Tuglie...per raccontar paese...
 
Tuglie...per raccontar paese...


Almanacco

Mercoledi` 23 Ottobre 2019
Oggi si festeggiano:
S. Giovanni da Cap.
SS. Germano e Servando
S.Severino,S.Eliseo mar.


A chi oggi festeggia
onomastico o compleanno
ed è nato sotto questo segno:
Auguri!

Proverbio del giorno
Vino, legna e amici, più invecchiati e più felici

Home

Calendario 2013
Festa Patronale 2011
Festa Patronale 2012
Festa Patronale 2014
Manifestazioni & Eventi

Televideo RAI


L'informazione oggi
Il Corriere-Politica
Il Corriere-Cronache
Repubblica-Politica
Il Foglio
Repubblica-Prima pagina
Panorama
Il Fatto Quotidiano
Il sole 24 ore
Giornalettismo.com
AffarItaliani.it
Lettera 43
Corriere salentino
Lecce Prima on line
Il paese nuovo on line
PiazzaSalento on line
Il Quotidiano di Puglia
Gazzetta Mezzogiorno
L'Unità
Il Giornale
Libero
La Stampa
MicroMega
La Gazzetta dello Sport
La Gazzetta Calcio
Notizie di Borsa
ANSA-Top news
ADN-KRONOS Politica
AGI Cronaca
AGI Politica

Andiamo al cinema?
I films in provincia
A Casarano
A Gallipoli
A Taviano
A Collepasso
A Nardò
A Surbo
A Lecce
Guarda tutti i trailer

Il paese della Calandra
di Raimondo Rodia
Il Salento che vorrei
La notte di S. Giovanni
Il bosco delle fate
Don Camillo e Peppone
Le serre salentine
Le serenate pasquali
Le mute terre...
Un nido d'amore...
Loriana Notaro
Villa Luisa
Il Museo della Radio...
Si faceva il "Bucato"
Le Tavole di San Giuseppe
Le banane.....di Tuglie
La focareddrha
Tuglie... e il suo gioiello
Una domenica...

Altrevoci
A mio padre
Ricordo di zia Luigia
Gli Americani a Tuglie
Un Garibaldino a Tuglie
La mia Azione Cattolica
Riflessioni
In ricordo di mio fratello
I ricordi di una bambina
Una vendemmia particolare
25 Aprile 1945
Quel Natale degli anni '50
I Docili
Appello Chiesa S.Girolamo
Il viaggio dell'eroe
L'orco e la bambina
Mario Donadei
Giuseppe Merenda
Sara Nocera-Il poeta dei....
Sara Nocera-Un labirinto..
Sara Nocera-La lampada..
Giuliana Coppola-A Silvio..
La favola di .....Luna
Troppo rumore fa....
Tullio Sponziello

Salvatore Malorgio
L'artista...le opere

Tuglie
Un nuovo Teatro a Tuglie
Ritrattino di Tuglie
Tuglie vista dal satellite
Panorama a 180°
Il nome "TUGLIE"
I rioni
Gli ulivi di Tuglie
Museo civiltà contadina
FSE al Palazzo Ducale
Tuglie e l'Unità d'Italia
Antonio Palumbo
Un nome....una contrada
Montegrappa
Alpini a Tuglie
I Tugliesi del 2000
Tuglie nei libri
Il restauro del Calvario
Restauro facciata Chiesa
Il Giardinetto Aragona
Gemellaggio Villaverla
Cippo agli Alpini
Tuglie che cambia
La donna del monumento
Laboratorio ecomuseale
I 100 anni della Piazza
I 50 anni del Mosaico
Una storia da raccontare

Cenni storici
Le origini
La storia
Le chiese
Palazzi-Monumenti
Il Calvario

Lucio Causo: Ricerche
Reazioni filoborboniche...
Vigilanza polizia borbonica
La crisi economica del 900
Ampliamento territorio
Congregazione di carità
La famiglia Venturi
La stazione ferroviaria
Tuglie Borbonica del 1827
Causa Tuglie-Minervino
Profilo di Lucio Causo
Un secolo di Ferrovia
Il culto dell'Annunziata
La"Sagra" di Vittorio Locchi
La Madonna del Grappa
Cesare Vergine (Diario)
CasermaCarabinieri Tuglie
Luigi Venuti
Festa del Giovedì Santo
Piazza Garibaldi
Dr. Cesare Vergine
La Madonna Pozzo
Macrurano rupestre

G. Pisanello: Tradizioni
L'angolo di Giampiero
Riti & Feste (Video)
Venerdì Santo
Le Caremme
Sant'Antonio
San Giuseppe
La Candelora
Madonna del Carmine
Madonna del Grappa
Sacro Cuore di Gesù
La festa patronale
La Matonna te la Nunziata

Tuglie...per raccontar paese...
Piccole attività contadine



                         Piccole attività contadine - 2012 - olio su tela - cm. 60 x 80.jpg

La carrellata di alcune mie opere ispirate alla vita contadina della gente Salentina continua…………in pratica continuano i miei ricordi ………!
In questo lavoro da me realizzato a Tuglie nel Settembre 2012 mi sono ispirato innanzitutto a mio padre , lu Saiu te lu Rraona e al mio nonno Buonaventura , lu nonnu Vanura quando (negli anni cinquanta - primi anni sessanta ) , erano intenti alla manutenzione dei loro attrezzi necessarie per esplicare al meglio il lavoro nei campi , avendo cura di averli in ottimo stato e della mia nonna Fiorentina , la nonna ‘Ntina che nei pomeriggi assolati era sempre presa dal cucito e dal rammendo . Ricordo che i pantaloni dei rispettivi personaggi erano un’accozzaglia di pezze a volta sovrapposte e dai colori differenti tali da formare una specie di carta geografica . Era un lavoro ciclico di intervento a cui bisognava far fronte ogni qualvolta se ne presentava la necessità , non rimandabile né prorogabile , ( quasi tutti si arrangiavano da soli ) . Da mio padre e da mio nonno ho appreso l’arte del “ fai da te “ che ho mantenuto e sviluppato nel corso della mia vita , chi mi conosce a fondo può testimoniarlo .
Io , come ho auto modo di dire in altre occasioni simili , fin da ragazzo sono stato sempre un buon osservatore , dove c’era una qualche attività specie artigianale perdevo le migliori ore ad osservare lavorare e a cercare di imparare qualcosa . Per quanto riguarda i lavori di campagna avevo mio padre come istruttore e tutore ed essendo che lui ha sempre preteso un aiuto concreto sia da me che da mia madre , fin da piccolo mi ha fatto assaggiare le fatiche del lavoro manuale . Non di rado , quando mi diceva che dovevo raggiungerlo al pomeriggio ( dopo la scuola che ho frequentato fino all’età di diciassette anni ) , in quanto aveva bisogno di me , mi venivano i sudori freddi specialmente quando si trattava di chinare la schiena con la zzappitedra o la sarchialura , (la stessa rappresentata nel quadro ), per togliere le erbacce prima che lui zappasse con la zappa pesante “ te scatina “ perché la loro presenza impediva o rallentava l’affondo della lama nel terreno . Ricordo che dopo appena una mezz’ora avevo la schiena rotta e mi chiedevo come facesse lui a lavorare tante ore così di lena e per giunta ogni giorno . Per giunta , quando eseguivo tale faticosa incombenza , per non pestare il terreno appena smosso , friabile e umido che si attaccava sotto le scarpe , facevo il lavoro andando in marcia indietro . Lui prima mi osservava , poi mi faceva vedere come dovevo fare ( a marcia avanti ) e siccome io insistevo a fare di testa mia , la seconda o la terza azione correttiva si accompagnava con un sonoro ceffone , pesante come il piombo con quelle mani callose da dinosauro e corredato dal commento : ( allora sì caputostu , nun ‘mboi cu me senti , ai scire a nnanzi e nù arretu . Sulamente li zzucari vane arretu ! ) . Intendiamoci , io ero avvezzo ai suoi ceffoni , in quanto avevo anch’io il mio caratterino non sempre malleabile e pronto ad assecondarlo così come lui pretendeva , ma non gli ho mai rinfacciato niente , col tempo ho capito che le mazzate ca aggiu buscatu erane tutte sante e benaditte !
L’iniziazione all’attività pratica del lavorio artigianale l’ho avuta da lu nonnu Vanura all’età di circa otto o nove anni , da lui che possedeva tanti attrezzi di falegnameria. Un giorno che ero andato a trovarlo presso la sua abitazione in via G.Verdi : ( andavo spesso dai miei nonni materni , gli unici che ho avuto , perché stavo bene con loro e li volevo molto bene. A loro ci tenevo tantissimo e loro mi hanno sempre ripagato con grande affetto , a me poi , unico nipote maschio ! ) . Quasi subito ho sentito i rumori tipici del martello che picchia su delle assi di legno provenienti dalla terrazza della cucina . Lavori di falegnameria ! La mia passione ! Sempre curioso e interessato sono salito dalla piccola scala esterna e dopo i saluti usuali mi sono messo ad osservarlo in venerabile silenzio . Stava costruendo o meglio modificando il vecchio pollaio , lo stava ampliando , ( era uso delle famiglie contadine allevare almeno qualche gallina e qualche coniglio ) che erano la fonte primaria di proteine e il che non era poco . Dopo un po’ di tempo mi diede il martello in mano e pescando intra a nu caleddru vecchiu te buatta , mi diede alcuni chiodi tutti storti e arrugginiti e mi invitò a raddrizzane qualcuno su una piastra di ferro usata da supporto sulle traversine di legno su cui appoggiavano le rotaie della ferrovia , arrivata in suo possesso non so come ! Ci misi tutta la mia perizia e il dovuto impegno per riuscire nell’intento , dietro i suoi consigli . Dato che il risultato fu accettabile dalla sua espressione di compiacimento mi invitò a inchiodare delle assi ( te strasceddre ). Lui le posizionava tenendo contemporaneamente in verticale uno dei chiodi appena raddrizzati i , poi mi invitata a battere sulla testa del chiodo , prima piano per poterlo invitare nel legno e senza colpirlo sulle dita , poi toglieva la mano e mi sollecitava a martellare sul chiodo fino in fondo , poi rigirava il manufatto e mi faceva piegare il gambo del chiodo fuoriuscito dalla parte opposta . Tale operazione si ripeté tante volte fino al lavoro finito , inutile dire che lui era contento della sua opera ma io certamente ho provato una vera soddisfazione con un pizzico di orgoglio per quanto ero riuscito a fare .
Ma….torniamo al dipinto ………! Intanto bisogna dire che queste attività , almeno a casa mia prendevano l’arco del pomeriggio Domenicale in quanto gli altri giorni erano dedicati perlopiù a tempo pieno al lavoro in campagna . Tra le attività primarie , la prima consisteva nella manutenzione degli attrezzi da lavoro , principalmente zzappe , zzappiteddre , sarchialure , rapatielli ecc. . Il lavoro consisteva essenzialmente nell’ancorare il manico della zappa ( lu mmargiale ) nell’occhio della zappa in modo ottimale e ben affrancato curando anche l’angolo della lama rispetto all’asse del manico . E’ chiaro e intuitivo che dopo ripetuti movimenti dovuti all’uso ripetitivo poteva succedere che l’affrancatura veniva meno con grave disagio del lavorante. Gli attrezzi in uso erano essenzialmente un martello , un po’ di cuoio inserito doppio nell’accoppiamento manico - zappa , accavallato e tenuto fuori in tensione e separato da un’assicella di legno di ulivo che, una volta affrancato e messo a bagno in acqua ne aumentava la tenuta . Di alcune piastre di ferro rastremate a sezione leggermente conica che , battute col martello sempre nell’accoppiamento manico – zappa , ne consentivano il serraggio ottimale . L’altro attrezzo indispensabile era un supporto su cui lavorare , l’ottimo era un ceppo di legno così come rappresentato nel dipinto . Non di rado mio padre, quando non riusciva a trovare la misura ottimale delle piastre fra quelle in suo possesso , usava in alternativa vecchie monete dell’epoca con l’effigie del monarca , c’era sempre a disposizione un piccolo tesoro in fondo a nu caleddru te alluminiu che ancora conservo .
L’altra attività era la manutenzione della bicicletta , l’unico vero vanto del contadino ! Era lo status symbol della categoria . I mezzi , dato l’uso di trasporto persone e di carichi pesanti ( per esempio interi sacchi di olive ) su percorsi sconnessi di campagna , erano un po’ conciati , imbrattati di polvere e con parti arrugginite , ma la differenza la facevano gli assi delle ruote che ognuno cercava di tenere sempre lucidi con l’uso di appendere sopra la superficie esterna un collare possibilmente di cuoio ricavato magari da qualche veccia scarpa . Poi venivano le riparazioni delle ruote , a volte si tornava a casa a piedi per le frequenti forature dovute ai percorsi accidentati e al consumo eccessivo delle coperture . Quasi sempre si arrivava a consumare il battistrada fino ad arrivare a intravedere le trame della tela prima di sostituirli . D’altra parte nell’economia delle famiglie questo era la regola da seguire un po’ per tutti . Ricordo gli attrezzi riposti in un sacchetto cucito da mia madre portato sempre a corredo nel tascapane della bicicletta ( li posseggo ancora per ricordo ), qualche chiave con le teste multiple a culozza che avevano varie misure per teste di bulloni e le immancabili cacciacurazze per smontare la cambretaria l’immancabile pompa cu lu caulisciùru , la limba cu l’acqua per vedere i punti di foratura , li forfici pè preparare le pezze te cambretaria usata , lu mastice e lu labbisi copiativu pè segnare li carotti . Una menzione particolare la meritava la vista te le cambretarie tutte chine te pezze in alcuni punti sovrapposte . L’altro aspetto da curare erano li freni a bacchette e le scarpette . Quando in base al consumo tirando le leve al manubrio andavano a fondo corsa con frenata scarsa , si era soliti deformare piegando con l’uso di una tenaglia le bacchette più lunghe in modo da accorciarne la misura e recuperare la corsa , questa operazione era usuale e ripetitiva tanto da deformarle in modo irreversibile .
Un’altra attività a cui si ricorreva col fai da te era la cura e la manutenzione che il contadino aveva per le scarpe da lavoro . Ricordo mio padre che , quando lo riteneva opportuno , diverse volte l’anno , un pomeriggio lo dedicava a questa attività . Le scarpe di provenienza militare ( comperate quasi sempre alla festa te la Lizza alli Picciotti erano importanti almeno quanto la bicicletta , in quanto dovevano essere rese morbide quanto bastava ad essere calzate senza danni ai piedi e dovevano essere anche idrorepellenti . Il contatto continuo anche della tomaia con la terra , sovente umida , specie quando si zappava in profondità , doveva consentire una buona tenuta . Alla bisogna si usava passare sovente sulla tomaia ( lu siu ) , sego animale , quasi sempre puzzolente e rancido che unito all’odore degli interni scarpe , facevano sì che tali oggetti erano sempre relegati il più lontano possibile dalle aree di soggiorno . Molta attenzione si poneva all’usura delle suole che dovevano durare il più a lungo possibile . Negli anni cinquanta e sessanta gli scarponi militari erano suolati quasi esclusivamente di cuoio , questo faceva sì che si prestavano molto bene a inchiodarvi come rinforzo le tacce te fierru sulle punte e sui talloni e di borchiare il resto della superficie di contatto al suolo con una serie di chiodi a testa grossa simili a quelli usati dai tappezzieri . Prima di questa operazione mio padre usava ricoprire le suole inchiodandovi sopra cu le samanzelle parti di copertone di bici dismesso ( non andava buttato niente ) , un sistema per salvaguardare ancora di più il consumo .
Ovviamente c’erano anche altre micro attività aggiuntive alle principali di cui sopra . In primavera veniva fatta la manutenzione della pompa usata per pompare periodicamente la vigna . Si agiva principalmente sullo stantuffo che scorreva nel cilindro e sui leveraggi lubrificandoli con olio , di oliva naturalmente , non c’era altro tipo di olio in uso . Questa operazione includeva anche la preparazione dell’ossido di rame ( lu verderame ) usato come anticrittogamico che veniva comprato a scaglie grosse come piccoli sassi e per agevolare lo scioglimento nell’acqua miscelata con un po’ di calce che serviva da ancorante sulle foglie della vite , lo si sgretolava il più finemente possibile sul pavimento di casa schiacciandolo con la zappa pesante .
A Giugno -Luglio in seguito alla mietitura e alla raccolta mediante espianto dei legumi maturati sulla pianta fino al completo essiccamento dei baccelli , si procedeva prima allo stacco manuale degli stessi dalle piante , se pulizzane le pisaddrare , (in questo termine erano inclusi tutti i legumi ) e poi dopo ulteriore esposizione al sole sulle lambie te le abitazioni , a essiccamento totale , si eseguiva la battitura col maglio di legno , ( la stompatura cu lu maju ) e la prima cernita a caduta libera sfruttando anche una leggera brezza che consentiva la divisione dei legumi dagli scarti , poi successivamente una seconda cernita manuale intra alli cranari .
Al tempo della vendemmia si usava fare la manutenzione alle botti per contenere il nuovo vino , all’uopo si procedeva prima con ripetuti sciacqui all’interno scotendo e ruotandole con intervalli brevi e all’esterno con una pezza imbevuta d’acqua per far prendere umidità al legno , poi dopo una nottata a bagno si rinforzavano battendo i cerchi verso la pancia per aumentare la pressione di contatto del fasciame e per ultimo si procedeva alla ‘nzurfatura che consisteva nell’accendere qualche centimetro di corda di zolfo legato a un filo di ferro e introdotto all’interno della botte attraverso il foro di carico . Si chiudeva col tappo e si lasciava bruciare fino a completa combustione , il tutto aveva lo scopo di disinfettarle da possibili residui di acido acetico , dannoso per in nuovo prodotto .
A Novembre , dopo la spillatura del vino nuovo si procedeva ai primi travasi in damigiane o botti più piccole con operazioni che richiedevano tempo e perizia . Potrei continuare ma……..mi fermo qui ! E’ sempre la passione per l’arte pittorica che mi dà modo di descrivere queste cose , certamente quelli della mia età le conoscono già ma …..….le nuove generazioni ? Loro non le hanno vissute e molti mai le vivranno perché irrimediabilmente perse . Ne ho avuto la riprova proprio questo Settembre , sono partito da Tuglie oltre la metà del mese senza sentire il classico profumo inebriante del mosto . Ho chiesto a un produttore come mai , la risposta è stata : ormai qui non si vendemmia più , il mosto arriva da altri siti e magari a maturazione inoltrata ! Che tristezza !! Pertanto quello che ho descritto sono come sempre , tratti della mia biografia e le mie esperienze di ragazzo vissuto a Tuglie per il primo ventennio della mia esistenza . Il solo scopo di queste mie storie è quello divulgativo e di coinvolgimento dei miei coetanei o quasi , sperando ovviamente che qualcuno mi legga . E’ sempre bello ricordare le cose vissute e condivise che ci accomunano e nelle quali ci si ritrova , almeno in parte , ma le ritengo utili soprattutto per le nuove generazioni , senza alcuna pretesa di insegnare loro niente , i miei sono solo strascichi di vita vissuta scritti con la passione di raccontare la nostra Amarcord Tugliese. Lo spunto scaturisce sempre dalla mia passione di dipingere scene della nostra gente e la molla di commentarne i contenuti ha il solo scopo di rendere testimonianza e ampliare la conoscenza di quello che era la vita in quegli anni del dopoguerra . In tutto questo sono stato ispirato da un C.D di Renzo Arbore di qualche anno fa dal titolo “” Prima che sia troppo tardi …………….”” E poi , mi piace pensare che ci sia sempre qualche giovane con un tasso di interesse tale da spingerlo a interessarsi di queste cose che sono alla base delle proprie radici o più semplicemente , mosso solo da pura curiosità , personalmente ne sarei già contento. Comunque …. chissà ……!!
Sito web: www.salvatoremalorgio.it

Per tornare su Salvatore Malorgio: l'artista, il pensiero, le opere clicca qui


Tuglie...per raccontar paese...
Asterischi
di Gerardo Fedele
Guida turistica
Presentaz. Coppola rossa
Tuglie: quali origini?
Storie di presepi
La presenza di un amico
Radiobase, etereo mito...
Toponomastica e
Unità d'Italia

Storie di paese...

Collecta,electa,memoranda
di Enzo Pagliara
+


Storie
La storiella della Madonna
Le tajate
Vi racconto Montegrappa
I murales di Joele
Ricordando Joele
Maurizio
Provenzano,origini
di una tradizione

Ricordando Ugo
Per Silvio
Antonio Minerba
Mescia Rita Pino
A Cristian Quartini
L'Ercole te la benzina

Cartoline 
Una facciata, quasi  un ...
Un bambino ascolta il mare
La stazione
Largo Fiera, per memoria
Il mio Largo Fiera
Via XXIV Maggio
Un luogo ideale
Via Sant’Antonio
Una via fiorita
Una scoperta che
viene dall'America
Dedicato a mio nonno
Tugliesi quel giorno 
La lista dei passeggeri
La nave Republic

Museo della radio
Inaugurazione
Orari - Brochure
Visita virtuale
Frantoio ipogeo
Abbassa la tua radio

Tugliesi nel mondo
Louis Imperiale
Sylvain Tarantino
Tuglie a New York
Antonio Coluccia

Turismo a Tuglie
Corte dei Simonari
Tenuta La Baronessa
Residenza Mosco
Villa Rodogallo
Agriturismo Nanni
Villa Paradiso
Villa Oasi
B&B Almacanto
Villa Panorama sullo Ionio
Le corti di Tuglie
Masseria Carignani

Storia e leggenda

Profili
Luigi Ruggero Cataldi
Mino Stamerra
Sinu Matinese
Davide Raia
Sabrina Manco
Adriano Imperiale
Sara Nocera
Nunzia Imperiale
Mino De Santis
Mino De Santis Caminante
Mino De Santis Muddhriche
Emily De Salve
Liana Primiceri
Silvana Mottura-Poesie
Don Nicola Tramacere
Antonio Pagliara
Cesare Vergine
Ambrogio Piccioli
Aldo Garzia
Egidio Cataldi
Giuseppe Ria
Cosimo Sponziello
Silvio Nocera
Giuseppe Solida
L'arte di Giuseppe Solida
Rosa Parata
Lu Battista
Fernando Pino
Fiore Gnoni
Mesciu ‘Ntunucciu
Al Maestro Ant. Malecore 
Salvatore Guarini

Curiosità
 La Festa dell'Annunziata
Cartapestai di casa nostra
Santi sotto campana
Antica barbieria Ingrosso
L’Annunciazione sui pizzi
La puteca te li Papaionaca
I proverbi sulle monete
L'acchiatura
Le Caremme di Tuglie 2006
Le Caremme 2007
Le Caremme 2008
Le Caremme 2009
Le Caremme 2010
Le Caremme 2011
Le Caremme 2012
Le Caremme 2013
Le Caremme 2014
Tugliesi...puricini
Piazza Garibaldi 1912
Nevicata in Piazza
Giuseppe Piccioli Pianista
L'università di Tuglie
Grecità a Parabita
Retaggi linguistici
Tuglie nei dizionari
Carnevaliamo...insieme
Puru nui taniane la rete...
Festa della  Mamma USV
Filatelia: Tuglie e Albania
Non chiamatele vecchiette
Pensieri...Festa Patronale

Culacchi
Che ore sono?
La banana della Madonna
La mezza-vendetta di Santa Barbara

L'associazionismo:
Le associazioni
La Calandra
Aurora
Gruppo Scout Tuglie
Ekagra
Gruppo Incontri
Protezione Civile C.O.R.
Associaz.Emigranti Tugliesi

Sport 
Calcio Giovanile Tuglie
Talion Volley Tuglie
Associaz. Podistica Tuglie
Gare Podistica Tuglie2008
Gare PodisticaTuglie 2009
Gare PodisticaTuglie 2010
Gare PodisticaTuglie 2011
Gare PodisticaTuglie 2012
Gare PodisticaTuglie 2013
Gare PodisticaTuglie 2014
Gare PodisticaTuglie 2015
Gare PodisticaTuglie 2016
Gare PodisticaTuglie 2017

Le raffinatezze a Tuglie
Vini Michele Calò
Liquori Villantica
Banane e Spumoni

Foto
Nella Tuglie di ieri
Cosimo Sponziello...Le foto
Non solo foto...
Siamo...obiettivi!
Tuglie...by night
Luci di Natale 2011

Firma degli ospiti
Ricerca nel sito

Il nostro indirizzo e-mail:




Diventa amico di TuglieMeteo


Visita il Salento

Tuglie...per raccontar paese...



Tutti i marchi, foto, immagini e scritti presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari.
E' severamente vietato copiarne i contenuti.
Sito ottimizzato per:
Explorer Firefox Opera Chrome Safari


Impostare la risoluzione a 1024x768px o sup.

Aggiungi Tuglie... per raccontar paese ai Preferiti

Sito ideato e realizzato da Felice Campa

Privacy Policy


To Top