamo tutti stanchi e avviliti. Le ultime prove del Covid e della guerra in Europa ci hanno messo addosso una cappa depressiva pesantissima. Tutta l’Europa è stanca: un mondo intero di vecchi stanchi. Il solo bambino delle nostre case saresti tu nel presepe, Gesù , ma sei un bambino di plastica! Per i più che non credono in Te sei solo un’idea che rimanda a un simbolo vuoto di significato e di valore assoluto, atto solo a imbastire una festa pagana che non ha nulla di trascendentale dato che sei stato declassato a semplice profeta del tuo tempo.
L’occidente non attende più nessuno, e tanto meno Tu: intendo il Gesù vero, quello che realmente anche ai nostri giorni non troverebbe un alloggio ad accoglierlo. Perché, per te, vero Dio e vero uomo, cioè per il Cristo vero, quello dei “Beati voi poveri e guai a voi ricchi”; quello che dice “Beati coloro che hanno fame e sete di giustizia …..”, per te, Gesù vero, non c’è posto nelle nostre case, nei nostri palazzi, neppure in certe chiese, anche se le tue insegne pendono da tutte le pareti. - Mi riferisco alla chiesa ortodossa russa che in questo tempo di conflitto è asservita al potere politico di quella nazione - .
Di te abbiamo fatto un Cristo innocuo: muto se possibile, e lo sei, tranne nella coscienza di ognuno, che non faccia male e non disturbi; un Cristo appena riscaldato da una dottrina vacua, senza peso morale e spirituale; uno che sia secondo i gusti dominanti; divenuto proprietà di tutta una borghesia consumistica all’insegna della dottrina illuministica che proclama il nuovo credo secondo il quale: ” Senza Dio si vive meglio ”. Vi ricordate? La storia insegna; tutto cominciò con la rivoluzione francese ….
Un Cristo appena ornamentale che sia solo un alibi per fare festa e non un segno di cercare oltre l’effimero, non un segno che induca a pensare che le moltitudini anelino a credere che nonostante tutto attendiamo ancora qualcuno che porti pace e giustizia .…
Eppure aldilà delle tante contraddizioni tu Gesù vieni ancora in questo mondo e vieni per la tua santa volontà di venire ubbidendo alla legge dell’amore infinito del Padre. E vieni non solo là dove fiorisce ancora un’umanità silenziosa e desolata, dove ci sono ancora bambini che nascono in povertà; dove non si ammazza e non si esclude nessuno pur nel poco che uno possiede, e insieme si divide il pane. Ma vieni anche fra noi, nelle nostre case così ingombre di cose inutili e così spiritualmente squallide. Vieni anche nella casa del ricco, come sei entrato un giorno nella casa di Zaccheo, che pure era un corrotto dalla ricchezza e in quella di tanti poveri come hai fatto quando eri perennemente peregrinante a dispensare benedizioni e miracoli di guarigione. Vieni come vita nuova e vieni per tutti quelli che non ti respingono ma che aprono il loro cuore perché la tua mamma Maria ti depositi nel loro alveo accogliente con tanto amore.
Sono comunque convinto che nelle nostre tribolazioni che oscurano la nostra vita non ci abbandoni e per le nostre solitudini e tristezze hai sempre una parola buona e ci infondi la speranza per vivere la vita in modo degno, da figli di Dio. Vieni e resta con noi a riempire i silenzi nel nostro cuore dove permane sempre più spesso la notte. Vieni a colmare il silenzio perché siamo smarriti e non sappiamo più cosa dirci, vieni in solitudine perché ognuno di noi è sempre più solo. Vieni come Figlio della pace perché il mondo non sa più cosa sia la pace. Vieni a cercarci perché ci ami anche se siamo lontani e smarriti, senza identità e senza meta ……
A voi amici e amiche mie auguro di incontrare e conoscere Colui che è il senso della vita di ciascuno: “il più bello fra i figli dell’uomo”, così la Sacra Scrittura parla di Gesù. Perché è per incontrare, conoscere e amare Lui, che siamo nati, che siamo stati voluti dalla notte dei tempi. Lui è lì, quando ci accasciamo per il dolore, ad abbracciarci. Quando ci perdiamo nella notte, Lui viene a cercarci e ci dice: “ non temere, sono qui Io”. E’ Lui che si carica sulle spalle i nostri fardelli…. Ed è sempre Lui, lo stesso che la società moderna ha declassato a un semplice maestro spirituale, quando non è stato addirittura infangato e vilipeso che : “ Per le Sue piaghe noi siamo stati guariti”… Lui è la nostra unica salvezza!
Festeggiamo il duemila ventiduesimo compleanno di Gesù Bambino con serenità d’animo perché a quelli che non lo hanno tradito Egli dona serenità e pace, quella vera, quella che solo Lui può dare. Il nostro Salvatore carissimi, sta per nascere! Rallegriamoci! Non c’è spazio per la tristezza nel giorno in cui nasce la vita, una vita che distrugge la paura della morte e dona la gioia delle promesse eterne. Nessuno è escluso da questa felicità!
Basta così ! Non mi resta che augurare a me stesso, alla mia famiglia e a ognun di voi e alle vostre famiglie semplicemente : BUON NATALE



Salvatore Malorgio – Natività 2022 – olio su tela – cm. 50 x 70

Commento all’opera : Natività 2022
Carissimi amici e amiche, ecco il risultato del mio impegno, un’opera ripetitiva ( questa è la diciottesima natività ) ma sempre diversa nella rappresentazione e anche se gli attori sono sempre gli stessi la differenza sta nella posa e nell’atteggiamento dentro questo evento unico nella storia dell’umanità. Cerco sempre di effondere attraverso le posture dei protagonisti il sentimento di amore di questa famiglia, nell’atto di contemplare il piccolo Gesù con Maria che accenna a un velato sorriso. A questo concorrono anche le presenze delle comparse così mansuete che a loro insaputa concorrono a riscaldare col loro respiro quella grotta in piena notte, presenze occasionali e testimoni di quell’evento che non ha precedenti nella storia umana e che riempiono la scena. Ho immaginato che oltre al bue e all’asinello ci possa essere stata anche la presenza di ovini visto che la grotta era adibita al riparo di animali tipici per la pastorizia che si praticava in quella regione. I due agnellini che sono accostati esprimono al meglio il sentimento di pace e tenerezza in quell’avvenimento ed hanno anche un valore simbolico e allegorico, tali da essere accostati a Gesù che è l’agnello di Dio, appena diventato uomo come noi. Come sempre ad avvalorare la visione d’insieme concorre il fattore disegno, volumetrie e tecnica coloristica con la scelta dei colori e le diverse intensità con cui sono stati usati. In questo genere di pittura di arte sacra mi sono ispirato ai maestri del passato che facevano risaltare la rappresentazione col gioco di luce che si sprigiona quando il fondo è scuro e quasi piatto, senza profondità ma che contribuisce a esaltare al massimo il contrasto delle figure in primo piano e dei colori. Spero che quest’opera sia di vostro gradimento, a me è servita per stare tanti giorni per la sua realizzazione a contatto con il divino per meglio assimilare la portata del Natale con la presenza della sacra famiglia che spero mi accompagni sempre con la mia famiglia a traguardi di pace e serenità.
Vi abbraccio e vi auguro ancora : Buon Natale

 

                Un saluto e un arrivederci a una prossima opera da Salvatore Malorgio
                                        pittore, opinionista e tugliese D.O.C.


                                       
Sito web: www.salvatoremalorgio.it

Per tornare su Salvatore Malorgio: l'artista, il pensiero, le opere clicca qui


Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio Imperiale
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Livio Calò recensione
Otello Petruzzi recensione
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top